Home » Limba Sarda » Demelas Stefano » Istèvene Demelas: A Babbu meu

Immagini del paese

Immagine 009.jpg

Statistiche

Tot. visite contenuti : 8698214

Notizie del giorno

 
Istèvene Demelas: A Babbu meu PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 11
ScarsoOttimo 
Mercoledì 07 Novembre 2012 00:00

Finas si no t'intendo faeddare
ses sa lugh'in s'oscura caminera.
Cudda mirada in sos chizos severa
su coro in petus faghiat ballare,

cun s'iscopu prezisu 'e m'imparare
a faeddare cun boghe sinzera.
Pessone sabia, abista e fiera
fìsti pro me; sa terra, chelu e mare,

su sole e i sa luna; siguresa
mi daias dogn'ora, die e chida
ammirende 'e su mundu sa bellesa,

cosa ch'in coro hapo costoida
chi creschende pius l'hapo cumpresa.
Oh babbu caru: «ti devo sa vida»!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cfr.: Poesias de Istevene Demelas, 2012, pag. 6

 

Ultimo aggiornamento Mercoledì 07 Novembre 2012 18:25
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):