Home » Limba Sarda » Sale Maria » Notte… ted’esser bentu

Immagini del paese

castello9.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 5022399

Notizie del giorno

 
Notte… ted’esser bentu PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 
Lunedì 23 Gennaio 2017 13:38

di Maria Sale


Ted’esser torra su‘entu

fatende mustras d’ojitu

in rujadur’e istradone,

aboghinend’a istratolas

e a sas rundas lassana,

tessendeli sas istolas

cun sos umbraghes de luna.


Subra de alas d’ispuma

cun sa timoria antiga,

d’iras e traitorìa,

amigu mariolu

torras,

a notte manna,

dae mare.


Narami

s’est fola ‘e fortuna,

a manu tenta lobrada,

in serantina a degogliu

brinchend’in bator contones,

o sinnu

est de cale afranzu

ch’in cunsideru dispones?


Narami

s’est pro iscarmèntu

o tapulu

a sorte toccada,

s’imbitzu

de tenner ausentu,

notte cun boghe ladina,

chi porris

in bratzos d’’entu.

 


Traduzione a cura dell’autrice


Notte… sarà il vento


Sarà ancora il vento

che mostrerà occhiolino

all’incrocio di strada,

urlando a sentieri scoscesi

ed abbandonati dirupi,

cui tesserà le stole

con ombracoli di luna.


Sopra ali di spuma

con l’antica paura,

di rabbia e tradimento,

amico mariuolo

torni,

a notte fonda,

dal mare.


Dimmi

se è fiaba di fortuna,

goduta stando per mano,

in quella serata a schiamazzi

saltando in quattro cantoni,

o segno

è di qual protezione

che giusta ritieni e disponi?


Dimmi

se è per monito

o rattoppo

alla sorte spettata,

l’avvezzo

di avere tregua,

notte con voce schietta,

che porgi

in braccio al vento.

 

 

3a classificata al Premio città di Ozieri 2016

Ultimo aggiornamento Lunedì 23 Gennaio 2017 13:43
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):