Home » Limba Sarda » Patatu Salvatore » Salvatore Patatu: A Tzaramonte, sa Idda mia

Immagini del paese

Ch neve 2005.10.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 6586080

Notizie del giorno

 
Salvatore Patatu: A Tzaramonte, sa Idda mia PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 23
ScarsoOttimo 
Martedì 24 Febbraio 2009 13:39

A Pisa era il giorno della festa delle matricole e "l'Ordine del Gran Verre" aveva organizzato un concorso di canzoni goliardiche. Una specie di festival di Sanremo. I testi delle canzoni, però, dovevano essere ricavati su melodie di canzoni famose. Io partecipai con una parodia di “Are you lonesome tonight?” di Elvis Presley e che avevo intitolato “Scorreggi da sola stasera?”.

La canzone non vinse il primo premio, ma ebbe commenti favorevoli ed entusiasti dalla "critica", soprattutto per la parte recitata. Insomma, fece molto scalpore, cioè rumore. Però, pensando a quanto mi penalizzava la lingua italiana, lo stesso giorno, rientrato a casa, scrissi questo sonetto, un po' dettato anche dalla nostalgia.

 

Sètzidu in coa de Santu Matteu,
parende sos costazos a su 'entu,
su casteddu dorianu ancora reu
t'at ninnadu su bàntzigu cuntentu.

Sa zente ammantenet fide in Deu,
de istimare s'amigu at su talentu,
òdiu profundu a s'inimigu feu
e retzende s'istranzu istat atentu.

Inseddadu in sos fiancos t'arresetas
de Pala 'e Chercu e de Codina Rasa,
a s'Anglona aberzende sas ventanas.

Como non faghes furas, ne minetas,
comente antigamente fatu nd'asa
in tempos antigòrios de bardanas.

Pisa, su mese de nadale de su 1967

Ultimo aggiornamento Martedì 24 Febbraio 2009 14:14
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):