Chiedono al Comune un locale per riunirsi Stampa
Valutazione attuale: / 12
ScarsoOttimo 
Sabato 18 Luglio 2009 12:47
In difetto, la minoranza ne affitterà uno a spese dell'amministrazione

Gavino Pinna, capo gruppo dell’opposizione in consiglio comunale, ci ha fatto pervenire copia della lettera indirizzata al sindaco per reclamare, ancora una volta, la disponibilità di un locale per riunirsi. Come da Statuto. La riportiamo integralmente. (c.p.)

Chiaramonti 14 Luglio 2009
Oggetto: mozione n. 1 del 04/09/2007 - Richiesta di un locale del Comune ad utilizzo istituzionale per il gruppo consiliare Pro Tzaramonte - unidos pro creschere.

Egregio Sindaco,
già dal settembre del 2007, come risulta dal protocollo del comune, a firma per ricevuta, dell'impiegata Dottoressa Silvana Spanu e con Sua risposta avuta nel Consiglio Comunale successivo. Le ricordo che Lei si era impegnato che avrebbe messo a disposizione del mio gruppo quanto citato in oggetto.

Premetto che diverse associazioni di volontariato hanno a disposizione locali del comune, e questo fa piacere, ma, a tutto oggi, il mio gruppo, malgrado la mia richiesta, non ha un locale dove riunirsi per incontrarsi a dibattere i problemi della nostra comunità.

Ebbene a distanza di ben ventidue, dico 22 mesi, non si è verificato niente di nuovo e niente ha fatto la S.V. per risolvere, quello che credo, un piccolo problema, che tanti altri suoi colleghi, rispettosi della rappresentanza delle minoranze dei cittadini, hanno risolto in modo semplice, attuando quelle che sono le disposizioni dello Statuto Comunale.

Ora, dopo tanta attesa, nella quale Lei forse ha dimenticato l'impegno preso nei confronti del mio gruppo, ho deciso di attendere altri fatidici ventidue giorni, dico 22 giorni, non mesi, perché la S.V. possa applicare lo Statuto e farmi uscire da questa situazione che perdura da tempo.

In caso contrario, trascorso tale periodo, sarò costretto mio malgrado, prendere in locazione un ufficio ed inviare alla S.V.I. la retta dell'affitto e di quanto altro (energia elettrica, acqua, riscaldamento etc.) perché il Comune paghi le spese.

In attesa di un Suo riscontro La saluto.

Gavino Pinna
Ultimo aggiornamento Sabato 18 Luglio 2009 16:41