Home » Limba Sarda » Cossu Salvatore - rettore di Ploaghe » Salvatore Cossu: Dedica a Chiccu Maria Cossiga

Immagini del paese

p.repubblica6.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 6063805

Notizie del giorno

 
Salvatore Cossu: Dedica a Chiccu Maria Cossiga PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 7
ScarsoOttimo 
Martedì 27 Ottobre 2009 22:30

Nel 1863, la “Tipografia de Gavinu Bertolinis” pubblicava in “Tataris” un libricino di 95 pagine sotto il titolo “Su Poeta Christianu o siat Sa Doctrinetta In Sonettos Logudoresos cum algunas Cantoneddas Sacras”. Il volume, contenente una parte della produzione poetica del chiaramontese Bainzu Cossiga, fu curato da Salvatore Cossu, originario di Chiaramonti e all’epoca rettore della parrocchia di San Pietro in Ploaghe.

La pubblicazione è dedicata dal curatore a Chiccu Maria Cossiga, figlio di Bainzu e medico chirurgo. A Chiaramonti prima e a Siligo poi, dove morì nel 1910. Ricordiamo che Chiccu Maria Cossiga era nonno paterno del Presidente emerito della Repubblica Francesco Cossiga, che ne porta il nome e che, nel 2001, fu nominato cittadino onorario di Chiaramonti.

Riportiamo la dedica con la quale si apre “Sa doctrinetta”. (c.p.)

---

A su D.re Meigu Chirurgu Chiccu Maria Cossiga de Zaramonte, su Rectore dei Piaghe Salvadore Cossu

Sa bona memoria de Babbu Tou et Compare mei Baingiu, in sos ultimos annos de sa breve et tribulada vida sua, hapesit sa bella idea de fagher in Sonettos Logudoresos sa Doctrinetta.

Cumpostolos, los mandesit ad mie pro nde curreggire cuddos qui, o in forza de sa rima offendiant su sensu catholicu, o non conteniant intera sa parte de sa Doctrina.

Cum piaghere dae me emendados, et adjunctos puru dae me sos Sonettos I. II. III. IV. XX. XXI. XXVI. XXVII. cum totu sos ateros sighentes, pro cumpletare sa Doctrina, et dare una qualqui forma in custu Opusculeddu, hapo cretidu de los istampare cum algunas Cantoneddas qui si cantant in custa Parrochia mia, maximu in su Mese Marianu, et cum ateras similes pro sa S. Comunione, siat pro facilitare su modu de l’imparare substantialmente subta su geniale bestire de sa poesia; siat pro pius confirmare sa susceptibilidade de s’idioma Logudoresu in prestaresi dignitosu et harmonicu a graves componimentos; siat finalmente pro un attestadu de sa memoria mia ad unu Compatriotta, su quale, sa non infecunda vena sua poetica applicaiat ad argumentos sacros; inter sos quales sa traductione de sos Salmos Penitentiales in octavas rimas, et de sas Lamentationes de Jeremia in versos Dantescos, qui mi mustresit, meritaiant s’istampa.

Custu Opusculeddu eo dedico a Tie. C.re et Amigu charissimu, qui cum sa sientia de s’Arte salutare, (Tue però in pius larga isfera) has Hereditadu dae Babbu Tou sa bella vena poetica; sa quale, in momentos de otiu, applicare podes ad objectos dignos de un honestu et illuminadu Cittadinu, cuncurrende ad arricchire su patromoniu de sas utiles poesias de su Logudoro.

Aggradessinde, Ti prego, s’offerta, sa quale includit una portione de s’heredidade de Babbu Tou.

Ti auguro felicidade.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 28 Ottobre 2009 10:59
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):