Home » Commenti agli articoli » Lista » Il carcere è sempre utile?

Immagini del paese

campanile2.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 9377986

Notizie del giorno

 
Il carcere è sempre utile?
Scritto da Mario Soddu - Belgio.   
Giovedì 05 Febbraio 2009 23:32
La nostra società ha esaurito il meccanismo di prevenzione e di gestione del fenomeno della delinquenza? Valutazione che i giornalisti non cessano di criticare.
La situazione è molto preoccupante. I fatti sono sempre gli stessi: attacchi a mano armata, stupro con violenza, morte violenta, associazione di malfattori costituite con persone recidive, pedofili e altri casi. Crimini odiosi orchestrati da professionisti del crimine.
Fra questi ci sono anche dei giovanissimi delinquenti. Malgrado le sanzioni prese dalle autorità giudiziarie, nessuno crede che verranno condannati. Ma è più probabile di rivederli dopo qualche giorno sulla strada, come se non avesse fatto niente. In questi casi rivoltanti necessita una presa di posizione ferma dalle autorità.
Occuparsi di questi giovani delinquenti per integrarli nella società. La prigione dev'essere per forza l'unica soluzione?
La società ha forse una grande responsabilità nell'assolvere questi delinquenti, e in particolare i recidivi, rifiutando loro il reinserimento? Secondo gli specialisti del comportamento umano, nella società civile e carceraria, la risposta oggi è molto lontana. Il loro punto di vista è negativo, nel modo in cui le carceri trattano questi giovani delinquenti.
Anche in prigione trafficano la droga e dirigono le bande in libertà. I cittadini onesti si domandano: a cosa serve la prigione? Pure essendo un luogo di sicurezza e di punizione, continuano il loro traffico illecito. Ma come è possibile? Le guardie carcerarie perchè ci sono? Oppure sono complici?
A questo punto, la prigione non è più un rimedio. Per reintegrare questi giovani nella società, "l'ha già dimostrato da molto tempo", ha sottolineato un Pscisociologo. Una criminologa belga, specialista dei problemi carcerari ha detto: la prigione oggi è diventata una scuola della delinquenza. Delle bande di delinquenti si formano per lavorare assieme una volta usciti dalla prigione.
Questo posto "ha un ruolo molto grave". Il tempo passato in cella fa diventare ancora più aggressivo il delinquente, rifiutando anche i consigli giuridici e psicologici. Aggiunge anche descrivendo il carcere come infernale. Senza igiene, la droga, i conflitti fisici fra detenuti e la brutalità delle guardie carcerarie.
Tutto questo ha delle conseguenze gravi sull'individuo. "Non si può pretendere un miglioramento delle condizioni di detenzione e pensare a un reinserimento nella società se non si migliora il trattamento delle guardie carcerarie", continua a dire la criminologa.
Per una migliore condizione di vita carceraria, gioca un ruolo molto importante il salario dei guardiani. Saranno più motivati a fare rispettare le regole, se sono più pagati.
QUESTO COMMENTO PUÓ INTERESSARE AL NOSTRO SIMPATICO "DAMIANO NIEDDU".
Un caro saluto a tutti, in particolare alla redazione.
 
Questo è un commento di "Parliamo di ... politica in generale"