Home » Limba Sarda » Truddaju Bainzu » A tia Pietrina Oggianu pro s’istatua noa chi hat dadu a sa cheja de Zaramonte

Immagini del paese

Castello 41.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 7158386

Notizie del giorno

 
A tia Pietrina Oggianu pro s’istatua noa chi hat dadu a sa cheja de Zaramonte PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 6
ScarsoOttimo 
Martedì 23 Ottobre 2018 00:00

di Bainzu Truddaju


Correva l’anno 1993 quando tia Pietrina Oggianu ebbe l’idea di donare al paese una statua nuova raffigurante san Matteo apostolo ed evangelista, nonché patrono di Chiaramonti.

Una copia da portare in processione per salvaguardare il simulacro storico di scuola secentesca che troneggia in un’ampia nicchia dell’edicola che sovrasta l’altare maggiore della chiesa parrocchiale. Statua che proviene dall’antica parrocchiale già edificata a Su Monte ‘e Cheja sui ruderi dello storico castello dei Doria e della quale resta ancora ampia testimonianza.

Tia Pietrina, scomparsa all’età di 102 anni, era donna quanto mai decisa e dal carattere forte. Nativa di Ploaghe, aveva sposato Diego Doneddu, un allevatore vedovo di origine bittese con un figlio (Giorgio). Da questa unione sono nati nove figli: Giulio, Gavino (scomparso in tenera età), Marianna, Vittorina, Laura, Mario, Italia, Ottavio e Carmela.,,

Mise in moto figli e figlie, che si adoperarono nella ricerca di uno scultore che riproducesse in copia la statua già esistente in parrocchia. E così il 21 Settembre 1993, festa del patrono, il parroco don Giovanni Antonio Tilocca (1983-1995) procedette alla consacrazione e a portare in processione il nuovo simulacro, con larga partecipazione di folla.

Nella circostanza, il poeta chiaramontese Bainzu Truddaju dedicò alla donatrice la poesia che di seguito pubblichiamo e che rese felice tia Pietrina. La quale, tuttavia, se oggi fosse ancora in vita, sicuramente avrebbe qualcosa da dire sulla fine ingloriosa di quel suo dono, fatto col cuore, con tanta fede e a costo di qualche sacrificio personale di ordine economico. Nessuno l’ha più vista quella statua, dal momento che don Virgilio Businco, parroco in epoca successiva (2003-2012), ebbe l’idea anch’esso di donare alla chiesa un altro simulacro di san Matteo Apostolo. Che, collocato fra le due cappelle dell’ala sinistra, è portato in processione in luogo di quello donato da tia Pietrina. Il quale, per quanto ne sappiamo, giacerebbe dimenticato in un ripostiglio sottostante la sacristia.

Bella gratitudine.

Ci piace ricordare questa vicenda che, probabilmente, pochi conoscono. (c.p.)

---

A tia Pietrina Oggianu


S’Evangelista Apostulu Matteu

L’hat nadu in custa istoria terrena

De adorare e istimare a Deu?


Vostè m’hat dadu ispuntos e sa vena

De custa istrazzulada poesia

A cantare cun boghes de sirena.


Ah, tia Pietrina! Si podia

Narrer sa proa ch’hat fattu a bezzesa

In custa ‘idda cara sua e mia.


S’istatua de ammiru e de bellesa,

Ch’hat de Matteu a nou comporadu,

siguramente est magica un’impresa


ch’hat de giubilu mannu estasiadu

a nois tottu mannos e minores,

sun de vosté sos sabios onores!


In sa pruzzessione tanta zente[1]

Lu gighian cun giubilu e cun gala,

e deo puru ca fio presente,


mancari firmu arrunzadu a un’ala,

ca non podia reu caminare,

mi so sinnadu e senza ispera mala…


Già chi a issu hat devidu pensare,

Santu Matteu aggiuet a vosté

In tottu su chi solet desizare.


Matteu giamet si divinu Re,

comente l’hat chircadu in su Vangèlu

e sempre fattu a issa ispingat pê.


Su ch’in Ponto pro ordin’e su Chelu[2]

Preigaiat su Vangèlu sou,

gai amende a issa tenzat zelu.


E si cosa no hapo fattu ‘e zou,[3]

o tia Pietrina, in custu iscrittu:

tando ‘e mi perdonare fattat prou.


Matteu cun su nomen beneittu,

mi perdonet mantessi calchi errore

e mi consolet si nd’hapo merìtu,


ca so mantessi sou adoradore.



[1] Su sero de sa festa de Santu Matteu custa istatua la gighiana in sa pruzzessione.

[2] Ponto, antigu regnu de s’Asia Minore e chi Santu Matteu bi preigaiat su Vangèlu sou.

[3] Cosa de zou, cosa de afficu.

 

Ultimo aggiornamento Martedì 23 Ottobre 2018 13:06
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):