Home » La Tribuna » La Tribuna » Rallentano decisamente a Giugno i contagi da Covid

Immagini del paese

p.repubblica5.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 9780240

Notizie del giorno

 
Rallentano decisamente a Giugno i contagi da Covid PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 
Venerdì 02 Luglio 2021 18:53

di Carlo Patatu

S

alutato Giugno e tirate le somme, possiamo dire che, in materia di contagi e decessi, le cose sono andate decisamente meglio rispetto al mese precedente. Molto meglio.

Di certo, a migliorare la situazione hanno contribuito molto l’arrivo dell’estate, che favorisce la vita all’aperto, il procedere spedito delle vaccinazioni e un po’, ma crediamo soltanto un po’, i comportamenti individuali, che paiono improntati a una maggiore prudenza da parte dei più. Ora tutta l’Italia è zona bianca e con la possibilità di andare in giro senza mascherina, limitandone l’uso ai casi di assembramento o di stazionamento in locali chiusi.

Staremo a vedere quel che accadrà nelle prossime settimane. Frattanto, noi continueremo a monitorare i dati che giornalmente diffonderanno le autorità sanitarie.

A proposito di dati, nel decorso mese di Giugno le cose sono andate come segue, tenendo conto che, come di consueto, riportiamo tra parentesi i numeri registrati a Maggio:

1. Totale dei contagi rilevati con tampone: 577 (2.152), pari a una media giornaliera di 19 (69).

2. Decessi durante il mese: 27 (80) con una media giornaliera di 0,90 (3).

3. Numero complessivo dei tamponi processati: 78.311 (118.862), mediamente 2.610 al giorno (3.834).

4. Incidenza dei contagi sui tamponi eseguiti: 0,88% (2,08%).

5. Il maggior numero di tamponi processati, 4.613, lo si è registrato il giorno 22.

6. La punta massima dei decessi giornalieri, pari a 3, c’è stata nei giorni 7, 8 e 22.

Che ne dite?

I numeri paiono abbastanza confortanti, l’uscita dal tunnel si avvicina. Sempre che non ci accada quanto è accaduto l’anno passato. Con leggerezza eccessiva da parte nostra e di chi ci governa a Cagliari, furono messi atto comportamenti non rispettosi delle regole previste, causando il disastro che conosciamo e, addirittura, il salto lungo che ci portò dalla zona bianca a quella rossa.

Teniamone conto.

 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):