Home » Limba Sarda » Soro Giovanni » Custu ‘ider cheria

Immagini del paese

Ch arcobaleno 3.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 8079399

Notizie del giorno

 
Custu ‘ider cheria PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 7
ScarsoOttimo 
Mercoledì 03 Aprile 2019 17:02

di Giovanni Soro

 

Ite ‘ider in bois cheria,

fizos de su coro,

dèchidos risos

de tempestas serenas

chi carignan’ s’anima

cun manos de lentore

e abbrayzan cuntetas

sos caminos patìdos

de s’ispera.

 

Oh! No es’ moribunda

sa die

in caras chi pedin’

e miradas de luna

e ojos de sole

e amores de mamas.

Cantare cheria cun bois

cantones de ‘eranu

in mesu a chelos

de ispantu

e cun bois allumare

fiores de allegria

pro bugnos de omines

ingrataos.

 

Oh! No es’ moribunda

sa vida

in coros chi aman’

e disizan’

e pigan’

chen’ischire

a s’altare de dolu

ue brotan’ sas voluntades

de sos sonnios

prommissos

in su mundi de lughes

felitze.

Custu,

fizos de su coro,

in bois

bider cheria.

 

 

Traduzione a cura dell’autore

Ciò che vorrei vedere


Che cosa vorrei vedere in voi

figli del cuore

dolci sorrisi

di tempeste serene

che carezzano l’anima

con mani di rugiada

e abbracciano felici

le ansiose vie

della speranza.

Oh! Non è moribondo

il giorno

nei voltiche chiedono

occhiate di luna

e occhi di sole

e amori di madri.

Con voi cantare vorrei

canti di primavera

in mezzo a cieli

spendidi

e con voi incendiare

fiori briosi

per alveari di uomini

ingrati.

Oh! Non è moribonda

la vita

in cuori che amano

e agognano

e ascendono

inconsapevoli

all’altare del sacrificio

dove germogliano desideri

promessi

in un mondo di luci

felice.

Questo, figli del cuore,

vorrei vedere

in voi.

 

 

Cfr. GIOVANNI SORO, Camineras, ed TAS, Sassari 2017, pagg.49-52.

 

 

Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Aprile 2019 17:08
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):