Home » Limba Sarda » Sale Maria » Santu Aine

Immagini del paese

Statua Santa Caterina 1.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 9447698

Notizie del giorno

 
Santu Aine PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 
Lunedì 26 Ottobre 2020 18:24

di Maria Sale


 

S

’interinada si unghet

peri aeràdas trinas

isfrunzende restuju

infattu de s’aradu,

chirriende terra noa.

 

Garrigas torran sas nues

prontas a cumassare

semene e terra umpare.


E cun s’ischina bascia,

sa cara mesu pista,

su pensamentu fissu

restat in su cunzadu

chi siat semenenadu

pro innidos rebuddos,

pro mezorada incunza,

pro pane saboridu.


Prommittit dies de crasa

rujore ‘e serantina,

inie s’ispijan nues,

chi sien de abba serena.

 


Traduzione in italiano a cura dell’autrice


Ottobre


L’imbrunire si unge

fra grigi lineamenti

sfrangiando stoppie

dietro l’aratro,

scegliendo terra nuova.


Cariche tornan le nubi

pronte per impastare

sementi e terra insieme.


E con la schiena curva,

il viso illividito,

il pensiero fisso

resta nel tancato,

che sia seminato

per rigorosi germogli,

per un raccolto migliore,

per pane saporito.


Rossori della sera

promettono il domani,

dove si specchian nubi,

che sian di placida pioggia.

 


Cfr. MARIA SALE, Carignos de ‘entu, Edes-Editrice Democratica Sarda, Sassari 2015, pagg.112-113.

Ultimo aggiornamento Lunedì 26 Ottobre 2020 18:39
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):