Home » Limba Sarda » Sechi Franco » Franco Sechi: Attesu

Immagini del paese

Chiaramonti 1900.jpg

Statistiche

Tot. visite contenuti : 11090175

Notizie del giorno

 
Franco Sechi: Attesu PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 15
ScarsoOttimo 
Venerdì 16 Gennaio 2009 14:12

Il cantautore chiaramontese ha composto questa canzone nel 2005 e l’ha dedicata all’emigrato, nel nostro caso un minatore, costretto dalla necessità a vivere fra gente estranea che parla una lingua sconosciuta, e a lavorare nelle viscere della terra, senza sole. Al buio. Franco Sechi non dimentica mai d'essere egli stesso figlio di emigrati in Corsica, dov’è nato.

Cliccando sul trangolino nero dell'icona qui sotto, è possibile ascoltare il pezzo dalla voce dell'autore.

{mgmediabot2}path=images/stories/media/sechifranco/sechifranco_attesu.mp3|type=mp3|buffer=8|displayheight=0|autoplay=false|width=250|height=18{/mgmediabot2}


Ite tribulia sa vida!
Tra laore, caldu, frittu;
tribagliende totta chida,
aggiummai pro su recattu.


Pro campare vida mezus
m'ant prommissu pan’e oro;
m'ana nadu: and’attesu,
anda e torrande decoro.

Arrividu che so attesu,
lassende terra e laore;
seberadu apo su pesu
de su piccu e s'iscurore.

In intragnas de sa terra,
pro nde 'ogare su carvone,
ogni die fit una gherra:
agguantare pro su pane.

Cando poi su sero 'essia,
che criadura fia ispaesadu:
lughes, zente, ue che fia?
Fit pro a mie un atteru mundu.

Fia un istranzu in terr’anzena,
furisteri chentz’istoria,
chentza limba, ne corona,
solu, cue, pro sa battaglia.

De sa vida mia istimada,
pro mi che torrare attesu
in sa terra mia lassada,
ue su coro b'apo presu.

Ticcu ticcu sigo andare,
definende sa torrada
da-e s'iscuru a su lugore
de sa domo mia approntada.

Istadiale in sas carrelas,
sa carrelas de 'idda mia,
faeddo limba mia no istranza,
gai sa 'ezzesa est pizzinnia.

 

Ultimo aggiornamento Domenica 26 Dicembre 2010 20:08
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):