Home » Limba Sarda » Sale Maria » Sa Bibbia in sardu – capitulu 19

Immagini del paese

Scorcio 3.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 7292855

Notizie del giorno

 
Sa Bibbia in sardu – capitulu 19 PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 
Domenica 07 Ottobre 2018 16:56

di Maria Sale


Con questo capitolo concludiamo la pubblicazione de Sa Bibbia in sardu – Sa Sabientzia tradotta da Maria Sale, che non manchiamo di ringraziare per averci messo a disposizione questo suo lavoro. (c.p.)

---

SABIENTZIA - CAPITULU 19

Settimu contrapassu: su Mar Rosso

1) Subra sos malos si ‘etteit, fintzas a sa fine, unu disdignu chena coro, ca Deus prevediat fintzas s’insoro tempus benidore,

2) chi cheret narrere, pustis de lis àere permissu de si che andare e de los àere fatos partire in presse, mudadu propositu, los aian apidos pessighidos.

3) Mentres chi, difatis, fin ancora occupados in sos luttos e pianghian subra sas tumbas de sos mortos, an leadu un’atera detzisione chena cabu, e pessighein comente fuidores sos chi gia aian

pregadu pro partire.

4) Los ispinghiat a-i custu puntu estremu unu destinu meritadu, chi los betteit in s’olvidu de sas cosas sutzessas, pro chi congruein sa punitzione, chi ancora mancaiat a sos turmentos insoro,

5) e mentres chi su populu tou s’incaminaiat in-d’unu ‘iazu istraordinariu, issos attoppein una morte singulare.

6) Tota sa creassione leaiat dae comintzu, in sa manera sua, una fromma noa, ponzende mente a sos cumandos tuos, pro chi fizos tuos esseren istados preservados sanos e salvos.

7) S’ideit sa nue coberrere de umbra s’accampamentu, terra sicca cumparrere inue innanti bi fit s’abba, un’istrada libera s’abberzeit in su Mar Rosso e una piana birde in giambu de sas abbas abbolotadas.

8) Inie passeit totu su populu tu, sos amparados dae sa manu tua, ispetadores de prodigios istupendos.

9) Che caddos in sa tanca, che anzones gioghende, cantaian innos a tie, Segnore, chi los aias liberados.

10) Ammentaian ancora sos fatos de s’esiliu insoro, comente sa terra, in giambu de bestiamine, produeit tzintzula, comente su riu, in giambu de pisches, batteit un’ammassu de ranas.

11) Pius tardu idein fintzas una iscera noa de puzones, cando ispintos dae su famine, dimandein mandigos lichitos,

12) cando, pro los cumpiaghere pighein dae su mare sas cuaglias.

S’Egittu pius culpevole de Sodoma

13) Subra sos peccadores invetze ruein sos castigos, non chena sinnos premonidores de fulmines fragorosos, issos sufrein giustamente pro sa malvagidade insoro, apende nutridu un’odiu tantu profundu pro s’istranieru.

14) Ateros no aggogliein istranzos isconnotos, ma custos riduein isciàos istranzos benemeritos.

15) No solu b’at àere pro sos primos unu giudisciu, pruite accogliein a malos modos sos furisteris,

16) ma cuddos, pustis de los àere accoltos cun festas, poi, cando gia leaian parte a sos diritos insoro, los oprimein cun tribaglios de impoddas mannas.

17) Sun istados pro cussu culpidos de tzegumine, comente lu fin istados sos primos in sa gianna de su giustu, cando inghiriados de iscurigore fittu dognunu chircaiat s’intrada de sa gianna sua.

Una paghe noa

18) Difatis sos elementos iscambiaian ordine tra issos, comente sas notas de un’arpa giambana s’ispessia de su ritmu, puru tenzende sempre su matessi tonu. E propiu custu si podet deduere dae s’atenta cunsiderassione de sos avvenimentos.

19) Animales terrestres sun diventados de abba, sos chi nadaian sun passados a sa terra.

20) Su fogu afortizeit in s’abba sa potentzia sua e s’abba s’irmentigheit sa propiedade sua de istudare.

21) Sas fiamas non cunsumian sas carres de animales fraziles, chi bi caminaian intro, ne isgiolvian cudda ispessia de mandigu celestiale, simile a su lentore e gai fatzile a si cunfundere.

CONGRUIDA

In tottu sos modos, o Segnore, as magnificadu e resu gloriosu su populu tou, e no l’as trascuradu assistendelu in dogni tempus e in dogni logu.


Testo in lingua italiana

Sapienza - Capitolo 19

Settimo contrappasso: il Mar Rosso

[1]Sugli empi si riversò sino alla fine uno sdegno implacabile, perché Dio prevedeva anche il loro futuro,

[2]che cioè, dopo aver loro permesso di andarsene e averli fatti in fretta partire, cambiato proposito, li avrebbero inseguiti.

[3]Mentre infatti erano ancora occupati nei lutti e piangevano sulle tombe dei morti, presero un'altra decisione insensata, e inseguirono come fuggitivi coloro che già avevan pregato di partire.

[4]Li spingeva a questo punto estremo un meritato destino, che li gettò nell'oblio delle cose avvenute, perché colmassero la punizione, che ancora mancava ai loro tormenti,

[5]e mentre il tuo popolo intraprendeva un viaggio straordinario, essi incorressero in una morte singolare.

[6]Tutta la creazione assumeva da capo, nel suo genere, nuova forma, obbedendo ai tuoi comandi, perché i tuoi figli fossero preservati sani e salvi.

[7]Si vide la nube coprire d'ombra l'accampamento, terra asciutta apparire dove prima c'era acqua, una strada libera aprirsi nel Mar Rosso e una verdeggiante pianura in luogo dei flutti violenti;

[8]per essa passò tutto il tuo popolo, i protetti della tua mano, spettatori di prodigi stupendi.

[9]Come cavalli alla pastura, come agnelli esultanti, cantavano inni a te, Signore, che li avevi liberati.

[10]Ricordavano ancora i fatti del loro esilio, come la terra, invece di bestiame, produsse zanzare, come il fiume, invece di pesci, riversò una massa di rane.

[11]Più tardi videro anche una nuova produzione di uccelli, quando, spinti dall'appetito, chiesero cibi delicati;

[12]poiché, per appagarli, salirono dal mare le quaglie.

L'Egitto più colpevole di Sodoma

[13]Sui peccatori invece caddero i castighi non senza segni premonitori di fulmini fragorosi; essi soffrirono giustamente per la loro malvagità, avendo nutrito un odio tanto profondo verso lo straniero.

[14]Altri non accolsero ospiti sconosciuti; ma costoro ridussero schiavi ospiti benemeriti.

[15]Non solo: ci sarà per i primi un giudizio, perché accolsero ostilmente dei forestieri;

[16]ma quelli, dopo averli festosamente accolti, poi, quando gia partecipavano ai loro diritti li oppressero con lavori durissimi.

[17]Furono perciò colpiti da cecità, come lo furono i primi alla porta del giusto, quando avvolti fra tenebre fitte ognuno cercava l'ingresso della propria porta.

Una nuova armonia

[18]Difatti gli elementi scambiavano ordine fra loro, come le note di un'arpa variano la specie del ritmo, pur conservando sempre lo stesso tono. E proprio questo si può dedurre dalla attenta considerazione degli avvenimenti:

[19]animali terrestri divennero acquatici, quelli che nuotavano passarono sulla terra.

[20]Il fuoco rafforzò nell'acqua la sua potenza e l'acqua dimenticò la sua proprietà naturale di spegnere.

[21]Le fiamme non consumavano le carni di animali gracili, che vi camminavano dentro, né scioglievano quella specie di cibo celeste, simile alla brina e così facile a fondersi.

Conclusione

[22]In tutti i modi, o Signore, hai magnificato e reso glorioso il tuo popolo e non l'hai trascurato assistendolo in ogni tempo e in ogni luogo.

 

Ultimo aggiornamento Domenica 07 Ottobre 2018 17:00
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):