La Tribuna: Il mio pene Stampa
Valutazione attuale: / 41
ScarsoOttimo 
Domenica 13 Marzo 2011 13:31

di Re Giorgio


Dato che, in mezzo a tutte queste potature e tagli, io ho perso il mio organo riproduttivo, vorrei dare alcune delucidazioni in proposito.

Non è a causa di una delibera di consiglio che il mio fallo ha assunto sembianze umane nella punta, ma posso giurarvi che la metamorfosi (che posso dirvi mi ha lasciato esterrefatto) iniziò quest'inverno con l'inizio dell'inchiesta "Ruby Rubacuori".

Una sentenza emessa da un giudice comunista, in un giudizio sommario in cui tutta la folla è stata aizzata sapientemente contro di me, ha decretato la mia condanna capitale, tramutata poi in evirazione (e ancor oggi ne porto le conseguenze, non so cosa sia peggio) per presunte mie partecipazioni a "Bunga Bunga" e festini e ammucchiate di ogni genere.

Mi dicano lorsignori ora cosa vi trovano di malvagio e di cattivo nel fatto di corteggiar giovani donzelle, peraltro sempre ricambiate con cortesie finanziarie e non.

Ma, si sa, il Martedì grasso ogni scusa è buona per emettere la mia condanna. I giudici del carnevale sono stati influenzati da una stampa politicamente schierata e di parte; prima della mia condanna definitiva rinviata al carnevale estivo mi impegnerò personalmente per una riforma della giustizia in cui io potrò liberamente scegliermi i giudici, come avviene in tutte le democrazie occidentali, che siano imparziali e non prevenuti nei miei confronti.

Detto ciò, colgo l'occasione per dare le mie rassicurazioni ai consiglieri titolari dell'interpellanza di cui sopra sulla mia totale estraneità al taglio degli alberi; nonostante l'olezzo maleodorante causato dal guano degli uccelli che era ormai diventato il simbolo dei nostri giardini (nonostante il precedente utilizzo di metodiche per l'allontanamento dei volatili, rivelatesi tutte inutili), io agli uccelli mi ero affezionato, con gli uccelli purtroppo è volato anche il mio!!!

Cordialmente.