Cabidanni Stampa
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 
Domenica 27 Novembre 2016 10:31

di Maria Sale

Isvolatzat sa neula

aggioneddada,

assacarrat sa ‘inza

frisca de ‘innennada,

e biran

sas cubas

fremmentende.

Apparitzos de ‘inu ‘onu

pro Nadale

est manizende.

 

Su ‘entu aggoglit

sainettes

de fiores isfozidos

cun semene ingranidu

de cumponner umpare.

 

Como est tempus

de sabores

ch’inghirian e ch’inghirian

e minten ateros brios,

chi appasigan e inzerrian

che arrodios de abe

in chirca ‘e suzzamele,

mentres ci sole tebiu

pistat sa contonada.


Traduzione a cura dell’autrice


Settembre


Svolazza la nebbia

arricciolata,

ricopre la vigna

fresca e vendemmiata,

e traboccano

i tini

fermentando.

Per imbandire

il Natale

prepara il vino buono.


Il vento raccoglie

aromi

di fiori sfrondati

con i semi maturi

da mescolare insieme.


Ora è il tempo

di sapori

che avvolgono e invogliano

innescando di brii

che appagano e che incitano,

come il ruotar di api

cercando la borraggine,

mentre un tiepido sole

pesta il cantonale.

 

 

Cfr. MARIA SALE, Carignos de ‘entu, Edes, Sassari 2015, pagg. 76-77.

Ultimo aggiornamento Domenica 27 Novembre 2016 10:44