Home » Limba Sarda » Sale Maria » Sa Bibbia in sardu: Sa Sabientzia – capitulu 7

Immagini del paese

castello10.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 6446226

Notizie del giorno

 
Sa Bibbia in sardu: Sa Sabientzia – capitulu 7 PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 
Lunedì 30 Aprile 2018 11:53

di Maria Sale


SABIENTZIA – CAPITULU 7

Salomone no fit ateru che un’omine

1) Deo puru so un’omine mortale comente totu, erede de su primu essere impastadu de terra. So istadu fatu de carre in sinu de una mama.

2) In tempus de deghe meses assodadu in su sambene, frutu de su semene de un’omine e de su gosu cumpagnu de su sonnu.

3) Deo puru, puntu naschidu, apo torradu alenu in s’aria e so rutu subra una terra ch’est pretzisa pro totu, pesende in su piantu, che pare pro totu, sa prima ‘oghe mia.

4) So istadu pesadu in fascas e tentu contu.

5) Perunu re est naschidu in atera manera.

6) In sa vida si intrat e si ‘essit a sa matessi manera. Istima de Salomone pro sa sabientzia

7) Pro custu apo pregadu e in donu m’an dadu sa prudentzia, apo invocadu e-d’est bennidu a mie s’ispiridu de sa sabientzia.

8) L’apo preferida a iscettros e a tronos, apo istimadu chi, in cunfrontu a issa, fit nudda sa ricchesa,

9) No l’apo paragonada mancu a una prenda chi no at preju, pruite totu s’oro cunfromma a issa est un’aizu de rena, e che ludu at a bàlere sa prata de fronte a issa.

10) L’apo amada pius de sa salude e de sa bellesa, l’apo preferida fintzas a sa lughe, pruite su lugore sou no calat mai.

11) Umpare cun issa mi sun bennidos totu sos benes, in manos suas est una ricchesa chi no s ‘ischit cantu ‘alet.

12) Apo gòdidu de totu sos benes, pruite sa sabientzia los ghìat, mainnòraia chi issa fit sa mama de totu.

13) Chena ingannu apo imparadu e chena imbidia deo dò, no las cuo sas ricchesas suas.

14) Issa, pro sos omines, est unu siddadu chi no finit mai, chie si la procurat s’attraet s’amistade de Deus, a issu sun raccumandados pro mesu de sos donos de s’issinzamentu sou. Invocatzione a s’ispirassione divina

15) Mi cuntzedat Deus de faeddare sigundu connoschentzia e de pensare in modu dignu de sos donos chi apo retzidu, pruite isse est ghìa de sa sabientzia e sos sabios retzin da issu s’orientamentu.

16) In podere sou semus nois e sas peraulas nostras, dogni intelligentzia e dogni nostra abilidade.

17) Isse m’at cuntzessu sa connoschentzia chi no podet faddire in peruna cosa, pro cumprendere comente est fatu su mundu e sa fortza de sos elementos.

18) S’incomintzu, sa congruìda e sa mesanìa de sos tempos, su cambiapare de sos solstitzios e su sighire de sas istajones,

19) su giru de s’andare de sos annos e sa posidùra de sos astros,

20) sa natura de sos animales e s’istintu de sas belvas, su podere de sos ispiritos e sos arrejonamentos de sos omines, sa cantidade de sas piantas e s’importantzia de sas raighinas.

21) Totu su chi est cuadu e su chi est mustradu deo l’isco, ca m’at istruidu sa sabientzia, artefitze de ‘onzi cosa. Bantu de sa sabientzia

22) In issa bat un’ispiritu abbistu, santu, unicu, mannu meda, sùttile, chi si movet, prenettosu, chena mancia peruna, limpiu, chi no offendet a niunu, chi cheret su bene, acutu,

23) liberu, beneficu, amigu de s’omine, istabile, siguru, chen’afannos, onnipotente, onniveggente, e chi allughet totu sos ispiritos abbistos, puros e fines meda.

24) Sa sabientzia est su pius abile de totu sos movimentos: pro sa puresa sua s’isparghet e penetrat donzi cosa.

25) Est un’emanassione de sa potentzia de Deus, unu nuscu sanu de sa gloria de s’onnipotente, pro custu nudda de impestadu in issa podet intrare.

26) Est unu riflessu de sa lughe perenne, un’ispiju limpiu de sa faina de Deus e un’immazine de sa bonidade sua.

27) Mancari siat s’unica, issa podet totu, fintzas imbarendesi in issa-etotu, totu annoat, e dae tempos e tempos, intrende in sas animas santas, issa frommat amigos de Deus e profetas.

28) Nudda, difatis, Deus amat si no chie vivet cun sa sabientzia.

29) Issa est pius bella de su sole e superat dogni truma de astros; posta a costazu de sa lughe, issa est mezus;

30) a sa lughe, difatis, sighit sa notte, ma contras de sa sabientzia sa malidade no podet binchere.

Testo in lingua italiana

Sapienza - Capitolo 7

Salomone non era che un uomo

[1]Anch'io sono un uomo mortale come tutti, discendente del primo essere plasmato di creta. Fui formato di carne nel seno di una madre,

[2]durante dieci mesi consolidato nel sangue, frutto del seme d'un uomo e del piacere compagno del sonno.

[3]Anch'io appena nato ho respirato l'aria comune e sono caduto su una terra uguale per tutti, levando nel pianto uguale a tutti il mio primo grido.

[4]E fui allevato in fasce e circondato di cure;

[5]nessun re iniziò in modo diverso l'esistenza.

[6]Si entra nella vita e se ne esce alla stessa maniera.

Stima di Salomone per la sapienza

[7]Per questo pregai e mi fu elargita la prudenza; implorai e venne in me lo spirito della sapienza.

[8]La preferii a scettri e a troni, stimai un nulla la ricchezza al suo confronto;

[9]non la paragonai neppure a una gemma inestimabile, perché tutto l'oro al suo confronto è un pò di sabbia e come fango sarà valutato di fronte ad essa l'argento.

[10]L'amai più della salute e della bellezza, preferii il suo possesso alla stessa luce, perché non tramonta lo splendore che ne promana.

[11]Insieme con essa mi sono venuti tutti i beni; nelle sue mani è una ricchezza incalcolabile.

[12]Godetti di tutti questi beni, perché la sapienza li guida, ma ignoravo che di tutti essa è madre.

[13]Senza frode imparai e senza invidia io dono, non nascondo le sue ricchezze.

[14]Essa è un tesoro inesauribile per gli uomini; quanti se lo procurano si attirano l'amicizia di Dio, sono a lui raccomandati per i doni del suo insegnamento

Invocazione all'ispirazione divina

[15]Mi conceda Dio di parlare secondo conoscenza e di pensare in modo degno dei doni ricevuti, perché egli è guida della sapienza e i saggi ricevono da lui orientamento.

[16]In suo potere siamo noi e le nostre parole, ogni intelligenza e ogni nostra abilità.

[17]Egli mi ha concesso la conoscenza infallibile delle cose, per comprender la struttura del mondo e la forza degli elementi,

[18]il principio, la fine e il mezzo dei tempi, l'alternarsi dei solstizi e il susseguirsi delle stagioni,

[19]il ciclo degli anni e la posizione degli astri,

[20]la natura degli animali e l'istinto delle fiere, i poteri degli spiriti e i ragionamenti degli uomini, la varietà delle piante e le proprietà delle radici.

[21]Tutto ciò che è nascosto e ciò che è palese io lo so, poiché mi ha istruito la sapienza, artefice di tutte le cose.

Elogio della sapienza

[22]In essa c'è uno spirito intelligente, santo, unico, molteplice, sottile, mobile, penetrante, senza macchia,

terso, inoffensivo, amante del bene, acuto,

[23]libero, benefico, amico dell'uomo, stabile, sicuro, senz'affanni, onnipotente, onniveggente e che pervade tutti gli spiriti intelligenti, puri, sottilissimi.

[24]La sapienza è il più agile di tutti i moti; per la sua purezza si diffonde e penetra in ogni cosa.

[25]E' un'emanazione della potenza di Dio, un effluvio genuino della gloria dell'Onnipotente, per questo nulla di contaminato in essa s'infiltra.

[26]E' un riflesso della luce perenne, uno specchio senza macchia dell'attività di Dio e un'immagine della sua bontà.

[27]Sebbene unica, essa può tutto; pur rimanendo in se stessa, tutto rinnova e attraverso le età entrando nelle anime sante, forma amici di Dio e profeti.

[28]Nulla infatti Dio ama se non chi vive con la sapienza.

[29]Essa in realtà è più bella del sole e supera ogni costellazione di astri; paragonata alla luce, risulta superiore;

[30]a questa, infatti, succede la notte, ma contro la sapienza la malvagità non può prevalere.

Ultimo aggiornamento Lunedì 30 Aprile 2018 12:03
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):