Home » Commenti agli articoli

Immagini del paese

Ch neve 2005.15.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 9722507

Notizie del giorno

 
Commenti (1729)
UN UOMO BUONO
1729 Venerdì 21 Maggio 2021 13:26
mario pinna

Un uomo ed un amico. R.P.

Bainzu Cossiga Su Poeta Christianu
1728 Lunedì 10 Maggio 2021 12:15
Alberto Ciccu

Buongiorno, da qualche anno leggo e frequento il sito, per piacere e per una certa curiosità storica legata alle origini della mia famiglia.


Mio nonno materno Antonio Cubeddu, nato a Chiaramonti nel 1871, era il figlio di Vittoria Cossiga, cugino quindi di Peppino Cossiga padre del Presidente Francesco e di Gavino Cossiga di Napoli.


Ho avuto modo di scaricare alcune composizioni de su Poeta Christianu ma non ho potuto procurarmi la Doctrinetta in sonettos logudoresos.


Saprebbe aiutarmi?


La saluto cordialmente.


Alberto Ciccu da Cagliari


---


Gentile lettore, in relazione alla sua richiesta, le ho inviato un messaggio al suo indirizzo privato di posta elettronica.


Saluti cordiali. (c.p.)

Contattaci , Vladimiro Patatu
Domenico Millelire: Prima Medaglia d'Oro al Valor Militare
1727 Venerdì 07 Maggio 2021 21:43
Simone Unali

Nonostante nel 1793 il processo di unificazione nazionale italiana era lungi dall'essere persino ipotizzato e quelle idee, frutto della grande officina politica dell'esperienza rivoluzionaria francese, poi confluite nel pensiero risorgimentale, ancora allo stato embrionale, Domenico Millelire viene comunemente considerato la prima medaglia d'oro al valor militare delle Forze Armate Italiane, conferitagli, dall'allora Regno Di Sardegna, con la seguente motivazione: "Per aver ripreso al nemico l'Isola di Santo Stefano e per la valorosa difesa dell'isola di La Maddalena contro gli attacchi della squadra navale della Repubblica francese.


La Maddalena, 23 febbraio 1793".


L'azione estemporanea del maddalenino, in forza nella marina preunitaria del Regno di Sardegna, diventata poi Regia Marina nel 1861, fu letta dalla storiografia post-unitaria come uno dei primi episodi di opposizione all'invasione straniera e di difesa dei confini di quel primo nucleo del Regno di Italia, dal quale poi partirà l'unificazione.


Presso l'Accademia Navale di Livorno sono attualmente conservati due busti raffiguranti Domenico Millelire, uno primonovecentesco, all'esterno, lungo Viale dei Pini, e uno più tardo, all'interno del palazzo storico, recante anche una targa commemorativa che rievoca l'impresa del 23 febbraio 1793.


---


Grazie, Simone, per l'integrazione, che arricchisce la vicenda personale riguardante Domenico Millelire da noi sommariamente ricordata.


A beneficio di chi non lo sa, pare doveroso sottolineare che Simone Unali, chiaramontese, frequenta con profitto il secondo anno dell'Accademia Navale di Livorno.


Gli facciamo tanti auguri per il prosieguo della sua carriera. (c.p.)

Testimonianza del naufragio Oceania
1726 Venerdì 30 Aprile 2021 15:10
Simone Zelioli
Anni fa ho raccolto la testimonianza di un superstite dell'Oceania residente a Scandiano (RE) e ne ho fatto un articolo pubblicato su una rivista di storia locale.
Posso inviarlo a chi me ne fa richiesta via mail: zllsmn@inwind.it
Paternità
1725 Mercoledì 28 Aprile 2021 11:40
Lucio Salis
Anche la battuta che assegnate al plagiaro #luttazzi, è MIA! Del 1974.
Accordi organo e violino
1724 Giovedì 22 Aprile 2021 06:51
Jessica V

Buongiorno, Le posso chiedere gentilmente se è possibile inviarmi gli accordi per organo e violino? Il mio fidanzato è sardo e vorremmo che venisse suonato questo splendido brano durante il nostro matrimonio. Ho davvero cercato ovunque e chiesto a tutti i nostri amici sardi ma senza risultato! Spero che lei possa aiutarci a trovarli!


La ringrazio in anticipo per la risposta e le auguro una buona giornata!


Jessica


---


Buongiorno, Jessica.


Le ho spedito lo spartito al suo indirizzo privato di posta elettronica.


Saluti cordiali e tanti auguri. (c.p.)

S'aneddu , Carlo Patatu
Che foza in su 'entu
1723 Lunedì 22 Marzo 2021 01:21
Luigi Sanna

Buonasera, vorrei chiedervi se per caso avete il testo della canzone CHE FOZA IN SU 'ENTU di Cordas e cannas. e poi vorrei farvi in complimenti per il sito che da anni guardo sempre con grande interesse. Un caro saluto da Luigi Sanna.


---


Ringraziando per le espressioni d'interesse per questo mio blog, le comunico che sono spiacente di non poterla accontentare. Ho fatto pure una ricerca e non sono riuscito a trovare il testo scritto di quella bella canzone dei Cordas e Cannas.


Tuttavia, se lei avrà voglia e tempo, potrà trascriverne il testo ascoltandone l'esecuzione. Basta cliccare sul link


https://www.youtube.com/watch?v=WgUta1RFHLA


Saluti cordiali. (c.p.)

Contattaci , Vladimiro Patatu
Prigionia dopo il naufragio
1722 Venerdì 12 Febbraio 2021 11:30
Pietro Gentile
Mio padre Giuseppe Gentile, nato nel 1921 e morto nel 1996, era su quella nave. Non sapeva nuotare ma si salvò grazie al salvagente. In Libia fu poi fatto prigioniero dagli Inglesi. Sconto' tre anni di prigionia in Inghilterra.
S'aneddu
1721 Domenica 03 Gennaio 2021 16:48
Serenella

Salve... e buon anno.. Potrei avere gli accordi di.. S'aneddu.. Bellissima canzone.. Grazie


---


Le ho inviato lo spartito al suo indirizzo privato di posta elettronica.


Ricamcio i saluti e gli auguri. (c.p.)

S'aneddu , Carlo Patatu
Neptunia
1720 Martedì 22 Dicembre 2020 19:40
luciano

Mio padre Gastone del frate classe 1912 1° aviere fotografo appartenente alla 123a squadriglia O.A.era imbarcato sulla Neptunia e coinvolto nel siluramento del 18 settembre 1941. Si salvò e dopo tante peripezie fece ritorno a casa in aprile del 1945. Io avevo tre anni e da allora ricordo che la sera della vigilia di natale accendeva una bella e grossa candela e la metteva sul davanzale della finestra per ricordare ed a suo modo onorare i tanti che non tornarono. Mio padre ormai non è più, ma io continuo ad accendere quel cero ad ogni vigilia di Natale,

c'era anche mio padre Camillo Saracchi
1719 Lunedì 21 Dicembre 2020 18:26
Valter Saracchi
Anche mio padre Camillo Saracchi classe 1910 era imbarcato sulla Oceania e si salvò mi ha sempre parlato della paura di morire, del dolore e delle grida dei superstiti come lui. Ho trovato per caso questo sito web e in sua memoria scrivo queste poche righe.
Onore a tutti coloro che hanno perduto la vita che riposino in pace.
Pensionato università
1718 Domenica 20 Dicembre 2020 19:28
Alberto azzena
Sono fra quelli che pensano che con l'introduzione delle lingue locali non si sia riguadagnato quel che si è perso in ecumenismo.
Seguo la novena di s.Giuseppe dai tempi della Silvio Pellico
Richiesta di traduzione
1717 Lunedì 14 Dicembre 2020 13:33
Marco

Buongiorno, sono torinese ma ho sempre avuto grande ammirazione per il popolo sardo e per le sue tradizioni. Vi chiedo la cortesia di mandarmi la traduzione di questo splendido canto "Duos isposos".


Grazie e buon Natale.


---


Buongiorno Marco.


In relazione alla sua richiesta, le ho risposto privatamente indirizzando il messaggio al suo indirizzo di posta elettronica.


La saluto cordialmente e le auguro buon Natale. (c.p.)

Anche mio padre si trovava sull' Oceania
1716 Giovedì 29 Ottobre 2020 14:54
Stefano D'Ammando
Anche mio padre soldato D'AMMANDO ANGELO del 1921 di Castel di Tora ma abitante a Roma
venuto a mancare nel 2012, ci raccontava sempre della sua esperienza vissuta sulla nave Oceania.
Riuscì a salire su una delle ultime scialuppe e ricordava con estrema lucidità il momento in cui vide la sua nave affondare. Mi sarebbe piaciuto scoprire quando ancora era vivo che ci sono queste documentazioni fotografiche del tragico evento. Così abbiamo avuto modo di vedere ciò che lui spesso ci raccontava.
S'aneddu
1715 Venerdì 28 Agosto 2020 17:21
Ogliastra

Potrei avere lo spartito per violino della canzone s'aneddu.


Grazie


---


Gentile lettore, le ho appena spedito copia dello spartito, l'unico di cui dispongo, al suo indirizzo privato di posta elettronica.


Con i miei saluti cordiali. (c.p.)

S'aneddu , Carlo Patatu
Accordi
1714 Sabato 22 Agosto 2020 17:31
anna rita migheli

Buonasera. mi servirebbe urgentemente il testo e gli accordi x chitarra del canto di Maria Giovanna Cherchi S'ANEDDU . la sposa la vorrebbe cantare al suo matrimonio il 29 agosto. grazie.


---


Ho provveduto a spedirle lo spartito al suo indirizzo privato di posta elettronica.


Saluti cordiali. (c.p.)

Contattaci , Vladimiro Patatu
Caprera, Peppino, Clelia, Nino e Groffeddo...
1713 Martedì 18 Agosto 2020 09:08
Tore Patatu

Ricordo benissimo quel giorno.


Ero diventato sindaco di Chiaramonti da circa tre mesi e mi aggregai alla compagnia, portando con me due sposini, miei colleghi, arrivati in Sardegna da poco: Carlo Colloridi e la Pelessa, nome d'arte della moglie, ricavato dal suo cognome Pelessoni.


L'operazione di pulizia nacque dall'amore viscerale che alcuni di noi, soprattutto Carlo, avevamo per Caprera, l'isola più bella del mondo. Non ricordo perché in quell'occasione non ci fosse con noi Ciondolo, che non è mai mancato nelle nostre numerose gite a La Maddalena. Io e lui, tutte le volte che ci recavamo nell'Isola in compagnia, creavamo delle gustose scenette, imitando Peppino Garibaldi e il povero Groffeddo, che giocavano a terziglio con Nino Bixio. I due luogotenenti facevano arrabbiare l'eroe dei due mondi, perché, sotto sotto gli corteggiavano "Tzilighestavano” la figlia Clelia.


Scientemente commettevamo un enorme falso storico, in quanto Nino Bixio e Goffredo Mameli non misero mai piede a Caprera. Inoltre, l'autore del nostro inno morì prima che Clelia nascesse. Ma i luoghi ci facevano sognare e la fantasia galoppava a briglia sciolta.


Non me la sento di scrivere tutti i nomi, in quanto non ci vedo bene. Il 28 di questo mese sarò sottoposto a operazione per la cateratta sinistra. Potrebbe farlo qualcuno di voi? Purtroppo, alcuni amici di quel gruppo sono morti prematuramente. Peppino Piu, Massimo Schintu e lo stesso Carlo Colloridi, che è l'ultimo a destra in piedi, con gli occhiali. La moglie gli sta proprio davanti.

Un giornalista con tutte la lettere maiuscole
1712 Domenica 09 Agosto 2020 20:13
Tore Patatu

Indimenticabile!


Paragonarlo ai frilli di oggi è un'offesa alla sua professionalità. Oltre ai servizi che hai citato, ne ricordo uno eccezionale sul "J'accuse" di Emile Zola, riportandolo ai tempi nostri.


Oltre che grandissimo giornalista, era anche un grandissimo uomo. Un mio compagno di studi all'università scelse il caso Dreyfus come argomento per la sua tesi di laurea e contattò Zavoli, il quale lo aiutò a tal punto, che Gianni, così si chiamava il mio amico, fece un figurone. Ho detto si chiamava, perché Gianni, purtroppo, è morto già da tanti anni.

Richiesta autorizzazione.
1711 Martedì 04 Agosto 2020 18:05
Paolo Bullita

Le chiedo cortesemente di utilizzare questo articolo all'interno del sito da me curato: http://web.tiscali.it/orologisardegnassugli orologi storici dell'isola. Citerò ovviamente la fonte. Grazie, cordialmente. Paolo Bullita http://web.tiscali.it/paolobullita


---


Ma certo che potrà. Tutto ciò che appare in rete è di dominio pubblico.


Sarà gradita la citazione della fonte.


Saluti cordiali. (c.p.)

Compiacimento
1710 Giovedì 30 Luglio 2020 12:18
Antonello Canopoli

Egregio Dott. Patatu buongiorno.


Sono lusingato e commosso per quanto da Lei presentato nella pagina blog e riferito al libro da Lei magistralmente prefatto. Spero che i lettori non abbiano da pentirsi e che la Loro fiducia non venga tradita sino all'ultima pagina dello stesso.


Un cordiale saluto a tutti i Chiaramontesi e a Lei che è alfiere di quella cultura e custode di costumi e tradizioni della Nostra amata Anglona.


---


Ringrazio per la stima, ampiamemte ricambiata. (c.p.)

Pedru va alla guerra , Carlo Patatu