Home » Limba Sarda » Patatu Giuanne, poeta pintzionadu

Immagini del paese

Chiesa Cunventu 12.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 5344409

Notizie del giorno

 
Patatu Giuanne, poeta pintzionadu
Su lamentu de su conigliu PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 10
ScarsoOttimo 
Martedì 17 Giugno 2014 20:22

di Giovanni Patatu

Grazie alla segnalazione di un caro amico, ho saputo che mio padre, che si dilettava di comporre qualche verso in lingua sarda, come tanti della sua e della mia generazione, partecipò con un sonetto a un premio di poesia e risultò addirittura terzo classificato.

Ultimo aggiornamento Martedì 17 Giugno 2014 21:36
Leggi tutto...
 
Giuanne Patatu: Sa familia mia PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 12
ScarsoOttimo 
Lunedì 20 Maggio 2013 14:49

Cun sa cumpagna in sorte toccada,

in veridade, pagu amus gosadu.

Ultimo aggiornamento Lunedì 20 Maggio 2013 15:13
Leggi tutto...
 
Giuanne Patatu: Sa poesia PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 15
ScarsoOttimo 
Giovedì 19 Febbraio 2009 15:22
Sa poesia est bella che fiore
che lizu delicadu de natura;
chena pretesas, nâdu da-e s'amore,
o chi siat curadu o chena cura.
Ultimo aggiornamento Giovedì 19 Febbraio 2009 15:27
Leggi tutto...
 
Giuanne Patatu: note biografiche PDF Stampa E-mail
Mercoledì 02 Gennaio 2008 01:42

de Sevadore Patatu 

Giuanne Patatu est nàschidu su tres de abrile de su 1908, da-e famìlia "numerosa e povera in canna", comente issu mantessi narat in su contadu "Como e Tando", chi aberit custa regolta de trabaglieddos suos. Su babbu si naraiat Càralu, o Carolinu, comente lu giamaian sos amigos, fit nàschidu in Tàttari in su 1865 ed est mortu in Zaramonte in su 1921, ancora giòvanu, si cherimus, lassende parte de sa famìlia ancora de immannare, cando Giuanne aiat trèighi annos. Sa mama, Giuanna Budroni, giaja 'Udrone, la giamaimus nois, est morta in Olbia in su 1963, chi aiat 93 annos.

Ultimo aggiornamento Giovedì 19 Febbraio 2009 13:25
Leggi tutto...
 
Giuanne Patatu: Como e tando PDF Stampa E-mail
Martedì 01 Gennaio 2008 14:39


In su comintzu de su 1900 so nâdu deo da-e una famìlia numerosa; so su e de ses fizos, poveros in canna. Viviaimus tottu in d'una istàntzia; bi fit su furru pro còghere su pane e-i sa fogulaja fit addainanti de sa 'ucca 'e su furru, chena tziminea. Su fumu si podiat segare a fittas, comente 'ides sa nèula in sa basciura; non nos bidiaimus pari pari. Pro chi 'essire su fumu bi fin sos isperajolos in sa copertura, chi non bastaian a che lu 'ogare tottu su chi si produiat. Custu fit su drettu cughina (zona giorno li naran como).

Ultimo aggiornamento Giovedì 19 Febbraio 2009 15:26
Leggi tutto...