Home » Limba Sarda » Sale Maria » Sa Bibbia in sardu: Sa Sabientzia - capitulu 6

Immagini del paese

Ch neve 2005.4.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 7158316

Notizie del giorno

 
Sa Bibbia in sardu: Sa Sabientzia - capitulu 6 PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 
Venerdì 20 Aprile 2018 16:21

di Maria Sale

SABIENTZIA – CAPITULU 6

II. Salomone e sa chirca de sa sabientzia

Sos res deven chircare sabientzia

 

1) Iscurtade, o res, e chircade de cumprendere, imparade, guvernantes de sa terra.

2) Parade s’orija, bois chi dominades trumas de zente e sezis fieros de sa cantidade de sos populos bostros.

3) Su cumandu ‘ostru benit dae su Segnore, sa potentzia ‘ostra dae s’altissimu, su cale at a isgianimare sas oberas bostras e at a prammizare sos propositos bostros,

4) pruite, puru essende ministros de su regnu sou, no azis guvernadu giustamente, ne azis osservadu sa legge, ne bos sezis cumportados sigundu su cherrere de Deus.

5) Cun terrore e chena perdere tempus issu s’at a pesare contr’a bois ca su giudisciu est pius severu pro sos chi sun pius in altu.

6) Su miseru meritat piedade, ma sos potentes ten-èssere isgianimados cun rigore.

7) Su Segnore de totu no si cuat de fronte a niunu, no at suggessione de sa mannosìa, pruite isse at criadu su minore e su mannu a dat contu a totu a sa matessi manera.

8) Ma subra sos potentes prammizat una chirca rigorosa

9) Perintantu a bois, sovranos, sun puntadas sas peraulas mias, pro chi imparedas sa sabientzia e no epèdas mai a rùere.

10) Chie mantenet santamente sas cosas santas at a èssere santificadu e chie in issas s’est istruìdu b’at agatare s’ampàru.

11) Disizade, pro cussu, sas peraulas mias, bramadelas e nd’azis a retzire impàros. Sa sabientzia si lassat agatare

12) Sa sabientzia est lughente e chena neu perunu, cun fatzilidade est cuntemplada dae chie l’amat e chie la chircat l’agatat.

13) Prevenit, pro si faghere connoschere, a sos chi la disizan.

14) Chie si pesat chito pro issa no s’at a istracare, l’at agatare setzida in su giannile sou.

15) Riflittidebei, subr’a issa est sa perfessione de sa sabiesa, chie bizat pro a issa at a èssere luego chena affannos.

16) Issa-e-totu andat in chirca de sos chi sun dignos de issa, lis cumparit bene disposta in sos caminos, los abbojat cun dogni benevulentzia.

17) Su printzipiu sou sintzeru est su disizu de s’istrutzione, sa cura de s’istrutzione est amore;

18) s’amore est in s’osservantzia de sas legges suas; su rispettu de sas legges galentit s’immortalidade,

19) e s’immortalidade faghet istare affacca a Deus.

20) Duncas su disizu de sa sabientzia che gighet a su regnu.

21) Si duncas, sovranos de sos populos, bois bos indellettades in tronos e in iscettros, onorade sa sabientzia, pro chi potedas regnare sempre. Salomone s’aprontat a narrere a peraulas sa sabientzia

22) Apo a narrere it’est sa sabientzia e coment’est chi est nàschida, no bos tenzo cuados sos segretos suos. Apo a sighire sas trattas suas dae s’incomintzu, apo a ponnere in lughe sa connoschentzia sua, no m’apo a istrejire dae sa veridade.

23) No m’at a faghere cumpagnia s’imbidia chi cunsumit, ca issa no at nudda a cumone cun sa sabientzia.

24) S’abbundantzia de sabios est sa salvesa de su mundu, unu re sabiu est sa salvesa de unu populu.

25) Lassadebos, duncas, ammaèstrare dae sas peraulas mias e nd’azis àere profetu.

Testo in lingua italiana

Sapienza - Capitolo 6

II. Salomone e la ricerca della sapienza

I re devono ricercare la sapienza

[1]Ascoltate, o re, e cercate di comprendere; imparate, governanti di tutta la terra.

[2]Porgete l'orecchio, voi che dominate le moltitudini e siete orgogliosi per il gran numero dei vostri popoli.

[3]La vostra sovranità proviene dal Signore; la vostra potenza dall'Altissimo, il quale esaminerà le vostre opere e scruterà i vostri propositi;

[4]poiché, pur essendo ministri del suo regno, non avete governato rettamente, né avete osservato la legge né vi siete comportati secondo il volere di Dio.

[5]Con terrore e rapidamente egli si ergerà contro di voi poiché un giudizio severo si compie contro coloro che stanno in alto.

[6]L'inferiore è meritevole di pietà, ma i potenti saranno esaminati con rigore.

[7]Il Signore di tutti non si ritira davanti a nessuno, non ha soggezione della grandezza, perché egli ha creato il piccolo e il grande e si cura ugualmente di tutti.

[8]Ma sui potenti sovrasta un'indagine rigorosa.

[9]Pertanto a voi, o sovrani, sono dirette le mie parole, perché impariate la sapienza e non abbiate a cadere.

[10]Chi custodisce santamente le cose sante sarà santificato e chi si è istruito in esse vi troverà una difesa.

[11]Desiderate, pertanto, le mie parole; bramatele e ne riceverete istruzione.

La sapienza si lascia trovare

[12]La sapienza è radiosa e indefettibile, facilmente è contemplata da chi l'ama e trovata da chiunque la ricerca.

[13]Previene, per farsi conoscere, quanti la desiderano.

[14]Chi si leva per essa di buon mattino non faticherà, la troverà seduta alla sua porta.

[15]Riflettere su di essa è perfezione di saggezza, chi veglia per lei sarà presto senza affanni.

[16]Essa medesima va in cerca di quanti sono degni di lei, appare loro ben disposta per le strade, va loro incontro con ogni benevolenza.

[17]Suo principio assai sincero è il desiderio d'istruzione; la cura dell'istruzione è amore;

[18]l'amore è osservanza delle sue leggi; il rispetto delle leggi è garanzia di immortalità

[19]e l'immortalità fa stare vicino a Dio.

[20]Dunque il desiderio della sapienza conduce al regno.

[21]Se dunque, sovrani dei popoli, vi dilettate di troni e di scettri, onorate la sapienza, perché possiate regnare sempre.

Salomone si accinge a descrivere la sapienza

[22]Esporrò che cos'è la sapienza e come essa nacque; non vi terrò nascosti i suoi segreti. Seguirò le sue tracce fin dall'origine, metterò in luce la sua conoscenza, non mi allontanerò dalla verità.

[23]Non mi accompagnerò con l'invidia che consuma, poiché essa non ha nulla in comune con la sapienza.

[24]L'abbondanza dei saggi è la salvezza del mondo; un re saggio è la salvezza di un popolo.

[25]Lasciatevi dunque ammaestrare dalle mie parole e ne trarrete profitto.

Ultimo aggiornamento Venerdì 20 Aprile 2018 16:26
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):