Home » Cronache del passato » Quando la Scuola bocciava

Immagini del paese

Immagine 013.jpg

Statistiche

Tot. visite contenuti : 9313355

Notizie del giorno

 
Quando la Scuola bocciava PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 6
ScarsoOttimo 
Martedì 14 Luglio 2020 18:55

1945 - Relazione finale di una classe terza mista, delle Scuole Elementari di Chiaramonti[1]

di Claudio Coda

H

o regolarmente iniziato le lezioni il 15 novembre del 1944 con una terza mista di 32 iscritti, quasi tutti provenienti dalla mia seconda dello scorso anno.

La frequenza degli iscritti non è stata regolare per la mancanza di materiale scolastico. Quaderni, inchiostro, pennini e molti si assentarono per giorni e giorni di seguito, alcuni anzi si ritirarono completamente. Alla fine di dicembre ebbi solo 24 alunni frequentanti ai quali si sono aggiunte due alunne provenienti da altre scuole. Lascio tempo da dedicarsi al ripasso delle nozioni apprese nella seconda classe perché gli alunni avevano dimenticato parecchio. Solo molto tardi si ebbe il testo di lettura per cui feci eseguire l'esercizio in vari libri di racconti che gli stessi alunni portarono in classe.

Ho svolto tutto il programma curando in modo speciale la lingua italiana e l'aritmetica, non ho trascurato neanche le altre materie. Ho dedicato un mese di ripasso di tutto il programma. Gli alunni furono abbastanza disciplinati e seguirono in generale con profitto.

L'aula è piccola e molto fredda e priva completamente di materiale didattico.

Dei 32 iscritti ne sono stati scrutinati 26, di cui 11 promossi“.

f.to Dussoni Grazia

Gli alunni, per la maggior parte, erano nati nel 1934 (10); nel 1933 (7); 1935 (7); 1936 (5) e nel 1932 (2).

Gli esami si tennero nei giorni 18/19/20 del giugno 1945, nei locali di via Marconi -di proprietà dei coniugi Schintu Antonio Maria e Lay Elisabetta- nel sotto piano dell'allora Ufficio Postale[2] e Cassa Comunale di Credito Agrario.

L'insegnante era la ventottenne maestra Grazia Dussoni, a controfirmare il verbale la direttrice del Circolo Didattico di Ploaghe (di cui facevamo parte) Vincenzina Fogu; che lo era pure negli aa.ss. del 1934, ma anche negli anni del 1955. Sempre lei, la “cara direttrice”. Ricordo la canzoncina, a cantilena, che ci facevano recitare ogni qualvolta ci onorava della sua visita: “...noi vogliamo tanto bene alla cara direttrice !,..noi vogliamo....”.

Chissà, gli alunni di oggi, che filastrocca potrebbero recitare.

Elenco alunni/e, per come sono trascritti nel registro: CACCIONI Salvatore, CHERCHI Pasqualino, FERRALIS Claudio, FRANCHINI Carlo, MARRAS Giovanni Battista, MIGALEDDU Giovanni, MANCHIA Tonino, PATTATU Carlo, PINNA Giovanni, PINNA Salvatore, PUGGIONI Tonino, SATTA Antonio, SATTA Salvatore, SORO Pietro, TANDA Salvatore, URGIAS Gesuino.

BUDRONI Vittoria, CAREDDU Domenica, COSSU Luigia, DENANNI Giovanna, FRANCHINI Maria Giuseppa, FOIS Giovanna Vittoria, MIGALEDDU Elv. Agnese, MORETTI Bruna, SATTA Carmela, SATTA Giovanna Battista, SCANU Antonietta, SECHI Costantina; SERRA Gavina, SERRA Laura, SODDU Antonia, TEDDE Giovanna Maria.

 

Le immagini sono dell'autore, che ringraziamo.



[1] Da archivio privato dell’autore.

[2] Aperto nell'autunno del 1933, quasi in convergenza all'apertura del XII Anniversario del 28 ottobre (Marcia su Roma), dopo il trasferimento dal magazzino posto in via San Matteo. (ndr: la collocazione del locale, di fronte alla chiesa San Matteo, mi è stata data da informazioni non confortate da documenti e pertanto da leggere con beneficio d'inventario; invece, per il locale di via San Matteo, è comprovabile).

 

Ultimo aggiornamento Martedì 14 Luglio 2020 19:08
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):