Home » Cronache del passato » Unu cólpu 'e bàlla!

Immagini del paese

Castello 1.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 7831011

Notizie del giorno

 
Unu cólpu 'e bàlla! PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 10
ScarsoOttimo 
Mercoledì 20 Marzo 2019 00:00

Una richiesta d'intervento andata a vuoto

di Claudio Coda

Quando i “buoni” intendimenti di un sacerdote non vengono presi in considerazione.

Leggendo la recente cronaca sulle difficoltà carnascialesche del 1966, per contrasti o veti incrociati con la parrocchia, mi è riapparsa alla mente una circostanza del tempo che fu.

Brevemente, la racconto così.

Tanti e tanti anni fa, un tal parroco aveva scritto al suo Arcivescovo avvertendolo che tra i suoi parrocchiani v'era un Carabiniere, di stanza in paese, che creava scandalo per via della sua relazione con una giovane del posto. L'intervento, sollecitato affinché l'Eccellenza intervenisse presso i superiori del milite per un immediato trasferimento; anche perché la pulzella era in stato interessante e si era trasferita nell'abitazione dell'amato. Con la totale contrarietà del parentado.

“Scandalo pubblico!”, si diceva in giro.

Di intenzioni matrimoniali, da parte de s'ispasimàdu, manco l'ombra. Per di più, sempre il prete, in quella petizione comunicava che la donzella era componente di una famiglia… “che sono molti e non tutti buoni” e, inoltre, si potevano arrecare “maggiori disgrazie”.

La richiesta non ebbe l'esito sperato, ma il “castigo” al milite arrivò esattamente qualche anno dopo: mórtu a cólpu 'e bàlla!

Fine della cronaca.

 

Ultimo aggiornamento Martedì 19 Marzo 2019 20:08
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):