Home » Cronache del passato » Chiaramonti 1969: Giochi della Gioventù

Immagini del paese

Immagine 003.jpg

Statistiche

Tot. visite contenuti : 8461131

Notizie del giorno

 
Chiaramonti 1969: Giochi della Gioventù PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 8
ScarsoOttimo 
Domenica 07 Luglio 2019 17:17

La Nuova Sardegna - Maggio 1969


Anche a Chiaramonti hanno avuto luogo i Giochi della Gioventù.

La manifestazione si è svolta in sordina, quasi all'insaputa di tutti e all'insegna dell'improvvisazione; perciò la stessa ha perduto gran parte degli scopi che i giochi si prefiggevano. La commissione comunale era scarsamente rappresentata e non era presente alle gare neanche uno degli insegnanti di educazione fisica della scuola media!

Tuttavia l'entusiasmo dei ragazzi ha supplito alle numerose deficienze di carattere organizzativo. Ecco i risultati:

Gare maschili

Lancio del peso: 1) Salvatore Sotgiu, m. 10,20; 2) Nino Falchi, m. 10,18; 3) Vincenzo Murgia, m. 9,40.

80 metri piani: 1) Gianni Mannu, 11"; 2) Antonio Montesu, 11"2.

Lancio della palla: 1) Costantino Ultei, m. 20,90; 2) Salvatore Brunu, m. 14,90.

Salto in alto: 1) Vincenzo Murgia, Mario Casella e Gianni Mannu, tutti a pari merito con m. 1,30.

Salto in lungo: 1) Francesco Muzzoni, m. 4,20; 2) Gianni Mannu, m. 3,93; 3) Salvatore Sotgiu, m. 3,10.

1000 metri piani: 1) Gianni Mannu, 3'25"; 2) Tonino Canu, 3'27".

Gare femminili

m. 60 piani: 1) Federica Schintu 9",8; 2) Emanuela Schintu 9",9.

Salto in alto: 1) Maria Soma e Marisa Satta a pari merito con m. 1,05.

 

Ultimo aggiornamento Giovedì 11 Luglio 2019 17:01
 
Commenti (1)
Giochi della gioventù
1 Giovedì 11 Luglio 2019 12:49
Vincenzo Murgia

Non mi perdo l'occasione del ricordo dei trascorsi atletici, se pur modesti. Puntualizzo che il preparatore atletico, nonostante il disinteresse dell'amministrazione comunale, è stato Tore Patatu. Tali risultati, comunque, ci hanno dato la possibilità di partecipare alla fase provinciale svoltasi nello Stadio dei pini a Sassari. Sempre a pari merito con "compare" Mario Casella, saltammo m.1,36 non classificandoci alla fase regionale.


Grazie per aver rinverdito il ricordo di cinquanta anni fa.


---


Ricordi di questo genere tornano sempre graditi, caro Vincenzo. Ci rimandano a stagioni lontane, sovente felici e irripetibili. A tempi in cui bastava un nonnulla per fare qualcosa di utile e di gradevole. Non ricordavo il ruolo di Tore, che, ne sono certo, apprezzerà molto la tua segnalazione. (c.p.)

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):