Home » Cronache del passato » Accadeva 40 anni fa: sta sparendo la strada Chiaramonti-Erula

Immagini del paese

Casa Satta 4.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 6072102

Notizie del giorno

 
Accadeva 40 anni fa: sta sparendo la strada Chiaramonti-Erula PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 
Martedì 12 Agosto 2008 13:21

In attesa della depolverizzazione - Un invito ai consiglieri provinciali del collegio

La Nuova Sardegna – 27 Novembre 1968
La strada provinciale Chiaramonti-Erula è in completo dissesto. Da molto tempo, ormai, la Provincia non provvede più a inviare la ghiaia necessaria per l'ordinaria manutenzione. L'unico cantoniere che si occupa di questa strada (se ancora si può chiamarla così), non può fare altro che cercare di eliminare le buche più grosse spargendovi della terra. È evidente che in tal modo il fondo stradale non migliora affatto. Specie dopo le piogge.

Perché la Provincia non si occupa più nemmeno della manutenzione? Pare che allo Sciuti sia stata presa la saggia decisione di depolverizzare tutte e strade provinciali. Ebbene, in attesa di realizzare questo programma, certamente ambizioso, l'assessore competente ha tagliato la fornitura di pietrisco a tutte le strade.

Ora c’è da domandarsi: quanti anni dovranno ancora trascorrere prima che il bitume arrivi sulla Chiaramonti-Erula? Se consideriamo la consueta lentezza della nostra burocrazia, senza dimenticarci della scarsità dei fondi di cui la Provincia dispone, dobbiamo ritenere che ci toccherà attendere almeno un decennio, prima di vedere depolverizzata la Chiaramonti-Erula.

Nel frattempo, l'assessore ai lavori pubblici che farà? Continuerà a non inviare la ghiaia, lasciando che la strada si rovini irrimediabilmente? Vorremmo evitarlo. Perciò rivolgiamo una calda preghiera ai consiglieri provinciali del nostro collegio, il dott. Giovanni Masala e Pietro Antonio Villa (chiaramontese), affinché invitino il presidente Maniga e l'assessore Corda a visitare di persona la strada in questione. Siamo certi che essi non sanno nemmeno dove questa si trovi, ammesso che ne conoscano l’esistenza. Noi, se lo vorranno, potremo mettere a disposizione i nostri automezzi, che sono ormai abituati a sobbalzare fra le buche e a guazzare nel fango.  (c.p.)

Ultimo aggiornamento Domenica 06 Settembre 2009 17:31
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):