Home » Limba Sarda » Cossiga Bainzu, su poeta christianu » Bainzu Cossiga: Su Babbu nostru

Immagini del paese

ch15.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 6465838

Notizie del giorno

 
Bainzu Cossiga: Su Babbu nostru PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 7
ScarsoOttimo 
Sabato 22 Novembre 2008 00:52

Il sonetto, composto in un sardo aulico, latineggiante, è stato recentemente musicato; pertanto viene ancora eseguito da alcuni cori. Fra questi, quello storico della Confraternita di Castelsardo.

Babbu nostru de paghe et non de gherra,
Q'istas in su piùs altu firmamentu,
Quantos amore veru in coro inserrant,
Laudent su nomen tou ogni momentu.


Da nos su Regnu tou, et lu disserra
Pro lu gosare in eternu cuntentu.
Facta siat in Chelu et in sa terra,
Sa voluntade tua in ogni eventu.

Signore, generosu hoe nos dona
Su pane de ogni die substantiale;
Comente perdonamus, nos perdona.

Et non nos laxes ruer; da ogni male
Liberanos, Signore; et pro corona
Nerzet Amen Jesus 'ogni mortale.


Cfr. "Su Poeta Christianu, o siat sa doctrinetta in sonettos logudoresos cum alcunas cantoneddas sacras", Tataris 1863, Tip. de Gavinu Bertolinis, a cura de Salvadore Cossu, rectore de Piaghe

Ultimo aggiornamento Giovedì 27 Novembre 2008 23:30
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):