Home » Limba Sarda » Sale Maria » Sa Bibbia in sardu: Sa Sabientzia – capitulu 14

Immagini del paese

Chiaramonti panorama 28.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 7282586

Notizie del giorno

 
Sa Bibbia in sardu: Sa Sabientzia – capitulu 14 PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 
Venerdì 27 Luglio 2018 09:54

di Maria Sale


SABIENTZIA - CAPITULU 14

1) Fintzas chie si ponet a navigare e traessare undas malas implorat una linna pius debile de sa barca chi lu gighet.

2) Custa, difatis, est istada inventada dae su disizu de ‘alanzos ed’est istada fata da una sabiesa cun manos bonas.

3) Ma sa provvidentzia tua, o Babbu, la ghìat ca tue as dispostu un’istrada fintzas in mare, unu caminu siguru fintzas in mesu sas undas,

4) mustrende chi podes salvare dae totu, a manera chi unu si potat imbarcare fintzas chen’àere isperientzia.

5) Tue no cheres chi sas oberas de sa sabientzia tua sian inutiles, pro custu sos omines intregan sas vidas insoro fintzas a unu bicculu minore de linna e, attraessende sas abbas cun-d’una zattera, si l’iscampan.

6) In s’incomintzu puru, mentres chi morian zigantes presumidos, s’isperantzia de su mundu, accuccada in-d’una barca, lasseit a su mundu su semene de zenerassiones noas, grascias a sa manu tua chi las ghìaiat.

7) Est beneita sa linna cun sa cale si faghet un’obera giusta,

8) Ma est malaitu s’idolu obera de manos e de chie l’at fatu, custu ca l’at tribagliadu, s’ateru pruite, currumpiditzu, est giamadu deu.

9) Ca sun che pare in odiu a Deus, su malu e sa malidade sua,

10) s’obera e chie l’at fata ten-èssere punidos che pare.

11) Pro cussu bi te-d-àere unu castigu fintzas pro sos idolos de sos paganos, pruite tra sas criaduras de Deus sun diventados un’aburrimentu, e iscandalu pro sas animas de sos omines, trobea

pro sos pes de sos tontos.

Incomintzu de su cultu idulatrigu

12) S’imbentu de sos idolos est istadu s’incomintzu de sa prostitutzione, s’iscoberta insoro at batidu sa corrutzione in sa vida.

13) Issos in s’incomintzu no isistian e mai an a isistere.

14) Sun intados in su mundu pro sa vanidade de s’omine, e pro custu est istada decretada pro issos una fine lestra.

15) Unu babbu, cunsuntu dae unu luttu primadìu, at ordinadu un’immazine de cussu fizu sou furadu gai in presse, e onorei che unu deu chie pagu tempus innanti fit solu unu mortu, ordineidi a sos tribagliantes suos ritos misteriosos e de imbitzamentu.

16) Pustis sa mala usantzia, s’est afoltizada cun su tempus, est istada osservada comente una legge.

17) Sas istatuas s’adoraian fintzas pro cumandu de sos suvranos: sos sutammissos, no potendelos onorare in persona, fetein cun arte un’imazine chi si poterat bidere, cun sas sembiantzas de su re veneradu, pro lusingare cun zelu su chi no fit presente, guasi comente chi b’èsseret istadu.

18) A s’isparghere de su cultu fintzas a chie no lu connoschiat, ispingheit s’ambissione de s’artista.

19) Custu, difatis, disizosu de piàghere a su potente, s’isfortzeit cun arte de nde rendere pius bella s’immazine.

20) Su populu, attràidu dae sa bellesa de s’obera, cunsidereit pignu de cultu su chi pagu tempus innanti onoraiat comente omine.

21) Custu est diventadu un’infadu pro sos viventes, pruite sos omines, vittimas de sa disgrascia e de sa tirannìa, an impostu a pedras e linnas unu nomene chi no benit a bene.

Cunseguentzias de su cultu idulatrigu

22) Poi, no lis basteit de isbagliare a riguardu de sa connoschentzia de Deus, issos, puru vivende in d’una gherra manna de innorantzia, deini a-i custos males mannos su nomene de paghe.

23) Tzelebrende imbitzos bochidores de pitzinnos o misterios segretos, o rebottas de istranos ritos,

24) non tenen puras pius ne vida ne cojuos e unu bocchit s’ateru a traitorìa e l’afligit cun s’adulteriu.

25) Totu est unu troboju mannu, sambene e bocchimentos, furas e ingannos, corrutzione, disonestade, trabuliu, ispergiurios,

26) cunfusione de sos bonos, ingratesa pro sos piagheres, corrutzione de sas animas, malas intragnas, chimentos in sos cojuos e cosas chena frenu.

27) S’adorassione de idolos chena nomene est s’incomintzu, causa e fine de ogni male.

28) Sos idolatros difatis o iscascian in rebottas o sententzian inzevinos faltzos o viven de ingiustos o ispergiuran cun fatzilidade.

29) Ponzende fidussia in idolos chentza anima no s’isettan unu castigu pro àere giuradu in faltzu.

30) Ma pro s’unu e pro s’ateru motivu, los at a sighire sa giustiscia, ca an cuntzepidu un’idea faltza de Deus, ‘oltendesi a sos idolos, e pruite an ispergiuradu in trampa, dispretziende sa santidade.

31) Difatis, no sa potentzia de sos cales si giurat, ma su castigu pro sos peccadores pessighit sempre sa mancantzia de rispetu de sos ingiustos.


Testo in lingua italiana


Sapienza - Capitolo 14

[1]Anche chi si dispone a navigare e a solcare onde selvagge implora un legno più fragile della barca che lo porta.

[2]Questa, infatti, fu inventata dal desiderio di guadagni e fu costruita da una saggezza artigiana;

[3]ma la tua provvidenza, o Padre, la guida perché tu hai predisposto una strada anche nel mare, un sentiero sicuro anche fra le onde,

[4]mostrando che puoi salvare da tutto, sì che uno possa imbarcarsi anche senza esperienza.

[5]Tu non vuoi che le opere della tua sapienza siano inutili; per questo gli uomini affidano le loro vite anche a un minuscolo legno e, attraversando i flutti con una zattera, scampano.

[6]Anche in principio, mentre perivano giganti superbi, la speranza del mondo, rifugiatasi in una barca, lasciò al mondo la semenza di nuove generazioni, grazie alla tua mano che la guidava.

[7]E' benedetto il legno con cui si compie un'opera giusta,

[8]ma maledetto l'idolo opera di mani e chi lo ha fatto; questi perché lo ha lavorato, quello perché, corruttibile, è detto dio.

[9]Perché sono ugualmente in odio a Dio l'empio e la sua empietà;

[10]l'opera e l'artefice saranno ugualmente puniti.

[11]Perciò ci sarà un castigo anche per gli idoli dei pagani, perché fra le creature di Dio son divenuti un abominio, e scandalo per le anime degli uomini, laccio per i piedi degli stolti.

Origine del culto idolatrico

[12]L'invenzione degli idoli fu l'inizio della prostituzione, la loro scoperta portò la corruzione nella vita.

[13]Essi non esistevano al principio né mai esisteranno.

[14]Entrarono nel mondo per la vanità dell'uomo, per questo è stata decretata per loro una rapida fine.

[15]Un padre, consumato da un lutto prematuro, ordinò un'immagine di quel suo figlio così presto rapito, e onorò come un dio chi poco prima era solo un defunto ordinò ai suoi dipendenti riti misterici e di iniziazione.

[16]Poi l'empia usanza, rafforzatasi con il tempo, fu osservata come una legge.

[17]Le statue si adoravano anche per ordine dei sovrani: i sudditi, non potendo onorarli di persona a distanza, riprodotte con arte le sembianze lontane, fecero un'immagine visibile del re venerato, per adulare con zelo l'assente, quasi fosse presente.

[18]All'estensione del culto anche presso quanti non lo conoscevano, spinse l'ambizione dell'artista.

[19]Questi infatti, desideroso di piacere al potente, si sforzò con l'arte di renderne più bella l'immagine;

[20]il popolo, attratto dalla leggiadria dell'opera, considerò oggetto di culto colui che poco prima onorava come uomo.

[21]Ciò divenne un'insidia ai viventi, perché gli uomini, vittime della disgrazia o della tirannide, imposero a pietre o a legni un nome incomunicabile.

Conseguenze del culto idolatrico

[22]Poi non bastò loro sbagliare circa la conoscenza di Dio; essi, pur vivendo in una grande guerra d'ignoranza, danno a sì grandi mali il nome di pace.

[23]Celebrando iniziazioni infanticide o misteri segreti, o banchetti orgiastici di strani riti

[24]non conservano più pure né vita né nozze e uno uccide l'altro a tradimento l'affligge con l'adulterio.

[25]Tutto è una grande confusione: sangue e omicidio, furto e inganno, corruzione, slealtà, tumulto, spergiuro;

[26]confusione dei buoni, ingratitudine per i favori, corruzione di anime, perversione sessuale, disordini matrimoniali, adulterio e dissolutezza.

[27]L'adorazione di idoli senza nome è principio, causa e fine di ogni male.

[28]Gli idolatri infatti o delirano nelle orge o sentenziano oracoli falsi o vivono da iniqui o spergiurano con facilità.

[29]Ponendo fiducia in idoli inanimati non si aspettano un castigo per avere giurato il falso.

[30]Ma, per l'uno e per l'altro motivo, li raggiungerà la giustizia, perché concepirono un'idea falsa di Dio, rivolgendosi agli idoli, e perché spergiurarono con frode, disprezzando la santità.

[31]Infatti non la potenza di coloro per i quali si giura, ma il castigo dovuto ai peccatori persegue sempre la trasgressione degli ingiusti.

 

Ultimo aggiornamento Venerdì 27 Luglio 2018 09:57
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):