Home » Limba Sarda » Sale Maria » A lampalughe

Immagini del paese

MVC-005F.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 9612996

Notizie del giorno

 
A lampalughe PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 
Giovedì 11 Marzo 2021 11:03

di Maria Sale


 

Su sero istraccu

est isgramende

attera lughe

a lampanas ismentigadas

in sa chijura

‘e fiores allizados.

 

Sa roda de sa luna

est giamende istellas

e isetende

mandat asselios

a s’alvure chi tremet

contr’a bentu

e regoglit s’abbratzu

chi medit su distaccu

de sos buttios de chelu

attesu, inue lampizat

cun s’umbra indeorada

imbreaga e accassida

seminadora ‘e ammentos

in campuras d’eternu.

 

Accò un’attera fiara:

annunziu de s’interinada

in su sulcu

de andainas covaccadas.

 

E deo chirco e appalpo

su chi sutta ‘e pes

m’iscradiat:

ascias

fronimentu ‘e su sero.

 

 

Traduzione in italiano a cura dell’autrice

 

Barlume

 

La sera stanca

sta invocando

nuova luce

a lampade dimenticate

nella siepe

di fiori appassiti.

 

La ruota della luna

richiama stelle

ed ansimando

manda quiete

all’albero che flette

contro il vento

e ne coglie l’abbraccio

che dimensiona il distacco

delle gocce di cielo

lontano, dove lampeggia

con l’ombra dorata,

ubriaca e assetata,

seminatrice di ricordi

negli eterni campi.

 

Ecco un’altra fiaccola

annuncio dell’imbrunire

nel solco

dei sentieri sepolti.

 

Ed io cerco e palpo

ciò che sotto i piedi

mi sfugge:

scaglie

addobbi per la sera.

 

 

Cfr. MARIA SALE, Carignos de ‘entu, Edes, Sassari 2015, pagg. 130-131.

Ultimo aggiornamento Giovedì 11 Marzo 2021 11:09
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):