Home » Limba Sarda » Sale Maria » Sa Bibbia in sardu: Sa Sabientzia – capitulu 12

Immagini del paese

Panorami 4.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 7154877

Notizie del giorno

 
Sa Bibbia in sardu: Sa Sabientzia – capitulu 12 PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 
Lunedì 02 Luglio 2018 12:09

di Maria Sale


SABIENTZIA - CAPITULU 12

1) ca s’ispiridu tou incorrutibile est in totu sas cosas.

2) Pro custu tue castìgas a pagu a pagu sos gulpevoles e los ammùnis ammentendelis sos peccados insoro, pro chi, rinneghen sa malidade e crèan in tegus, Segnore.

Moderassione de Deus pro Canaan

3) Tue odiaias sas zentes antigas de sa terra santa,

4) ca faghian delitos de ischivire, pratigas de majias e ritos sacrilegos.

5) Custos ispiedados bocchidores de sos fizos insoro, mandigadores de minuzos in apparitzos cun peta de omine, invisciados a rebottadas.

6) Babbos e mamas boccìnos de vidas chena ampàru perunu, tue los as cherfidos distruere pro manu de sos giajos nostros;

7) pro chi èsserat retzidu una zenìa digna de fizos de Des sa terra chi tue as istimadu pius de ogni atera.

8) Ma fintzas cun issos, sende omines, ses istadu benignu mandendelis trumas de espes a copinnantis de s’esercitu tou, pro chi los èsseren distrutos a pagu a pagu.

9) Puru potende dare in cumbata sos malos in manos a sos giustos, o puru potendelos distrùere cun bestias ferotzes o tot’in-d’unu mamentu cun-d’unu cumandu accanidu,

10) Colpendelos invece a pagu a pagu, lassaisti logu a su penetimentu, puru si tue ignoraias chi sa ratza insoro fit revessa, sa malidade insoro naturale e chi sa mentalidade insoro no podiat cambiare,

11) ca fit una zenia malaita dae s’incomintzu. Rejones de custa moderassione No tzertu pro timoria de chiesisiat lassaisti chena punidas sas gulpas insoro.

12) E chie ti podet dimandare:”ite as fatu?”, o chie si podet ponnere contr’a una sententzia tua? Chie si diat proare a t’accusare pro s’iscartu de zentes criadas dae a tie e totu? Chie si diat podet parare contr’a tie comente amparadore de omines ingiustos?

13) Non b’at Deus fora de a tie, chi èppat cura de totu sas cosas, de su cale tue ti depas difendere dae s’accusa de zuighe ingiustu.

14) Ne unu re ne unu tirannu ti dian pòdere affrontare in difesa de sos chi as punidu.

15) Essende giustu, guvernas totu cun giustiscia, cundennare chie no meritat su castigu lu cunsideras incumpatibile cun sa potentzia tua.

16) Sa fortza tua est printzipiu de giustiscia. Su dominiu tou universale ti rendet benignu cun totu.

17) Mustras sa fortza si no si creèt in s’onnipotentzia tua e che faghes furriare s’insolentzia in sos chi la connoschen.

18) Tue , padronu de sa fortza, das giudisciu pasidu, nos guvernas cun meda pascescia, ca su podere lu mustras cando cheres tue.

Letziones divinas pro Israele

19) Agende in cussa manera as imparadu a su populu tou chi su giustu devet amare sos omines, e as pienu sos fizos tuos de dulche ispera, ca tue, pustis de su peccadu, cuntzedis sa possibilidade de si penetire.

20) Si zente inimiga de sos fizos tuos e digna de sa morte, tue l’as punida cun tantu riguardu e indulgentzia, cuntzedendeli tempus e manera pro ponnere rimediu a sa malvagidade,

21) cun canta attentzione as punidu sos fizos tuos, cuncluende cun sos babbos in giuramentu, alliantzias e gai bonas prommissas?

22) Duncas, mentres chi nos curreggis, tue colpis sos inimigos nostros in chimai maneras, pro chi in su zuigare riflittemus subra sa bonidade tua e isperemus in sa miserigordia, cando amus a èssere zuigados. Ancora sos egitzianos. Sa punitzione insoro est de continu.

23) Pro cussu, cantos an vividu ingiustamente in manera iscabada tue los as turmentados cun sos abominios insoro matessi.

24) Issos si che fini istrejidos troppu in su caminu de s’errantzia, cretende deos sos pius ispretziados e ascamosos animales, trampados che pitzinnos chena giudisciu.

25) Pro custu, che a criaduras chi no cumprenden, lis as mandadu unu castigu pro beffa.

26) Ma chie no si lassat curreggere dae sos castigos de beffa, at a iperimentare unu giudisciu dignu de Deus.

27) Difatti, suffrende pro custos animales, si indignaian, ca fin punidos cun sos matessi esseres chi istimaian pro deos, e an cumpresu e riconottu su veru Deus, chi innanti no aian cherfidu connoschere. Pro custu s’est lampadu subr’a issos su pius mannu de sos castigos.


Testo in lingua italiana

Sapienza - Capitolo 12

[1]poiché il tuo spirito incorruttibile è in tutte le cose.

[2]Per questo tu castighi poco alla volta i colpevoli e li ammonisci ricordando loro i propri peccati, perché, rinnegata la malvagità, credano in te, Signore.

Moderazione di Dio verso Canaan

[3]Tu odiavi gli antichi abitanti della tua terra santa,

[4]perché compivano delitti ripugnanti, pratiche di magia e riti sacrileghi.

[5]Questi spietati uccisori dei loro figli, divoratori di visceri in banchetti di carne umana, iniziati in orgiastici riti,

[6]genitori carnefici di vite indifese, tu li hai voluti distruggere per mano dei nostri antenati,

[7]perché ricevesse una degna colonia di figli di Dio la regione da te stimata più di ogni altra.

[8]Ma anche con loro, perché uomini, fosti indulgente mandando loro le vespe come avanguardie del tuo esercito, perché li distruggessero a poco a poco.

[9]Pur potendo in battaglia dare gli empi in mano dei giusti, oppure distruggerli con bestie feroci o all'istante con un ordine inesorabile,

[10]colpendoli invece a poco a poco, lasciavi posto al pentimento, sebbene tu non ignorassi che la loro razza era perversa e la loro malvagità naturale e che la loro mentalità non sarebbe mai cambiata,

[11]perché era una stirpe maledetta fin da principio. Ragioni di questa moderazione Non certo per timore di alcuno lasciavi impunite le loro colpe.

[12]E chi potrebbe domandarti: «Che hai fatto?», o chi potrebbe opporsi a una tua sentenza? Chi oserebbe accusarti per l'eliminazione di genti da te create? Chi si potrebbe costituire contro di te come difensore di uomini ingiusti?

[13]Non c'è Dio fuori di te, che abbia cura di tutte le cose, perché tu debba difenderti dall'accusa di giudice ingiusto.

[14]Né un re né un tiranno potrebbe affrontarti in difesa di quelli che hai punito.

[15]Essendo giusto, governi tutto con giustizia. Condannare chi non merita il castigo lo consideri incompatibile con la tua potenza.

[16]La tua forza infatti è principio di giustizia; il tuo dominio universale ti rende indulgente con tutti.

[17]Mostri la forza se non si crede nella tua onnipotenza e reprimi l'insolenza in coloro che la conoscono.

[18]Tu, padrone della forza, giudichi con mitezza; ci governi con molta indulgenza, perché il potere lo eserciti quando vuoi.

Lezioni divine per Israele

[19]Con tale modo di agire hai insegnato al tuo popolo che il giusto deve amare gli uomini; inoltre hai reso i tuoi figli pieni di dolce speranza perché tu concedi dopo i peccati la possibilità di pentirsi.

[20]Se gente nemica dei tuoi figli e degna di morte tu hai punito con tanto riguardo e indulgenza, concedendole tempo e modo per ravvedersi dalla sua malvagità,

[21]con quanta attenzione hai castigato i tuoi figli, con i cui padri concludesti, giurando, alleanze di così buone promesse?

[22]Mentre dunque ci correggi, tu colpisci i nostri nemici in svariatissimi modi, perché nel giudicare riflettiamo sulla tua bontà e speriamo nella misericordia, quando siamo giudicati.

Ancora gli Egiziani. La loro punizione è progressiva

[23]Perciò quanti vissero ingiustamente con stoltezza tu li hai tormentati con i loro stessi abomini.

[24]Essi s'erano allontanati troppo sulla via dell'errore, ritenendo dei i più abietti e i più ripugnanti animali,

ingannati come bambini senza ragione.

[25]Per questo, come a fanciulli irragionevoli, hai mandato loro un castigo per derisione.

[26]Ma chi non si lascia correggere da castighi di derisione, sperimenterà un giudizio degno di Dio.

[27]Infatti, soffrendo per questi animali, si sdegnavano, perché puniti con gli stessi esseri che stimavano dei,

e capirono e riconobbero il vero Dio, che prima non avevano voluto conoscere. Per questo si abbatté su di loro il supremo dei castighi.

 

12 - continua

 

Ultimo aggiornamento Lunedì 02 Luglio 2018 12:14
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):