Home » Limba Sarda » Sale Maria » Càntigu de sos càntigos, chi est de Salomone - Capitulu 1

Immagini del paese

Chiaramonti 1901.jpg

Statistiche

Tot. visite contenuti : 8886095

Notizie del giorno

 
Càntigu de sos càntigos, chi est de Salomone - Capitulu 1 PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 
Mercoledì 12 Febbraio 2020 10:52

di Maria Sale

Il monologo sul "Cantico dei cantici" che Roberto Benigni ha recitato al Festival di Sanremo, ha richiamato alla memoria della poetessa chiaramontese Maria Sale la traduzione che di quei versi aveva fatto in lingua sarda, qualche anno fa. Ecco perché l’autrice li ha tirati fuori dal cassetto e ce li ha inviati, nella duplice versione in italiano e sardo, allo scopo di proporli all’attenzione dei lettori.

Lo facciamo col consueto piacere, ringraziandola. (c.p.)

 

---

Sa Sacra Bibbia

Su testamentu Antigòriu

Sos liberos poètigos e sabidòres


S’isposa

 

Mi ‘asas cun sos basos de sa ‘ucca tua!

Pius dulches de su ‘inu sun sos carignos tuos.

Imbreagat su fumèntu de sos nuscos tuos;

bonu upòre est su nòmene tou,

pro custu sas piseddas est chi ti àman.

Attràemi cun tegus, curremus!

In aposentos suos su re mi ponzat,

pro te àmus a gosare in cuntentesa,

àmus ammentare sos carignos tuos pius de su ‘inu.

Cun rejone est chi ti àman!


PRIMU POEMA


S’isposa

 

Murinedda sò ma bella,

o fizas de Zerusalemme,

comente sas tendas de Kedar,

comente sos pabagliones de Salma.

No m’istèdes mirende si so niedda,

ca a mie innieddigadu m’at su sole.

A mie m’an ischivìdu frades mios:

issos m’an fatu tentare sas binzas,

ma no m’apo bardiadu sa ‘inza mia.

Narami, amore de s’anima mia,

a inue gighes a pascher s’ama tua,

a inue est chi la gighes pro meriàre,

pro chi deo no ande bagabunda

fatu a masones de cumpanzos tuos.


Su coro

 

Si tue no l’ischis, o bella tra sas feminas,

e boga sas crabitas tuas a pàschere

inue tenen cuìle sos pastores.


S’isposu

 

A s’ebba de su carru ‘e faraone,

deo, amiga mia, t’assimizo.

Bellos sun sos càvanos tuos

tra duas recàlas,

su tuju tou fronidu a inghiriu ‘e prellas.

Amus a fagher a tie recàlas d’oro

cun ranos de prata.


Cantigu a duos

 

Mentres ch’istat su re in logu sou,

su nuscu sou isterret s’erva mia.

S’istimadu meu est pro me

unu saccheddu ‘e mirra,

si pasat in petorras mias.

S’istimadu meu est pro me

unu ‘udrone de ciprò,

in sas binzas de Engàddi.

Cantu ses bella amiga mia, cantu bella,

che columbas sun sos ojos tuos.

Cantu, istimadu meu, ses bellu

e cantu ses grasciosu!

Fintzas su letu nostru est imbirdìdu.

De domo nostra sas tràes sun de tzedros,

bòvida nostra suni sos tzipressos

---


Testo in italiano

Cantico dei Cantici - Capitolo 1


TITOLO E PROLOGO


Cantico dei cantici, che è di Salomone.


La sposa


Mi baci con i baci della sua bocca!

Sì, le tue tenerezze sono più dolci del vino.

Per la fragranza sono inebrianti i tuoi profumi,

profumo olezzante è il tuo nome,

per questo le giovinette ti amano.

Attirami dietro a te, corriamo!

M'introduca il re nelle sue stanze:

gioiremo e ci rallegreremo per te,

ricorderemo le tue tenerezze più del vino.

A ragione ti amano!


PRIMO POEMA

 

La sposa

 

Bruna sono ma bella

o figlie di Gerusalemme,

come le tende di Kedar,

come i padiglioni di Salma.

Non state a guardare che sono bruna,

poiché mi ha abbronzato il sole.

I figli di mia madre si sono sdegnati con me:

mi hanno messo a guardia delle vigne;

la mia vigna, la mia, non l'ho custodita.

Dimmi, o amore dell'anima mia,

dove vai a pascolare il gregge,

dove lo fai riposare al meriggio,

perché io non sia come vagabonda

dietro i greggi dei tuoi compagni.


Il coro


Se non lo sai, o bellissima tra le donne,

segui le orme del gregge

e mena a pascolare le tue caprette

presso le dimore dei pastori.


Lo sposo


Alla cavalla del cocchio del faraone

io ti assomiglio, amica mia.

Belle sono le tue guance fra i pendenti,

il tuo collo fra i vezzi di perle.

Faremo per te pendenti d'oro,

con grani d'argento.


Duetto


Mentre il re è nel suo recinto,

il mio nardo spande il suo profumo.

Il mio diletto è per me un sacchetto di mirra,

riposa sul mio petto.

Il mio diletto è per me un grappolo di cipro

nelle vigne di Engàddi.

Come sei bella, amica mia, come sei bella!

I tuoi occhi sono colombe.

Come sei bello, mio diletto, quanto grazioso!

Anche il nostro letto è verdeggiante.

Le travi della nostra casa sono i cedri,

nostro soffitto sono i cipressi.

 

Ultimo aggiornamento Giovedì 13 Febbraio 2020 17:07
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):