Home » Archivio - Chiaramonti Notizie » Chiaramonti Al Caffè » A Chiaramonti, Carnevale festoso con carri e maschere

Immagini del paese

ch.s.giovanni2.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 6574596

Notizie del giorno

 
A Chiaramonti, Carnevale festoso con carri e maschere PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 18
ScarsoOttimo 
Scritto da Carlo Patatu   
Lunedì 04 Febbraio 2008 05:54

C’era meno folla che in passato; ma l’atmosfera era quella di sempre: molta musica, tanti gruppi, tanti balli, tanta animazione. Grazie agli aficionados che, come al solito, hanno dato sfogo alla fantasia e hanno lavorato di buona lena, per preparare carri stupendi e costumi multicolori. L’associazione Pro Loco ha fatto il resto, garantendo l’organizzazione e una tavola imbandita di cibi e bevande. Rimarchevole la partecipazione dei forestieri. In breve, la tradizionale sfilata della Domenica di Carnevale è partita col piede giusto.

Alcune centinata di maschere, talune a seguire i carri allegorici, altre muovendosi autonomamente, nel primo pomeriggio hanno invaso il quartiere Codinas e, al ritmo di musiche da discoteca, sono poi sfilate lungo il viale Marconi. Quindi hanno attraversato il quartiere San Giovanni; dopo ci che il corteo si è impadronito di piazza Repubblica. Qui ci si è abbandonati alle danze (esotiche, moderne e nostrane), al suono di musiche assordanti dal ritmo ossessivo e coinvolgente.

Una mezza dozzina di carri, tutti di fattura pregevole, a rappresentare i personaggi fantastici dello Shrek; la calata pacifica e allegra di un nugolo di alieni; un simpatico gruppetto di clowns al seguito di un carro trainato da un triciclo; la vetrina dedicata alla discomusic; uno splendido castello medievale superbamente difeso da fieri templari; la piramide egizia di Cheope con tanto di mummia, cui facevano da corona alcune belle Nefertari. Il mostro dello Shrek mandava dalla bocca persino folate di fumo, di tanto in tanto.

Fra i gruppi senza carro, abbiamo ammirato quattro petrolieri arabi con i loro costumi dai colori sgargianti, una simpatica e improbabile Carla Fracci un po’ sovrappeso, Pinocchio e le immancabili fatine, il Cappuccetto Rosso della celebre favola, un omaccione dal seno prosperoso impreziosito dalla scollatura mozzafiato di un abito da sera di un rosso fuoco e un orrido gorilla che non finiva mai di grattarsi le palle. Infine, per rendere omaggio all’attualità, un ragazzo rivestito di sacchi d’immondizia strapieni di “monnezza napoletana”. E ancora tanti, tanti, tanti bambini, seguiti da genitori felici e nonni premurosi.

Mentre stendiamo queste brevi note, i balli in piazza continuano all’impazzata, nonostante il freddo e accompagnati da abbondanti libagioni, oltre che dalla degustazione di prodotti locali (salsicce, pancetta, lardo, formaggio, ricotta e fave “a rèbisale”) con cui la Pro Loco, anima vera della manifestazione, ha imbandito una lunga e affollata tavolata.

Martedì si replicherà. Si el tiempo no lo impìde, come avvertono gli spagnoli nei manifesti delle corride.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento Giovedì 12 Febbraio 2009 21:54
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):