Home » Istituzioni » La Chiesa e le chiese » Sos gosos de Santa Justa de Zaramonte

Immagini del paese

Ch2.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 6072095

Notizie del giorno

 
Sos gosos de Santa Justa de Zaramonte PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 7
ScarsoOttimo 
Scritto da Carlo Patatu   
Giovedì 30 Ottobre 2008 13:22

Pubblichiamo i gosos de santa Justa vergine e martire, composti dall'avvocato chiaramontese Juanne Satta Cuadu (o Giulianu Satta Quadu?). Ne proponiamo due versioni: la prima, pubblicata in un libricino edito a Portici nel 1911, è scritta in un sardo latineggiante, molto caro al canonico ploaghese Giovanni Spano (1803-1878) e al suo amico sacerdote Salvatore Cossu (1799-1868), nato a Chiaramonti, già rettore di Ploaghe.


La seconda, pubblicata nel 1974, si avvale di un sardo più "moderno", dove i vocaboli hanno perso gran parte della morfologia latina e delle assonanze spagnole, sicuramente sotto l'influenza crescente della lingua italiana. Dal confronto fra le due versioni, i lettori potranno constatare quanti e quali cambiamenti può avere subito la nostra lingua materna (il sardo logudorese) nell'arco di pochi decenni e sotto l'incalzare della parlata ufficiale, l'italiano.


Ma cosa sono i gosos? Sono lodi scritte in versi per onorare i santi. Nel nostro caso, si tratta di sestine con rime alternate o baciate e col verso finale che richiama il ritornello di due versi ripetuto al termine di ciascuna sestina.

In passato, nei giorni dedicati alla festa di santa Giusta (un sabato e una domenica a maggio e a settembre), la chiesa restava aperta ininterrottamente giorno e notte. Vi era allora il custode (s'eremitanu), che alloggiava in due stanzette ricavate sul lato destro della chiesa e successivamente abbattute a seguito di un restauro discutibile. All'interno della chiesa, c'era sull'altare una sorta di carta-gloria in legno col testo dei gosos di cui parliamo. Un po' a tutte le ore, i fedeli, ma più spesso i giovani, usavano cantare in coro quelle laudi in onore della santa, traendone soddisfazione sul piano della socializzazione e su quello spirituale.

Ricordiamo che, da sempre, i chiaramontesi hanno manifestato una devozione particolare per santa Giusta. Di gran lunga preferita anche al patrono san Matteo, apostolo ed evangelista. Tant'è che, per venerare la santa, nel nostro territorio furono erette due chiese: a Nuraghe Longu e a Magola. Della prima non resta pressoché traccia; la seconda, anche a seguito degli interventi di restauro succedutisi nel tempo (non sempre felici), si conserva in buone condizioni ed è regolarmente officiata.

Per quanto attiene ai testi citati, ringraziamo la responsabile della biblioteca comunale Caterina Marrone, che ci ha fornito la prima versione, e il prof. Giovanni Soro per quella pubblicata nel 1974.


1a versione

Gosos de Santa Justa
Virgine et martyre

Heroina portentosa
de sa Fide baluardu,
defende su Regnu Sardu
Santa Justa gloriosa.

1.
In Sardigna ses naschida
in sa famos'Arborèa,
dae gente non plebèa
tue recesti sa vida,
però non fis instruida
de sa Rughe pretiosa.

Defende su Regnu Sardu ...

2.
Justa benzesti jamada,
qua justa viver devias
et fidele ad su Messias,
qui T'haiat destinada,
pro qui l'esseres istada
fiza dilecta, et isposa.

Defende su Regnu Sardu ...

3.
De doigh'annos laxesti
sa profana idolatria,
qua si fizu de Maria
veru Deus connoschesti,
una vida T'elegesti
sa plus dura, et penosa.

Defende su Regnu Sardu ...

4.
Appenas Ti cunvertesti
ad sa Lege Christiana,
Cleodonia mama inhumana
pro tirannu Tue hapesti,
pro quantu li riprovesti
sa Fide sua ingannosa.

Defende su Regnu Sardu ...

5.
Cum furore de leone
contr'ad Tie s'evventada,
sos ossos Ti fracassada
cum unu duru bastone,
et senza cumpassione
Ti laxada sambenosa.

Defende su Regnu Sardu ...

6.
Gasi tot'appiagada
Ti poniat in prejone
et crudele que Nerone
cum cadenas ti ligada,
né benias sublevada
dae manu piedosa.

Defende su Regnu Sardu ...

7.
Sos Anghelos solamente
falesint pro ti curare,
cum sos quales laudare
querfesti s'Onnipotente,
et rendesit risplendente
cussa prejone obscurosa.

Defende su Regnu Sardu ...

8.
Cum celeste meighina
sanada ja T'admiresint,
e prestu si cunvertesint
Enedina cum Justina,
qua sa Potentia Divina
supplichesti fervorosa.

Defende su Regnu Sardu ...

9.
Pustis de tantos tormentos,
qui mama tua ti desit
de nou Ti preguntesit
de sos tos pensamentos.
Qui fint a Deus intentos,
li rispondesti animosa.

Defende su Regnu Sardu ...

10.
Claudio perfidu amante
proesit cussa firmesa
cum offertas de ricchesa,
credénditi vacillante.
Ma Tue semper costante
Restesti victoriosa.

Defende su Regnu Sardu ...

11.
Pro cussu cum tirannia
giuresit de Ti traciare,
et pustis de Ti brujare
cum sa tua cumpagnia,
ma però cussa manìa
l'istesit meda dannosa.

Defende su Regnu Sardu ...

12.
In un orrendu torrente,
qui sa Cittad'inundesit,
miseramente morzesit
cum tota sa sua gente.
Salvu su veru Credente
in manera prodigiosa.

Defende su Regnu Sardu ...

13.
Poi de tantu penare
cum una rara potentia,
sa Divina Onnipotentia
ti querfesit premiare,
cumandendit a laxare
custa valle lagrimosa.

Defende su Regnu Sardu ...

14.
Vera nostra Proctetora
in su Chelu nois t'hamus,
et commente supplicamus,
favorinos a dogn'ora.
Semus gente peccadora
de favores bisonzosa.

Defende su Regnu Sardu ...

15.
In modu particulare
sa bidda de Zaramonte,
in grat'amenu horizonte
Ti querfesit dedicare
duas Chejas pro pregare
a Tie miraculosa.

Defende su Regnu Sardu ...

16.
In sa perenne funtana
de custa Cheja sagrada,
Tue benis figurada
pro sa gratia soberana,
qui ad s'anima Christiana
semper donas generosa.

Defende su Regnu Sardu
Santa Justa gloriosa.

Ora pro nobis Santa Justa, ut digni efficiamus promissionibus Christi.
Oremus: Deus, qui inter coetera potentiae tuae, miracula etiam in sexu fragili, victoriam martyrii contulisti: concede propitius; ut qui beatae Justae Virgini ed Martyris tuae natalitia colimos, per ejus ad exempla gradiamar.
Per Dominum nostrum.

S'advocadu JUANNE SATTA CUADU de Zaramonte, cumponesit.

Cfr.: Biografia leggendaria - Santa Giusta Vergine e Martire, a cura del sacerdote Serafino Sanna, rettore parrocchiale di Meana Sardo e già vicario di Santa Giusta, Edito dall'Officina Tipografica V. Caramiello, Portici 1911.

---
2a versione

Gosos de Santa Justa

Eroina portentosa
De sa vide baluardu:
Defende su Regnu Sardu
Santa Justa gloriosa.

1.
In Sardigna ses naschida
in sa famos'Arborea,
da-i zente non plebea
tue rezesti sa vida.
Però non fis'istruida
de sa Rughe preziosa.

Defende su Regnu Sardu ...

2.
Justa benzesis jamada
ca justa viver devias,
et fidele a su Messias
chi t'aiat destinada,
pro chi l'esseres istada
Fiza diletta e Isposa.

Defende su Regnu Sardu ...

3.
De doigh'annos lassesti
Sa profana idolatria,
ca su Fizu de Maria
Veru Deus connoschesti,
una vida t'elegesti
sa piùs dura e penosa.

Defende su Regnu Sardu ...

4.
Appenas ti cunvertesti
in sa legge cristiana,
Cleodonia mama inumana
pro tirannu tue appesti,
pro cantu li riprovesti
sa vida sua ingannosa.

Defende su Regnu Sardu ...

5.
Cun furore de leone
contr'a tie s'avventàda,
sos ossos ti fragassàda
cun unu duru bastone,
e senza compassione
ti lassada sambenosa.

Defende su Regnu Sardu ...

6.
Gasi tott'appiagada
Ti poniat in prejone,
e crudele che nerone
cun cadenas ti ligàda
ne benìas sullevada
da-e manu piedosa.

Defende su Regnu Sardu ...

7.
Sos anghelos solamente
falesint pro ti curare,
cun sos cales laudari
cherfesti s'Onnipotente,
et rendesint risplendente
cussa prejone oscurosa.

Defende su Regnu Sardu ...

8.
Cun celeste meighina
sanada ti ammiresint,
et prestu si cunvertesint
Enedina cun Justina,
ca sa Potenzia Divina
supplichesti fervorosa.

Defende su Regnu Sardu ...

9.
Pustis 'e tantos turmentos
chi mama tua ti desit,
de nou ti preguntesit
de sos tuos pensamentos,
"Chi fint a Deus intentos":
li rispondesti animosa.

Defende su Regnu Sardu ...

10.
Claudiu perfidu amante
proesit cussa firmesa,
cun offertas de ricchesa
cretendedi vacillante,
ma tue sempre costante
restesti vittoriosa.

Defende su Regnu Sardu ...

11.
Pro cussu cun tirannìa
giuresit de ti trattare,
et pustis de ti brujare
cun sa tua compagnia,
ma però cussa manìa
l'istesit meda dannosa.

Defende su Regnu Sardu ...

12.
In unu orrendu torrente
chi sa zittade inundesit,
miseramente morzesit
cun totta sa sua zente,
salvu su veru credente
in manera prodigiosa.

Defende su Regnu Sardu ...

13.
Poi de tantu penare
Cun d'una rara passenzia,
Sa Divina Onnipotenza
Ti cherfesit premiare,
cumandendedi a lassare
cust'adde ch'est lagrimosa.

Defende su Regnu Sardu ...

14.
Vera nostra protettora
In su chelu nois t'hamus,
et comente supplicamus
favorìnos a d'ogn'ora.
Semus zente peccadora
De favores bisonzosa.

Defende su Regnu Sardu ...

15.
In modu particolare
Sa idda de Zaramonte,
in gratu e amenu orizzonte
ti cherfesit dedicare,
duas chejas pro pregare
a tie meraculosa.

Defende su Regnu Sardu ...

16.
In sa perenne funtana
De custa cheja sagrada,
tue benis figurada
pro sa grazia soberana,
chi a s'anima cristiana
sempre donas generosa.

Eroina portentosa
De sa vide baluardu:
Defende su Regnu Sardu
Santa Justa gloriosa.

(Autore: s'avvocadu Giulianu Satta Quadu de Zaramonte annu 1948)

Cfr. Cantigos sacros, Ed. La Voce del Logudoro, 1974

Ultimo aggiornamento Giovedì 21 Maggio 2009 12:10
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):