Home » La Tribuna » La Tribuna » Aggiornate il sito internet del Comune

Immagini del paese

MVC-003F.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 7831124

Notizie del giorno

 
Aggiornate il sito internet del Comune PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 6
ScarsoOttimo 
Venerdì 05 Aprile 2019 09:26

Il biglietto da visita di Chiaramonti viaggia nella rete e contiene messaggi, dati, informazioni che non sono più attuali: necessita pertanto di una rivisitazione urgente

di Carlo Patatu

Il sito ufficiale del nostro Comune dovrebbe essere rivisitato al più presto e accuratamente aggiornato. Ne va della credibilità dell’istituzione che rappresenta. Chi sta sulla rete è visibile e leggibile in ogni dove. In tempo reale e senza limiti geografici.

La finestra aperta alcuni anni fa dall’amministrazione civica contiene tante informazioni inerenti all’estensione territoriale, alla popolazione, alla storia, alle strutture ricettive, alle emergenze archeologiche e architettoniche, ai beni paesaggistici, all’ossatura burocratico-amministrativa. C’è anche dell’altro, ma mi fermo qui.


Io visito di frequente le pagine del sito comunale, soprattutto nella parte che riguarda l’andamento dell’attività che si svolge a Palazzo, così come risulta dalle deliberazioni adottate dal Consiglio e dalla Giunta e dalle determinazioni dei responsabili dei diversi settori in cui risulta suddiviso l’organigramma municipale.

Il sito è stato rimodulato nell’autunno scorso, con l’adozione di una nuova grafica; tuttavia la collocazione delle varie sezioni risulta meno accattivante e soprattutto meno intuitiva di quella utilizzata nell’edizione precedente. Alcune pagine risultano prive di contenuti e pertanto non forniscono risposte a chi s’illude di accedervi. È, questo, il parere personale di un utente abituale quale io sono e va preso per quel che vale. Ovviamente me ne sono lamentato a suo tempo con chi di dovere. Un buco nell’acqua.

Ma, mettendo da parte ogni considerazione inerente alla grafica, mi preme sottolineare che devono essere riveduti e corretti parecchi dei dati che vi si leggono e che veicolano col sigillo dell’ufficialità informazioni non più attuali, quando non palesemente errate.

Alcuni esempi.

Dico subito che se i nomi delle persone che vi si citano (amministratori e dipendenti) devono essere preceduti da un titolo (accademico o di altro genere) lo si faccia per tutti. Mi chiedo, infatti, perché mai negli atti ufficiali il segretario comunale lo si qualifichi (giustamente) come dott. e non il vice sindaco, che è dott. pure lui. Il che accade anche per taluni responsabili di settore e per talaltri no. Di primo acchito potrebbe sembrare una sciocchezza, un eccesso di pignoleria; ma non è così. Unicuique suum[1], dicevano gli antichi Romani.

Scorrendo le pagine dedicate alla composizione delle commissioni comunali, scopro che siamo ancora fermi alla Giunta Pischedda. Nessuno sembra essersi accorto che, nel frattempo, si sono succeduti nella casa comunale un commissario straordinario e una nuova amministrazione. Il numero degli abitanti, indicato in 1.639 unità, è riferito al 28-2-2017. E cioè a oltre due anni fa. Perché mai? Sappiamo, invece, che la popolazione, al 31 Dicembre scorso, risulta essere pari a 1.613 residenti.

La biblioteca comunale, con i dovuti richiami al sistema bibliotecario cui abbiamo aderito da tempo, risulta ancora ubicata in via Della Resistenza 18/a. Evidentemente, a chi cura il sito municipale è sfuggita la notizia del suo trasferimento nei locali de Su Municipiu ‘Ezzu in Piatta, avvenuto alcuni anni fa.

Nel sito regionale Comunas, che riporta i dati di tutti i comuni sardi, si legge addirittura che il sindaco di Chiaramonti è ancora Giancarlo Cossu e la giunta formata da Giuseppe Michienzi, Marina Manghina, Eugenio Brunu e Franca Tina Scanu. È chiaro come il sole che nessuno degli amministratori succedutisi nel tempo si è sentito in dovere di tirare le orecchie ai redattori di quelle pagine, invitandoli, cortesemente ma con fermezza, ad aggiornarle. Subito, senza perdere altro tempo.

Infine, ma ci sarebbe qualcos’altro da segnalare, il segretario comunale risulta essere ancora il dott. Antonio Ara, che invece è già salpato per altri lidi e sostituito, sia pure provvisoriamente. Per tacere delle notizie storiche e sullo stemma comunale, abbondantemente carenti e postate all’insegna del pressappochismo. Aggiungo che l’elenco delle strutture ricettive è parimenti impreciso, come pure lo è quello dei siti internet che si occupano di Chiaramonti. Taluni di essi, di fatto, non esistono più perché non curati da anni.

In conclusione, poiché trattasi di questioni di facile soluzione e che, per di più, non richiedono alcuna spesa ma soltanto un po’ di buona volontà, ritengo che vi si debba porre mano senz’altro indugio. Probabilmente chi ha la responsabilità della gestione di quelle pagine non valuta compiutamente l’importanza che le stesse rivestono e il danno che la loro inattendibilità può arrecare all’immagine e alla credibilità del paese, di chi ci vive e di chi lo amministra.



[1] A ciascuno il suo.

 

 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):