Home » Archivio - Chiaramonti Notizie » Chiaramonti Al Caffè » Carnevale 2009, fa capolino la satira politica

Immagini del paese

Castello 6.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 7292925

Notizie del giorno

 
Carnevale 2009, fa capolino la satira politica PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 11
ScarsoOttimo 
Scritto da Carlo Patatu   
Domenica 22 Febbraio 2009 23:44

Un busto di Berlusconi, capo cinto di alloro e ghigno a 32 denti, troneggia sulla fiancata di un Pantheon in cartapesta. Sotto si legge in caratteri lapidari: “Silvius Caesar Augustus Imperator Italiae et Sardiniae”. Più in basso, in corrispondenza del bacino, un rubinetto con la scritta “In vino veritas?”. Dunque, quest’anno ha fatto capolino la politica, nella passerella domenicale dei carri carnascialeschi. Che, coordinati dalla Pro Loco, hanno sfilato in numero di sette. Cui vanno ad aggiungersi altri gruppi spontanei e maschere isolate.


La giornata luminosa, seppure gelida, ha reso più vivace e briosa la sfilata tradizionale. Che, partendo da Codinas, ha raggiunto piazza Repubblica, dopo avere percorso i viali Marconi e dell’Europa Unita, la via della Resistenza e piazza della Costituzione. Il finale, come di consueto, in piazza Repubblica (S’Istradone, si diceva un tempo). Qui ancora musica, danze frenetiche e un’abbuffata di pane, formaggio, ricotta, salsiccia, lardo, fae a rebisale e frittelle. Il tutto innaffiato con vino rosso generoso.

I gruppi, ancora una volta, si sono sbizzarriti e si sono tuffati nel mondo della fantasia con “Biancaneve e i 7 Nanni”, della storia con l’”Impero Romano”, della preistoria con i “Trogloditi”. Ma ha trovato spazio anche la Scuola, con una improbabile classe di asini, affascinati dallo slogan “Non è mai troppo tardi”. Scolari e studenti hanno preparato di persona il loro carro ispirandosi ad “Asterix”, mentre altri giovani hanno scelto il cinema, con l’allegoria dell’”Arancia meccanica”. Come in passato, non è mancata la roulotte con dei buongustai, con tanto di cow boy impegnati a distribuire salsicce e formaggio saporito, con accompagnamento di pane carasau e ottimo vino.

C’erano pure dei gruppi spontanei, fra i quali un drappello di maschere che, indossando costumi orientali di ottima fattura, spingevano un trolley trasformato in un vero e proprio bar ambulante. Un altro paio di burloni nascondevano dietro ampi spolverini neri dei falli giganteschi in calzamaglia. Che tiravano fuori al momento opportuno, pronti a insidiare chi gli veniva a tiro. Senza fare distinzioni di sesso o di età.

Molto belli i costumi dei romani e del carro Biancaneve. Tutti di ottima fattura e dai colori sgargianti. Non mancava proprio nulla: fatine, principini e nani in abbondanza, farfalline, strega e matrigna compresi. Tutti al seguito della casetta dei sette "nanni". Ma il più originale, a nostro giudizio, è stato il personaggio costruito da Franco Cuccuru: un console romano in sella a un improbabile cavallo nero di pezza. Impettito e con tanto di gualdrappa; confezionato con due gambe posticce per il cavaliere che lo montava, si muoveva con le gambe vere dell'attore.

Insomma, una bella festa. Che, mentre scriviamo (manca poco alle 23), continua ancora. Si concluderà sicuramente a tarda notte nella discoteca New Wave. Qui è in programma il ballo in maschera organizzato dalla S. C. Chiaramonti. Martedì si replicherà. Stesso programma, stesso menu.

Complimenti alla Pro Loco per l’organizzazione; ma soprattutto ai ragazzi, che hanno lavorato sodo col braccio e con la mente per preparare i bei carri e gli splendidi costumi. È stato un piacere e un godimento assistere alla loro sfilata.

Per concludere, una proposta. Ovviamente per il prossimo anno. La Pro Loco dovrebbe invitare i gruppi a esibirsi in piazza, al termine della sfilata, mettendo su un siparietto di una decina di minuti e inerente al tema scelto per l’allestimento del carro. Alla scenetta che risultasse più gradita al pubblico verrebbe assegnato un premio di poche centinaia di euro. Siamo certi che ne verrebbe fuori uno spettacolo gustoso e godibile. In effetti, ci pare che la cancellazione del processo a Giorgio abbia reso un po’ monca la festa, ancorché la sfilata sia stata bella e divertente.

Perché non pensarci su?

 

Per entrare nella nostra galleria di foto, cliccare qui.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 25 Febbraio 2009 15:42
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):