Home » Limba Sarda » Sale Maria » Sa Bibbia in sardu: Sa Sabientzia – capitulu 16

Immagini del paese

IMG_2875.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 7158578

Notizie del giorno

 
Sa Bibbia in sardu: Sa Sabientzia – capitulu 16 PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 
Giovedì 16 Agosto 2018 09:19

di Maria Sale


SABIENTZIA - CAPITULU 16

Sigundu contrapassu: sas ranas

1) Pro custu sun istados giustamente punidos cun esseres similes e turmentados dae meda animaleddos.

2) Invetze de tale castigu, tue as beneficadu su populu tou, pro nd’appagare s’apetitu mannu lis as preparadu unu mandigu bonu e saboridu, sas cuaglias.

3) Sos egitzianos, difatis, mancari abbramidos de mandigu, disgustados dae sos animales imbiados contr’a issos, perdein fintzas su naturale apetitu, custos invetze , pustis de paga privassione, an assaboriadu unu mandigu saboridu.

4) Fit netzessariu chi a-i cussos inimigos lis èsseret bennida addossu una carestia manna e chi a-i custos s’èsseret mustradu solu comente fin turmentados sos inimigos insoro.

Tertzu contrapassu: tzilipisches e coloras de brunzu

5) Cando los at assaltiados sa terribile ira de sos animales e sun mortos dae sos mossos de sos serpentes, s’ira tua no est durada fintzas a sa fine.

6) Pro curregimentu sun istados assuconados pro unu pagu tempus, apende gia apidu in pignu sa salvesa pro lis ammentare sos decretos de sa legge tua.

7) Difatis, chie si ‘oltaiat a l’abbaidare fit salvu, non pro su chi ‘idiat, ma solu dae a tie, salvadore de totu.

8) Fintzas cun cussu as cunvintu sos inimigos nostros chi tue ses su chi liberat dae donzi male.

9) Sos egitzianos, difatis, sun mortos dae sos mossos de tzipilisches e de muscas, ne s’agateit unu rimediu pro sa vida insoro, meritendesi de essere punidos in cussa manera.

10) Invetze contras a sos fizos tuos mancu sas dentes de serpentes velenosos an potidu nudda, ca est intervennida sa miserigordia tua a los sanare.

11) Pro chi s’ammenteren de sas peraulas tuas, lantados dae sos mossos, fin luego sanos, pro timòria chi, ruttos in profundu olvidu, ch’esseren istados fora dae sos benefitzios tuos.

12) No los saneit ne un’erva ne un’unghentu, ma sa peraula tua, o Segnore, sa cale sanat donzi cosa.

13) Tue, difatis, as podere subra sa vida e subra sa morte, che faghes falare in fundu fintzas a sas giannas de sos ìnferos e nde faghes torrare a pigare a subra.

14) S’omine podet bocchire in sa malvagidade sua, ma no podet faghere torrare un’ispiridu già esaladu, ne liberare un’anima già aggolta in sos ìnferos.

Cuartu contrapassu: su randine e su mannà

15) Fuire a sa manu tua est impossibile:

16) sos malos, chi rifiutan de ti connoschere, sun istados colpidos cun sa fortza de su bratzu tou, pessighidos dae istranas abbas e randine, dae irridos bundantes e mandigados dae su fogu.

17) E cosa pius istrana, s’abba chi totu istudat acchicat de piùsu su fogu: s’universu si faghet alleadu de sos giustos.

18) A bortas sa fiama s’abbasciaiat pro brujare sos animales imbiados contras de sos malos e pro lis fagher cumprendere bidendelu chi fin pessighidos dae su giudisciu de Deus.

19) Ateras bortas fintzas in mesu s’abba sa fiama brijaiat pius potente de su fogu pro distruere sos rebuddos de una terra ingiusta.

20) Invetze as passadu su famine a su populu tou cun-d’unu mandigu de sos anghelos, dae chelu as offertu a issos unu pane già prontu chena fadiga, capatze de dare ‘onzi delissia e suddisfaghere ‘onzi gustu.

21) Cust’alimentu tou mustraiat sa dulchesa chi as pro fizos tuos, issu s’adattaiat a su gustu de chie l’ingugliat e si mudaiat in su chi donzunu disizaiat.

22) Nie e astrau aguantaian a su fogu chena s’isolvere, pro chi esseren connotu chi su fogu distruiat sos frutos de sos inimigos atzendendesi in mesu su randine e brujende sutta s’abba pioana.

23) A s’imbesse, pro chi s’esseren alimentados sos giustos, s’irmentigaiat fintzas de sas virtudes suas.

24) Sa creassione, difatis, ponzende mente a tie creadore, s’arrempellat pro punire sos ingiustos, ma s’addulchit in profetu de sos chi in tegus an fide.

25) Pro custu fintzas tando, adattendesi a totu, serviat a sa voluntade tua chi dat alimentos a totu, sigundu su disizu de chie nd’at bisonzu,

26) ca sos fizos tuos chi amas, o Segnore, esseren cumpresu chi no sun sas tantas calidades de fruttures chi alimentan s’omine, ma sa peraula tua bardat sos chi in tegus creèn.

27) su chi difatis no fit istadu distrutu dae su fogu, s’isolviat puntu iscaldidu da unu raju de sole,

28) pro chi s’esseret ischidu chi si devet bidere su sole pro ti torrare grascias e pregaredi cando ispuntat sa lughe

29) Ca s’ispera de s’ingratu s’at a isolvere che lentore ierritzu e s’at a isperdere che abba chi no balet a nudda.

 

Testo in lingua italiana

 

Sapienza - Capitolo 16

Secondo contrappasso: le rane

[1]Per questo furon giustamente puniti con esseri simili e tormentati da numerose bestiole.

[2]Invece di tale castigo, tu beneficasti il tuo popolo; per appagarne il forte appetito gli preparasti un cibo di gusto squisito, le quaglie.

[3]Gli egiziani infatti, sebbene bramosi di cibo, disgustati dagli animali inviati contro di loro perdettero anche il naturale appetito; questi invece, dopo una breve privazione, gustarono un cibo squisito.

[4]Era necessario che a quegli avversari venisse addosso una carestia inevitabile e che a questi si mostrasse soltanto come erano tormentati i loro nemici.

Terzo contrappasso: cavallette e serpente di bronzo

[5]Quando infatti li assalì il terribile furore delle bestie e perirono per i morsi di tortuosi serpenti, la tua collera non durò sino alla fine.

[6]Per correzione furono spaventati per breve tempo, avendo gia avuto un pegno di salvezza a ricordare loro i decreti della tua legge.

[7]Infatti chi si volgeva a guardarlo era salvato non da quel che vedeva, ma solo da te, salvatore di tutti.

[8]Anche con ciò convincesti i nostri nemici che tu sei colui che libera da ogni male.

[9]Gli egiziani infatti furono uccisi dai morsi di cavallette e di mosche, né si trovò un rimedio per la loro vita, meritando di essere puniti con tali mezzi.

[10]Invece contro i tuoi figli neppure i denti di serpenti velenosi prevalsero, perché intervenne la tua misericordia a guarirli.

[11]Perché ricordassero le tue parole, feriti dai morsi, erano subito guariti, per timore che, caduti in un profondo oblio, fossero esclusi dai tuoi benefici.

[12]Non li guarì né un'erba né un emolliente, ma la tua parola, o Signore, la quale tutto risana.

[13]Tu infatti hai potere sulla vita e sulla morte; conduci giù alle porte degli inferi e fai risalire.

[14]L'uomo può uccidere nella sua malvagità, ma non far tornare uno spirito già esalato, né liberare un'anima gia accolta negli inferi.

Quarto contrappasso: la grandine e la manna

[15]E' impossibile sfuggire alla tua mano:

[16]gli empi, che rifiutavano di conoscerti, furono colpiti con la forza del tuo braccio, perseguitati da strane piogge e da grandine, da acquazzoni travolgenti, e divorati dal fuoco.

[17]E, cosa più strana, l'acqua che tutto spegne ravvivava sempre più il fuoco: l'universo si fa alleato dei giusti.

[18]Talvolta la fiamma si attenuava per non bruciare gli animali inviati contro gli empi e per far loro comprendere a tal vista che erano incalzati dal giudizio di Dio.

[19]Altre volte anche in mezzo all'acqua la fiamma bruciava oltre la potenza del fuoco per distruggere i germogli di una terra iniqua.

[20]Invece sfamasti il tuo popolo con un cibo degli angeli, dal cielo offristi loro un pane gia pronto senza fatica, capace di procurare ogni delizia e soddisfare ogni gusto.

[21]Questo tuo alimento manifestava la tua dolcezza verso i tuoi figli; esso si adattava al gusto di chi l'inghiottiva e si trasformava in ciò che ognuno desiderava.

[22]Neve e ghiaccio resistevano al fuoco senza sciogliersi, perché riconoscessero che i frutti dei nemici il fuoco distruggeva ardendo tra la grandine e folgoreggiando tra le piogge.

[23]Al contrario, perché si nutrissero i giusti, dimenticava perfino la propria virtù.

[24]La creazione infatti a te suo creatore obbedendo, si irrigidisce per punire gli ingiusti,ma s'addolcisce a favore di quanti confidano in te.

[25]Per questo anche allora, adattandosi a tutto, serviva alla tua liberalità che tutti alimenta, secondo il desiderio di chi era nel bisogno,

[26]perché i tuoi figli, che ami, o Signore, capissero che non le diverse specie di frutti nutrono l'uomo, ma la tua parola conserva coloro che credono in te.

[27]Ciò che infatti non era stato distrutto dal fuoco si scioglieva appena scaldato da un breve raggio di sole,

[28]perché fosse noto che si deve prevenire il sole per renderti grazie e pregarti allo spuntar della luce,

[29]poiché la speranza dell'ingrato si scioglierà come brina invernale e si disperderà come un'acqua inutilizzabile.

 

Ultimo aggiornamento Giovedì 16 Agosto 2018 09:30
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):