Home » Limba Sarda » Sale Maria » Sa Bibbia in sardu – Sa Sabientzia, capitulu 18

Immagini del paese

Chiaramonti 1900.jpg

Statistiche

Tot. visite contenuti : 7282566

Notizie del giorno

 
Sa Bibbia in sardu – Sa Sabientzia, capitulu 18 PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 
Lunedì 01 Ottobre 2018 16:24

di Maria Sale

SABIENTZIA - CAPITULU 18

1) Pro sos santos tuos lughiat una lughe ‘ia, issos invetze, intendende sas boghes, chena nde ‘idere sa fromma los proclamaian biados, ca no aian sufridu che a issos,

2) E lis torraian grascias ca, offesos pro primos, no lis faghian male perunu e imploraian perdonu pro lis essere istados inimigos.

3) Invetze de sas tenebras lis as dadu una colunna de fogu, comente ghìa in-d’unu ‘iazu isconnoschidu e comente sole chi no balet pro su gloriosu disterrare.

4) Fin dignos de èssere brivados de sa lughe e de èssere imprejonados in s’iscuru sos chi aian tentu serrados in galera sos fizos tuos, pro mesu de sos cales sa lughe incorrutibile de sa legge deviat èssere cuntzessa a su mundu.

Sestu contrapassu: notte de tragedia e de libertade

5) Ca issos aian detzisu de ‘occhire sos naschidorzos de sos santos- e solu unu pitzinnu est istadu ispostu e salvadu – pro castigu as eliminadu una trumàda de sos fizos insoro e los as fatos morrere totu umpare in s’abba a irridu.

6) Cussa notte fit istada preannuntziada a babbos nostros, ca ischende a cales prommissas aian cretidu, esseren istados de bonanimu.

7) Su populu tou s’isettaiat sa salvesa de sos giustos comente s’isterminiu de sos inimigos.

8) Difatis, comente as punidu sos inimigos, gai matessi nos as resu gloriosos, giamendennos a tie.

9) Sos fizos santos de sos giustos ofrian sacrifitzios in segretu e s’an impostu, cuncordos, custa legge divina: sos santos aian partetzipadu che pare a sos benes e a sos perigulos, intonende prima sos cantigos de lode de sos babbos.

10) Faghiat eco su tichirriu cunfusu de sos inimigos e s’isparghiat su lamentu de cantos pianghian sos fizos.

11) Cun sa matessi pena s’isciau fit punidu umpare a su padronu, su populanu suffriat sas matessi penas de su re.

12) Tottumpare, in sa matessi manera, an apidu chimai mortos, e sos bios no bastaian a los interrare ca in-d’un’istante est morta s’insoro pius nobile zenia.

13) Sos chi sun frimmados, incredulos a totu, pro sas majias insoro, a sa morte de sos primos fizos an cunfessadu chi custu populu est fizu de Deus.

14) Mentres unu profundu mudimine imboligaiat totu sas cosas, e sa notte fit in mesanìa,

15) Sa peraula tua onnipotente dae chelu, dae su tronu tou reale, gherradore accanidu, si lampeit in mesu a-i cudda terra de disaccatu mannu, gitende pro ispada arrodada, su cumandu tou malu a pasare.

16) Daghi s’est frimmada, at pienu totu de morte, toccaiat su chelu e caminaiat subra sa terra.

17) Tando pantasimas de sonnios malos los assustaian, timòrias chena ’ispiegassione piombaian subra issos.

18) Ruende mesu mortos inoghe e incue, dognunu mustraiat sa causa de sa morte.

19) Sos sonnios insoro de timòria los aìana preavvisados, pro chi no esseren mortos innorende su motivu de sas suferentzias insoro.

Mineta de isterminiu in su desertu

20) Sa proa de sa morte culpeit fintzas sos giustos e in su desertu b’est istada s’istrage de medas, ma s’ira no dureit tempus longu,

21) Ca un’omine ingulpabile s’impresseit a los difendere, leit sas armas de su ministeru insoro, sa pregadorìa e su sacrifitziu espiatoriu de s’intzensu, s’oponzeit a s’ira e ponzeit fine a sa disaura, mustrende chi fit servidore tou.

22) Isse supereit s’ira divina no cun sa fortza de sa carena, ne cun s’eficatzia de sas armas, ma cun sa peraula placheit su chi castigaiat, ammentendeli sos giuramentos e sas alliantzia de sos babbos.

23) Sos mortos fin rutos a muntones, sos unos subra sos ateros, cando isse, pesendesi in mesu inie, appasigheit s’ira e lis truncheit s’istrada chi andaiat a inue sun sos bios.

24) Subra sa ‘este sua longa fintza a pese bi fit totu su mundu, sos nomenes gloriosos de sos babbos fin intagliados subra de battoro filas de pedras pretziosas e sa maestade tua fit subra sa corona in conca sua.

25) De fronte a-i custu s’isterminadore est torradu impisegus, at timidu, ca, de s’arrabiu, bastaiat un’assazu ebbia.


Testo in lingua italiana

Sapienza - Capitolo 18

[1]Per i tuoi santi risplendeva una luce vivissima; essi invece, sentendone le voci, senza vederne l'aspetto li proclamavan beati, ché non avevan come loro sofferto

[2]ed erano loro grati perché, offesi per primi, non facevano loro del male e imploravano perdono d'essere stati loro nemici.

[3]Invece delle tenebre desti loro una colonna di fuoco, come guida in un viaggio sconosciuto e come un sole innocuo per il glorioso emigrare.

[4]Eran degni di essere privati della luce e di essere imprigionati nelle tenebre quelli che avevano tenuto chiusi in carcere i tuoi figli, per mezzo dei quali la luce incorruttibile della legge doveva esser concessa al mondo.

Sesto contrappasso: notte di tragedia e di libertà

[5]Poiché essi avevan deciso di uccidere i neonati dei santi - e un solo bambino fu esposto e salvato - per castigo eliminasti una moltitudine di loro figli e li facesti perire tutti insieme nell'acqua impetuosa.

[6]Quella notte fu preannunziata ai nostri padri, perché sapendo a quali promesse avevano creduto, stessero di buon animo.

[7]Il tuo popolo si attendeva la salvezza dei giusti come lo sterminio dei nemici.

[8]Difatti come punisti gli avversari, così ci rendesti gloriosi, chiamandoci a te.

[9]I figli santi dei giusti offrivano sacrifici in segreto e si imposero, concordi, questa legge divina: i santi avrebbero partecipato ugualmente ai beni e ai pericoli, intonando prima i canti di lode dei padri.

[10]Faceva eco il grido confuso dei nemici e si diffondeva il lamento di quanti piangevano i figli.

[11]Con la stessa pena lo schiavo era punito insieme con il padrone, il popolano soffriva le stesse pene del re.

[12]Tutti insieme, nello stesso modo, ebbero innumerevoli morti, e i vivi non bastavano a seppellirli perché in un istante perì la loro più nobile prole.

[13]Quelli rimasti increduli a tutto per via delle loro magie, alla morte dei primogeniti confessarono che questo popolo è figlio di Dio.

[14]Mentre un profondo silenzio avvolgeva tutte le cose, e la notte era a metà del suo corso,

[15]la tua parola onnipotente dal cielo, dal tuo trono regale, guerriero implacabile, si lanciò in mezzo a quella terra di sterminio, portando, come spada affilata, il tuo ordine inesorabile.

[16]Fermatasi, riempì tutto di morte; toccava il cielo e camminava sulla terra.

[17]Allora improvvisi fantasmi di sogni terribili li atterrivano; timori impensabili piombarono su di loro.

[18]Cadendo mezzi morti qua e là, ognuno mostrava la causa della morte.

[19]I loro sogni terrificanti li avevano preavvisati, perché non morissero ignorando il motivo delle loro sofferenze.

Minaccia di sterminio nel deserto

[20]La prova della morte colpì anche i giusti e nel deserto ci fu strage di molti; ma l'ira non durò a lungo,

[21]perché un uomo incensurabile si affrettò a difenderli: prese le armi del suo ministero, la preghiera e il sacrificio espiatorio dell'incenso; si oppose alla collera e mise fine alla sciagura, mostrando che era tuo servitore.

[22]Egli superò l'ira divina non con la forza del corpo, né con l'efficacia delle armi; ma con la parola placò colui che castigava, ricordandogli i giuramenti e le alleanze dei padri.

[23]I morti eran caduti a mucchi gli uni sugli altri, quando egli, ergendosi lì in mezzo, arrestò l'ira e le tagliò la strada che conduceva verso i viventi.

[24]Sulla sua veste lunga fino ai piedi vi era tutto il mondo, i nomi gloriosi dei padri intagliati sui quattro ordini di pietre preziose e la tua maestà sulla corona della sua testa.

[25]Di fronte a questo lo sterminatore indietreggiò, ebbe paura, poiché un solo saggio della collera bastava.

 

Ultimo aggiornamento Lunedì 01 Ottobre 2018 16:30
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):