Home » Istituzioni » La Chiesa e le chiese » La novena di Natale in latino

Immagini del paese

Castello 12.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 5022404

Notizie del giorno

 
La novena di Natale in latino PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 47
ScarsoOttimo 
Scritto da Carlo Patatu   
Lunedì 15 Dicembre 2008 01:00
Domani 16 Dicembre avrà inizio la novena di Natale. Quando chi scrive era un bambino e un chierichetto (anni '40 del '900), tale funzione la si celebrava in lingua latina. Il coro delle ragazze dell'Azione Cattolica, istruito e diretto dalla superiora dell'asilo suor Giuseppina Marucchi (per noi suor Reverenda), eseguiva quei canti insieme al popolo dei fedeli. Che, per la verità, avevano a che fare con orazioni di cui non capivano il significato, essendo scritte in una lingua (il latino) ai più sconosciuta.

Dopo il concilio ecumenico Vaticano II (11/10/1962-7/12/1965), il latino fu bandito dalle funzioni religiose, per far posto alla liturgia espressa nelle singole lingue nazionali. Ne guadagnò di certo la comprensione, ma a scapito del fascino che quelle musiche e quei canti sapevano esprimere e del quale oggi si è persa ogni traccia. Forse definitivamente.

A beneficio dei più giovani, ma anche per il piacere di chi giovane non è più, riportiamo i testi latini di quei salmi e di quegli inni ormai scomparsi dalla liturgia, facendone seguire la traduzione in italiano. Ma, ahinoi!, non disponiamo del sonoro. Peccato!

La novena si svolgeva di sera nella chiesa parrocchiale, sempre molto affollata. Si trattava di un appuntamento molto atteso e al quale pochi sapevano rinunciare. Il clima già natalizio e le molte zone d'ombra della chiesa, allora malamente illuminata, creavano una suggestione rara e un'atmosfera particolare.

La funzione si apriva col canto in latino
"Regem venturum Dominum, venite adoremus..."
(cliccare qui sopra per leggere il testo completo)

Ultimato il canto, se ne intonava subito un altro; e cioè il polisalmo
"Laetentur coeli et exultet terra..."
(cliccare qui sopra per leggere il testo completo)

Come si vede, il rito non era di breve durata. Si svolgeva interamente cantato dalla folla dei fedeli con l'accompagnamento dell'armonium suonato dalla stessa suor Reverenda. I testi, è vero, risultavano incomprensibili alla massa; ma esercitavano ugualmente un fascino straordinario. Le musiche, pur nella solennità che esprimevano, erano gradevoli, orecchiabili e facili da eseguire. E quindi popolari.
Terminato l'inno "Laetentur coeli...", s'intonava, sempre in latino:
"En clara vox redarguit..."
(cliccare qui sopra per leggere il testo completo). In questo canto, il tema musicale perdeva un po' della solennità dei primi due. In compenso lo si cantava con ritmo più sostenuto. Il che rendeva particolarmente piacevole l'esecuzione.

Per concludere, il canto dell'antifona seguito dal "Magnificat", la cui musica, ancor più solenne e austera, non mancava di suscitare sentimenti di rispetto e devozione. Quindi l'orazione finale cantata dal sacerdote, cui facevano da contrappunto le risposte dei fedeli, composti e in piedi:

Dominus vobiscum (il Signore sia con voi).
Et cum Spiritu tuo (e col tuo spirito).
Festina quesumus, Domine, ne tardaveris, et auxilium nobis supernae virtutis impende ut adventus tui consolationibus subleventur qui in tua pietate confidunt.
Quis vivis et regnas cum Deo Patre in unitate Spiritus Sancti, Deus, per omnia saecula saeculorum.
Amen.


Traduzione:
Affrettati o Signore, non tardare, e impiega per noi l'aiuto della tua grazia celeste, affinché quelli che confidano nella tua pietà vengano sollevati dalle consolazioni della tua venuta. Tu che sei Dio e vivi e regli con Dio Padre nell'unità dello Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli.
Amen.

A questa orazione faceva seguito la benedizione serale. I fedeli, prima di lasciare la chiesa e mentre il sacerdote abbandonava il presbiterio per rientrare in sagrestia, preceduto in processione dallo stuolo nutrito di chierichetti, intonavano canti natalizi in lingua sarda. Di questi ricordiamo con piacere e con grande nostalgia:
• Duos isposos a s'iscurigada
• Notte de chelu

(Cliccando qui sopra, compariranno i rispettivi testi dei canti cui fa seguito la traduzione in italiano).
Ultimo aggiornamento Lunedì 15 Dicembre 2008 19:14
 
Commenti (19)
richiesta
19 Martedì 14 Febbraio 2017 02:22
luigi sanna
Vorrei chiedervi se avete il testo del canto gallurese che canta il coro di Aglientu intitolato ALLIGRIA. Se lo aveste e me lo mandate mi fareste un favore veramente grande.

Ho provveduto a spedirle il testo al suo indirizzo mail. Caluti cordiali. (c.p.)
brani natalizi
18 Mercoledì 16 Novembre 2016 10:01
Riccardo
Salve, ho letto che ha alcuni spartiti di brani natalizi tipici della tradizione sarda come notte de chelu ecc. Sarebbe così gentile da farmene avere una copia di ciascuno? Vorrei poterli suonare, sarebbe importante per me.
Grazie mille

---



Ho provveduto a inviare al suo indirizzo e-mail tutti gli spartiti di cui dispongo. Buon lavoro. (c.p.)

Notte de chelu ( accordi)
17 Domenica 25 Settembre 2016 07:25
Antonio Giuseppe
Mi servirebbero gentilmente gli accordi del canto suindicato grazie

---


Ho provveduto a inviarle privatamente lo spartito del canto natalizio Notte de Chelu.


Saluti cordiali (c.p.)

spartiti musicali novena gregoriana in latino
16 Martedì 18 Dicembre 2012 01:30
scanu pina
salve, potrei avere gli spartiti musicali della novena di natale in latino? gregoriano. la ringrazio tantissimo.

---

Spiacenti di comunicarle che non disponiamo degli spartiti della novena di Natale in latino. Ne abbiamo alcuni, invece, relativamente a canti natalizi in lingua sarda. Per quelli della novena dovrebbe rivolgersi alle Messaggerie San Paolo. Le auguriamo buon Natale. (c.p.)
Grazie!
15 Mercoledì 28 Novembre 2012 15:27
Dani Dani

Gentile Signor Carlo,


io, i miei bambini del catechismo e le nostre musiciste e coriste della parrocchia la ringraziamo di cuore per la sua gentilezza!


Fossimo tutti così tempestivi nel collaborare le cose andrebbero meglio in società, non crede? L'importante è comunque che noi facciamo la nostra parte e diamo esempio.


Grazie ancora e un Serenissimo Natale a tutti voi!


Daniela Campo


---


Concordo con lei e la ringrazio di cuore per le espressioni cortesi. Rinnovo gli auguri di buon lavoro con i bambini e di buon Natale. (c.p.)

naschid'esti
14 Lunedì 26 Novembre 2012 12:22
daniela campo

Buongiorno! Prepariamo coi bambini della parrocchia il classico concerto di natale e cerchiamo con urgenza gli accordi per organo di NASCHID'ESTI. Potrebbe aiutarci ???? Comunque sia, ringrazio dell'attenzione.


Cari saluti, daniela dalla parrocchia di S.ta Lucia in Iglesias


---


Con vero piacere, abbiamo provveduto a inviarle privatamente al suo indirizzo e-mail lo spartito e il testo integrale del canto natalizio Naschid'est in sa capanna. Agli auguri di buon lavoro con i ragazzi uniamo quelli di buon Natale. (c.p.)

Testi e spartiti delle canzoni di Natale
13 Domenica 25 Dicembre 2011 18:03
Tore Patatu
Caro Carlo, sono in grado di far avere gli spartiti al sig. Francesco Santona, a patto che mi faccia avere l'indirizzo a cui spedirli. Se legge queste riche, provveda a farmi avere il suo indirizzo mail. scrivendomi a:


tore.patatutiscali.it
dottor Salvatore Patatu
12 Martedì 20 Dicembre 2011 13:36
francesco santona
La conosco per interposta persona, Mario Pulina, e sono appassionato delle opere di don Pedru Casu vorrei entrare in possesso delle poesie della novena di Natale, alcune già memorizzate - duos isposos - notte de chelu e naschid'est. Altre le conosco a tratti. Vorrei conoscere la strada per possederLe scritte. Mi avvalgo della raccomandazione di Don Dettori mio parente. Saluti a Carlo appassionato de cantu a chiterra.

---

Nel ricambiare i saluti, assicuro di avere girato la richiesta a mio fratello Tore, che è esèerto in ateria ed è in grado, ne sono certo, di soddisfare la richiesta. Auguri di buon Natale. (c.p.)
novena di Natale Don Pietro Casu
11 Martedì 20 Dicembre 2011 12:57
francesco santona
Sono un grande estimatore de Babbai Casu, cerco tutto quello che è possibile trovare. A lui mi rifaccio scrivendo in sardo perchè lo credo il più attendibile, cosa che non intravedo nello Spano e nel Wagner (mi sia permesso in quanto molto lessicale. Le conosco tutte ma intere mi mancano: acculzu a betlemme,andhamus a sa grutta, a sos primos rigores, cand'est nadu Gesus, in sa notte profunda, it'est custa armonia.

---

Anche questa richiesta è stata inoltrata a mio fratello Tore. Che, ne sono certo, non mancherà di rispondere. Saluti. (c.p.)
spartiti musicali
10 Mercoledì 14 Dicembre 2011 11:58
patri

ciao non è che potresti farmi avere gli spartiti musucali della novena di natale, nel caso li possedessi? grazie


---


Si, per alcuni canti. Ma dovrei avere il recapito di posta elettronica. Saluti e auguri di buon Natale (c.p.)


 

Aculzu a Bethlemme
9 Mercoledì 29 Dicembre 2010 09:11
Emiliano
Salve, mi piacerebbe avere il testo e magari anche la partitura del canto Aculzu a Bethlemme. Ho cercato dapertutto ma senza successo. Vi sarei molto grato se voleste farmelo avere.A presto.

---

Ci attiveremo per soddisfare la richiesta di Emiliano. Che da noi avrà presto notizie in proposito. (c.p.)
Lo spartito di "Duos isposos..."
8 Venerdì 29 Ottobre 2010 12:37
Carlo Patatu

A Biagio Picciau, che segue il coro del Circolo Culturale Sardo di Biella, comunico che lo spartito che cerca potrà fornirglielo il dott. Salvatore Patatu, studioso appassionato e culture di lingua, poesia, letteratura e canti della nostra Sardegna.


Invito pertanto il signor Picciau a contattarlo telefonandogli a uno di questi numeri: 079.395664 abitazione; 338.1757126 cellulare; oppure scrivendogli all'indirizzo di posta elettronica: tore.patatu@tiscali.it


Faccio presente che Salvatore Patatu sarà a Pavia il 20 Novembre prossimo a presentare il coro di Usini (SS), che si esibirà presso il circolo sardo di Pavia. Quindi terrà una conferenza al circolo sardo di Saronno il 4 Dicembre prossimo.


La saluto. (c.p.)

Aggiunta
7 Giovedì 28 Ottobre 2010 11:38
Brai
Ho dimenticato di dirvi che il nostro Assistente spirituale è zaramontesu: Don Ferdinando Gallu che ci fa le meditazioni in perfetto logudorese.
A sos primos rigores
6 Giovedì 28 Ottobre 2010 11:33
Biagio Picciau
Seguo il coro del Circolo Culturale Sardo di Biella e facendo ricerca ho trovato questo sito dove ho visto che qualcuno ha quello che cerco io e che non trovo: Ho la musica di A sos primos rigores ma non le parole; ho le parole di Duos isposos ma non la musica. C'è qualcuno che può venirci incontro? Stiamo preparando un concerto di canti natalizi sardi per il prossimo Natale. Grazie anticipatamente se volete contattarmi via e-mail, Brai

---

Spero che qualcuno risponda all'appello. Anch'io mi attiverò per venirne a capo. (c.p.)
canti in latino
5 Giovedì 17 Dicembre 2009 18:10
christian

Al mio paese la novena del S. Natale alle ore 20 viene ancora cantata in latino con tutte le lodi descritte sopra.
---
Se permettete, vi invidio. Auguri (c.p.)

andemus a sa grutta
4 Martedì 20 Ottobre 2009 21:12
beatrice malune
mi piacciono tutte queste canzoni. Come posso fare ad avere i testi?

---

L'articolo "La novena di Natale in latino", cui il suo commento si riferisce, è stato pubblicato su questo sito il 15 Dicembre 2008. la invitiamo a rileggerlo: vi troverà i link, cliccando sui quali appariranno sullo schermo i testi che le interessano. Se avrà difficoltà, ce lo faccia sapere. c.p.
Sas cantones de Nadale
3 Martedì 23 Dicembre 2008 14:05
Tore Patatu
Vorrei tornare brevemente sull'articolo della novena, che ha riportato alla mia mente antichi ricordi di vecchie melodie, che, attraverso elementari sinestesie, vanno a mescolarsi al rosso profumo dei mandarini, al grigio sentore dei fichi secchi, all'odore giallognolo delle melecotogne e al verde intenso delle nostre voci infantili, diventate ormai color pece.


Ricordo l'emozione con cui cantavamo, guidati dall'organo di chiesa, suonato da don Dettori (io ricordo suor Reverenda soltanto come suora dell'Asilo), Duos isposos a s'iscurigada e Notte de chelu, mentre il presepe lampeggiava fiocamente nell'altare delle Anime. Molti di noi credevano che questi brani di straordinaria bellezza fossero stati scritti dal nostro parroco. A dir la verità non è che lui si sia mai vantato di questo, ma non faceva niente per chiarire l'equivoco. In realtà queste due canzoni fanno parte di una raccolta di nove pezzi, intitolata Cantones de Nadale, pubblicata nel 1927 e ripubblicata nel 1998 dalla Tipografia Il Torchietto di Ozieri.
Gli autori sono don Pietro Casu di Berchidda (1878-1954), fra i più grandi poeti della storia della letteratura sarda, e don Agostino Sanna di Ozieri (1902-1982). I titoli delle nove canzoni (una per ogni giorno di novena), in ordine alfabetico, sono:


Aculzu a Bethlemme


Andemus a sa grutta


A sos primos rigores


Cand'est nadu Gesus


Duos isposos


Glòria: it'est cust'armonia


In sa notte profunda


Nàschidu est


Notte de chelu.


Io possiedo sia i testi, sia gli spartiti musicali di tutti questi pezzi e, se don Virgilio, con l'aiuto del Coro de Sos Apostulos, volesse riproporli, ovviamente per il prossimo anno, sono a sua completa disposizione.

---

Giriamo la proposta a don Virgilio e al maestro Salvatore Moraccini, direttore del coro Sos Apostulos. Se la cosa andasse in porto, realizzeremmo una bella e importante operazione culturale, oltre che una testimonianza di fede nel rispetto della tradizione. Questo sito, ovviamente, resta a disposizione per pubblicizzare testi e spartiti. Grazie. c.p.
Finanza creativa... o benedetta!
2 Domenica 21 Dicembre 2008 20:57
c. coda
Tempo di riflessioni.


Il Natale: Novena e preparazione alla nascita di Gesù.


Ma l'uomo volge dall'altra parte: regali sempre più poveri, pranzi, feste e festoni. L'uomo, oggi, ha bisogno di tutto ciò? E' sufficiente per renderlo felice, chiudendo gli occhi alla realtà e aprirli quando tutto è pronto: via alle luci, alle spese, alla spensieratezza limitata a qualche giorno?


E' un modo per bendarsi dalle difficoltà: economiche prima e sociale dopo. Prendiamo l'esempio festaiolo delle Sagre paesane, feste dei Santi patroni e non. Ci buttiamo corpore praesente alla ricorrenza, ma poi? Tutto il vuoto è intorno. Ritorniamo inconcludentemente nella utilità e realtà e nel limbo delle debolezze umane.


Don Virgilio, dal suo pulpito, ci ricorda la vanità delle cose, dei comportamenti. Tutta verità e nient'altro che verità. Ma per verità si intende: condizione di ciò che è vero. Oltre le feste religiose, ma che di religioso hanno ben poco; oltre le sagre, ben organizzate, cosa anima la nostra esistenza in questo centro? Il sacro lavoro, quando c'è; le spese, quando se ne hanno i mezzi; aspettare la prossima occasione stimabile in circa 15 giorni su 365. Fatti due conti, ne rimarrebbero 350. Quest'ultimi servono per far passare la sbornia festaiola dei 15 prescelti?


Ho delle riserve in merito. Non ho soluzioni nell'immediato, ma figure proponenti in una comunità non dovrebbero mancare. Una fra tutte: don Virgilio! In un recente invito, rivolto ai fedeli, ha comunicato le difficoltà economiche che versa la parrocchia. L'Arcivescovo don Paolo ha invitato alla contribuzione più sostanziosa per il sostentamento. Siamo in defiicit. Anche da quelle parti c'è crisi!


Mi si consenta di formulare una proposta di sovvenzione a costo zero, o quasi. Nelle diverse feste religiose (!) che si svolgono, si praticano delle questue. Le somme raccolte raggiungono decine di migliaia di euro. Si organizzano diverse serate di intrattenimento, per singola ricorrenza. Bene! Riteniamo che: S. Giusta, S. Matteo, S. Giovanni, N.S del Carmelo, ecc. si offenderebbero se le giornate in loro onore (!) vengano ricondotte ad un giorno o due di festeggiamenti?


Non ho avuto l'onore di conoscerli personalmente e mi auguro, da egoista, il più tardi possibile, ma immagino di no. Il risparmio di una serata, il Comitato organizzatore, potrebbe-dovrebbe devolverlo per il sostentamento della Chiesa in festa. Il cittadino devolvente farebbe una buona offerta e la Chiesa locale non sarebbe in debito con il suo Arcivescovo.


Risparmio sostenibile e finanza creativa, anzi benedetta !
"Venite adoremus" riflessione sul Natale
1 Lunedì 15 Dicembre 2008 22:09
don Virgilio Businco

Carissimo Carlo,


grazie per l'articolo che racconta della Novena del Santo Natale in latino. Questo momento di grande intensità spirituale si ripete anche quest'anno nonostante venga celebrata in italiano, ma, spero sempre con quella profondità che era dei nostri antenati. Una riflessione nasce per questo incontro spirituale che la Chiesa ricorda ogni anno:
mi domando, abbiamo perso l'anima del Natale? Guardandoci attorno vediamo che il Natale si è traformato in un periodo in cui si pensa alle compere, al regalo per parenti e amici; qualcuno prepara ancora il presepe, l'albero, e qualche luminaria illumina i centri principali dei nostri paesi e città, ma Gesù che fine ha fatto?
Era il centro ma oggi è relegato dentro un presepe, bello a vedersi, ma che non intacca la nostra vita interiore piena di problemi e di cose da fare dove non c'è posto per Lui. Sembra che si ripeta il rifiuto dei locandieri alla richiesta di San Giuseppe per un posto dove alloggiare per la notte! Gli osti risposero non c'è posto e nei nostri cuori, oggi, c'è questo posto per accogliere il Figlio di Dio? Spero e auguro che si ritorni a quel disegno di Dio per l'uomo, "Un figlio c'è stato donato: l'Emmanuele il Dio in mezzo a noi".
La Novena aveva e ha anche oggi questo significato: prepararci ad accogliere il Signore nei nostri cuori. Non spegniamo il Natale e il senso profondo di questo grande dono all'umanità! Auguro a tutti di viverla così profondamente da sentire quel Bambino un dono per ognuno di noi. Buona Novena a tutti.
Don Virgilio
---
Grazie a lei, don Virgilio. Grazie anche per la sua riflessione, che si attaglia bene ai tempi che attraversiamo, connotati da molto egoismo e tanta indifferenza. Tempi in cui le luci degli addobbi natalizi sono più fioche che in passato, mentre gli acquisti di doni e cibarie, ci dicono, segnano il passo. Ricambiamo di cuore gli auguri. Buona novena e buon Natale a tutti. c.p.

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):