Home » Limba Sarda » Sale Maria » Sa Bibbia in sardu – Sa Sabientzia, capitulu 17

Immagini del paese

Immagine 018.jpg

Statistiche

Tot. visite contenuti : 7003501

Notizie del giorno

 
Sa Bibbia in sardu – Sa Sabientzia, capitulu 17 PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 
Martedì 18 Settembre 2018 18:43

di Maria Sale

SABIENTZIA - CAPITULU 17

Cuintu contrapassu: iscuru e colunna de fogu

1) Sos giudiscios tuos sun mannos e difitziles a ispiegare, pro custu sas animas menguantes sun istadas leadas in errore.

2) Sos ingiustos cretende de dominare su populu santu, incadenados in s’iscuru e pregioneris de una notte longa, inserrados intro ‘e domo, istaian esclusos dae sa provvidentzia eterna.

3) Cretende de istare cuados cun sos peccados insoro segretos, sutta su ‘elu affumadu de s’irmentigu, sun istados isperdidos, colpidos dae assuconu malu e totu abolotados dae pantasimas.

4) Mancu su cuadorzu inue fini los at bardados dae sa timòria, ma sonos istramutidos tronaian inghiriados a issos, e pantasimas malas cun ghiza mala si lis paraian innanti.

5) Perunu fogu, pro cantu mannu, resessiat a lis faghere lughe, mancu sas lughes de sas istellas resessian a isgiarire cudda notte iscura.

6) Lis appariat solu unu muntone de fogu, totinduna, cun timòria manna, attronitados dae su lampizu de cussa visione, creian fintzas peus sas cosas chi ‘idian.

7) No balian sos imbentos de sas majias, e s’insoro arriscu a pretesa de sabientzia.

8) Prommittian de catzare timòrias e inchietudime dae s’anima malaida, e ruian malaidos pro un’assuconu ridiculu.

9) Fintzas si nudda de ispaventosu los faghiat timire, assuconados dae su passazu de animaleddos minores e dae s’isfrijare de coloras, morian de trèmula, refudende fintzas de abbaidare s’aria, chi niunu podet innorare.

10) Sa malidade, cundennada dae sa propria testimonìa, est calchi cosa de vile e opprimida dae sa cuscescia presumit sempre su pèusu.

11) Sa timòria, difatis, no est ateru si no sa rinuntzia a sos aggiudos de sa rejone,

12) cantu pius pagu in s’intimu s’imbarat dae issos, tantu pius grave s’istimat s’innorantzia de sa causa chi produit su turmentu.

13) Ma issos in cussa notte deaberu impotente, ‘essida dae fundos impenetrabiles de sos ìnferos, chena podere, addrommentidos dae su matessi sonnu,

14) como fin agitados dae pantasimas mostruosas, como paralizados pro suffrimentu de s’anima, ca unu terrore improvvisu e chena isettu si fit imboladu subr’a issos.

15) Gai duncas, ruende inue s’incontraian, fit tancadu in-d’una galera chena friscios,

16) siat chi esseret istadu unu messaju o unu pastore o unu zoronateri impignadu in tribaglios a su solu, leadu a s’ispessada ruiat sutta sa netzessidade chena iscampu, ca totu fin ligados dae sa matessi cadena de iscurigore.

17) Su zuniare de su ‘entu, su cantigu melodiosu de puzones in mesu sos ratos fozidos, su murmurare de abba currente, su tzoccu surdu de roccas chi nde ruen,

18) sa currida chi no s’idet de animales inchietados, sos urulos de belvas crudeles , su rimbombu de calancas de montes, totu los paralizaiat e los pienaiat de ispasimu.

19) Totu su mundu fit allùghidu de lughe giara e dognunu fit impignadu in sas fainas suas chena impedimentu.

20) Solu subr’a issos s’isterriat una notte profunda, immazine de s’iscurigore chi los deviat imboligare, ma fini issos matessi pius penosos de s’iscuru.

Testo in lingua italiana

Sapienza - Capitolo 17

Quinto contrappasso: tenebre e colonna di fuoco

[1]I tuoi giudizi sono grandi e difficili da spiegare, per questo le anime grossolane furono tratte in errore.

[2]Gli iniqui credendo di dominare il popolo santo, incatenati nelle tenebre e prigionieri di una lunga notte,

chiusi nelle case, giacevano esclusi dalla provvidenza eterna.

[3]Credendo di restar nascosti con i loro peccati segreti, sotto il velo opaco dell'oblio, furono dispersi, colpiti da spavento terribile e tutti agitati da fantasmi.

[4]Neppure il nascondiglio in cui si trovavano li preservò dal timore, ma suoni spaventosi rimbombavano intorno a loro, fantasmi lugubri dai volti tristi apparivano.

[5]Nessun fuoco, per quanto intenso riusciva a far luce, neppure le luci splendenti degli astri riuscivano a rischiarare quella cupa notte.

[6]Appariva loro solo una massa di fuoco, improvvisa, spaventosa; atterriti da quella fugace visione, credevano ancora peggiori le cose viste.

[7]Fallivano i ritrovati della magia, e la loro baldanzosa pretesa di sapienza.

[8]Promettevano di cacciare timori e inquietudini dall'anima malata, e cadevano malati per uno spavento ridicolo.

[9]Anche se nulla di spaventoso li atterriva, spaventati al passare delle bestiole e ai sibili dei rettili, morivano di tremore, rifiutando persino di guardare l'aria, a cui nessuno può sottrarsi.

[10]La malvagità condannata dalla propria testimonianza è qualcosa di vile e oppressa dalla coscienza presume sempre il peggio.

[11]Il timore infatti non è altro che rinunzia agli aiuti della ragione;

[12]quanto meno nell'intimo ci si aspetta da essi, tanto più grave si stima l'ignoranza della causa che produce il tormento.

[13]Ma essi durante tale notte davvero impotente, uscita dai recessi impenetrabili degli inferi senza potere, intorpiditi da un medesimo sonno,

[14]ora erano agitati da fantasmi mostruosi, ora paralizzati per abbattimento dell'anima; poiché un terrore improvviso e inaspettato si era riversato su di loro.

[15]Così chiunque, cadendo là dove si trovava, era custodito chiuso in un carcere senza serrami,

[16]fosse un agricoltore o un pastore o un operaio impegnato in lavori in luoghi solitari, sorpreso cadeva sotto la necessità ineluttabile, perché tutti eran legati dalla stessa catena di tenebre.

[17]Il sibilare del vento, il canto melodioso di uccelli tra folti rami, il mormorio di impetuosa acqua corrente, il cupo fragore di rocce cadenti,

[18]la corsa invisibile di animali imbizzarriti, le urla di crudelissime belve ruggenti, l'eco ripercossa delle cavità dei monti, tutto li paralizzava e li riempiva di terrore.

[19]Tutto il mondo era illuminato di luce splendente ed ognuno era dedito ai suoi lavori senza impedimento.

[20]Soltanto su di essi si stendeva una notte profonda, immagine della tenebra che li avrebbe avvolti; ma erano a se stessi più gravosi della tenebra.

 

 

Ultimo aggiornamento Martedì 18 Settembre 2018 18:52
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):