Home » Cronache del passato » 1988 - Chiaramonti: rissa gigantesca, denunciati in ventidue

Immagini del paese

Castello 6.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 9444316

Notizie del giorno

 
1988 - Chiaramonti: rissa gigantesca, denunciati in ventidue PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 
Scritto da Carlo Patatu   
Lunedì 22 Giugno 2020 12:46

In occasione della festa di Santa Giusta, scontri fra giovani locali e ploaghesi

La Nuova Sardegna –  3 Giugno 1988

 

S

i sono affrontati a viso aperto, durante una festa popolare, e se le sono date di santa ragione.

Ma hanno dovuto fare i conti con i carabinieri, che li hanno tutti identificati e denunciati alla magistratura. Saranno pertanto in ventidue a comparire davanti al pretore di Nulvi con imputazioni varie.

Ma veniamo ai fatti. Sul palco eretto in piazza, un complesso musicale si esibiva per recuperare una serata che, a causa di un temporale, era andata a vuoto la settimana prima, in occasione della festa di Santa Giusta. In giro, la solita animazione. Molta gente, come di consueto, era venuta in paese dai centri vicini.

Alcuni giovani locali, mezza dozzina in tutto, mostrando di non gradire la "concorrenza" di altri ragazzi venuti da fuori, hanno preso di mira dei ragazzi ploaghesi, costringendoli a una frettolosa ritirata.

I ragazzi di Ploaghe, mal sopportando l'affronto subito, sarebbero  rientrati a casa per tornare più tardi a Chiaramonti con i necessari rinforzi. A questo punto, è iniziata la caccia ai giovani leoni locali che, non si sa bene il perché, li avevano provocati e offesi qualche ora prima.

Lo scontro è stato inevitabile e spettacolare. Sono volati pugni, calci e manrovesci, sotto gli occhi della popolazione locale; che invece mostrava di non essere dispiaciuta della lezione che i forestieri, pur soverchianti per numero, stavano impartendo a quel manipolo di chiaramontesi disturbatori di una festa che tutti, invece, volevano si concludesse in bellezza.

Le preponderanti forze ploaghesi hanno costretto gli imprudenti autori della provocazione a una fuga precipitosa, vanificata da un tempestivo inseguimento. Insomma: la piazza ha vissuto per un po' un clima da far west; con tanti spettatori che, incredibilmente, non "tifavano" per i locali.

L'intervento dei carabinieri, il fermo e la successiva identificazione dei protagonisti dell'improvvisato match, ha posto fine alla lotta. I loro nomi sono finiti su un rapporto, che è stato già trasmesso al magistrato. Alcuni dovranno rispondere di rissa; altri di disturbo di una manifestazione pubblica autorizzata.

Tutti, invece, avranno modo di riflettere sull’inopportunità di inscenare, soprattutto durante lo svolgimento di sagre locali, spettacoli che hanno fatto il loro tempo e che si credeva ormai morti e sepolti.

Ultimo aggiornamento Lunedì 22 Giugno 2020 18:13
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):