Home » Limba Sarda » Truddaju Bainzu » Orriapizzinna

Immagini del paese

Castello 43.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 5542174

Notizie del giorno

 
Orriapizzinna PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 10
ScarsoOttimo 
Domenica 04 Maggio 2014 09:56

de Bainzu Truddaju

 

Orriapizzinna est una localidade a tres chilometros a linea de aria da-e Zaramonte inue b’hat signales in abbundanzia de restos antigos de dominarios e de vias. Si narat chi como milli annos o pius sa ‘idda de Zaramonte diat essere istada incue. (n.d.a.)

---

 

In sas baddes de Orriapizzinna

nachi fit bidda mia antigamente,

posta inue oe pius niente

non b'hat che bardureu, ammuttu e linna.


Est una costa e da-e giosso a susu

terra alvinatta hat solu e pagu rendet,

e-i sa costa ‘e sa terra s'istendet

de calch'ettaru e mesu e non piusu.


Ancora mustrat ruinas antigas,

lacanas forsi ‘e calchi dominariu,

ue su tempus fattu hat s'inventariu

lassendebei appena sas istigas.


Bicculos meda b'hat de terra cotta

in mesu 'e totu cussos armuttarzos,

ue in beranru milli purferarzos

fattende amore e crias istan in lotta.


Bi so’ andadu chissà cantas bias

pro 'ider cussos restos, cussas giaras

ruinas de domittas tantu caras

e sas antigas piattas e vias


de cussa 'iddizzola da-e meda

distrutta e guasi ismentigada.

Calcunu narat ch'acciappadu b’hada

finas calchi antigoria moneda.


Deo monedas bidu non bi nd'hapo

e ne pignu 'e valore postu in sestu,

però interessante calchi restu

cando b'ando ‘e ruderes b'acciappo.


Nachi est già milli e chimbighentos annos

ch'incue sistemada fit sa 'idda.

inue oe serras de impridda

covaccan ribas e baddijos mannos.


Cantos tappulos mannos, cantas rigas

s’idet ancora cue ue vivian

sos abitantes chi affestaian

sacras milli baldorias antigas!


Tando sa camijola e-i sas ragas

bestiat cue s'omine distintu;

fit tempus puru de pugnale in chintu

e de colpos de ojos e de magas.


Como in nottes de lunas pienas,

a mesanotte in puntu si piantan

incue solitarias e cantan

fadas, ninfas, majarzas e sirenas.

 


Cfr. BAINZU TRUDDAJU, Rosas e ispinas de Baldedu, Ivo Melis editore, Cagliari 1992, pagg. 134-135

Ultimo aggiornamento Lunedì 05 Maggio 2014 12:45
 
Commenti (4)
Lettera Olivetti 32
4 Martedì 06 Maggio 2014 14:21
claudio c.

Anch' io, comènte vicìnu 'e carrèla, sostavo spesso a parlare con lui in su giannìle. Di più: talvolta mi chiedeva di sistemargli il nastro-bobina della sua macchina da scrivere - mi pare una Lettera 32 Olivetti - perché si inceppava spesso e volentieri. Questa “dipendenza” gli creava qualche fastidio per dover chiedere qualche aiuto. Sempre per non disturbare. E poi era anche fedàle di una persona a me cara. Era lui a raccontare.

Grande poeta
3 Domenica 04 Maggio 2014 20:31
Tonino Soddu

Ho avuto il piacere e l'onore di averlo avuto come vicino di casa e mi onora il fatto che, durante la sua malattia, andammo a trovarlo e ci regalo' questo bellissimo libro "Rosas e ispinas de Baldedu", autografato e con dedica a me e mia moglie.


Un grande! Grazie Carlo!


---


Tiu 'Ainzu è stato proprio un grande. A taulinu, come si dice qua per distinguere i poeti che scrivono da quelli che improvvisano sul palco. In verità, anch'esso ha avuto esperienze di partecipazione a "gare poetiche" in sos palcos. Ma ha desistito subito. Essendo persona tranquilla e di carattere riservato, non amava sas brigas in rima e le battute salaci e talvolta sconce cui sovente ricorrono i poeti estemporanei per ingraziarsi il pubblico. Che, come si sa, non di rado bada più alla forma che alla sostanza.


Anche a me ha regalato il libro "Rosas...", con una bella dedica, autografo e data. Lo conservo come una reliquia. Sono molto grato a tiu 'Ainzu soprattutto perché si esprime con un sardo scorrevole, senza artifizi di sorta. Proprio come lo si parla da noi.


Grazie a te, Tonino, per il commento. (c.p.)

laureato
2 Domenica 04 Maggio 2014 13:28
giovanni deriu
Bellissima poesia fondata sulla leggenda attinente al sito originario di Chiaramonti (Orria Pitzinna). Complimenti all'autore! :)
Commento
1 Domenica 04 Maggio 2014 13:09
Gianluigi
Fantastica!!!


ci fosse un museo a Chiaramonti bisognerebbe usarla come testo introduttivo...

---


Grazie, Gianluigi. Se fosse vero che i morti ci guardano dall'alto, tiu 'Ainzu sarebbe lusingato dalla tua proposta. E ne sarebbe felice. (c.p.)

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):