Home » Limba Sarda » Caccioni Pietro Matteo » I dieci comandamenti della legge di Dio

Immagini del paese

panvecchio.jpg

Statistiche

Tot. visite contenuti : 11069751

Notizie del giorno

 
I dieci comandamenti della legge di Dio PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 16
ScarsoOttimo 
Mercoledì 24 Febbraio 2010 18:48

del sacerdote chiaramontese Pietro Matteo Caccioni


Deghe sunt sos prezettos prinzipales

et s’inserrant in duos solamente;

osserva custu et vive allegramente

et non timas sas penas infernales.

 

Lea custu consizu, frade meu,

et paura non tenzas in sa gherra.

Primu prezettu est de amare a Deu

subra totu sas cosas de sa terra,

pro cantu su peccadu est meda feu

fora dae su coro che l’inserra,

et des tenner pro sempre in cumpagnia

Gesus, Giuseppe, sant’Anna et Maria.


Su segundu cumandat non giurare

su sacrosantu nomen sou invanu,

chi tue sempre deves osservare

pro ghi est legge de su cristianu;

sa veridade deves affirmare

siat a notte, a sero o a manzanu;

si ti pretendent a su giuramentu

giura su giustu et ses pius cuntentu.

 

Su terzu istabilit su prezettu

de sas dies de festa cumandadu,

vive seguru cum su coro nettu

et mira de non ruere in peccadu:

ad sa prima pesada de su lettu

orazione faghe imbenuiadu,

fue de su peccadu occasione

et cuntempla sa morte et passione.

 

Su quartu cumandat onorare

a babbu, a mama et a mazores tuos,

los deves ubbidire e rispettare

cum filiale amore totos duos.

Est prezettu, et lu deves osservare,

chi abbrazzat anzenos e tuos,

legge santa chi Cristos hat lassadu

chi Giuseppe et Maria hat rispettadu.

 

Su quintu cumandat non bocchire,

nemmancu a consizare a fagher male,

sas santas leges deves obbedire

et des tenner sa corte zelestiale;

ca’ tantu prestu si devet finire

custa gherra chi tenet su mortale,

coraggiu, cristianu, ista cuntentu

ca’ prestu finit ogni patimentu.

 

Su sestu est prezettu dilicadu.

Non cherzo prolungare a narrer tantu,

vive sobriu, castu et ritiradu,

osservende sa vida de unu santu,

ch’istat in sos desertos assoladu,

servende a sos mortales de ispantu;

imita in sa puresa, anima mia,

a Gesus, a Giuanne et a Maria.

 

Su settimu comandat non furare,

et furende si devet resistire;

pro ghi chie si cheret emendare

sas sanctas leges devet ubbidire;

duos sunt sos caminos de leare,

o caminu de gosu o de patire,

zertu non si perdonat su peccadu

si non si torrat su male leadu.

 

S’ottavu est de sa limba malaita,

pro sa faula e murmurazione. (*)

Un’anima fidele chi est contrita

fuet de su peccadu s’occasione,

et pro cussu det esser beneita

et det fagher cum Deus unione,

su Chelu hat a gosare cum sos santos

lontanu dai luttos et piantos.

 

Su novenu proibit su disizu

de sa femina et de s’omine anzenu,

est legge ch’at lassadu su Deus fizu

ponzende a sa lussuria unu frenu;

pro imitare su candidu lizu

chi creschet in su campu pius amenu,

vivende in castidade a manu istesa

cunservende s’angelica puresa.

 

Decim’et ultimu cumandamentu

Proibit disizare cosa anzena,

ognunu de su sou istet cuntentu

pro no incurrer in nisciuna pena:

diva mundana, vida de tormentu,

vida chi de affannos ses piena,

in custu mundu non s’incontrat gosu

solu in su Paradisu est su reposu.

 

Si non ses persuasu, Zaramonte,

et in custos prezettos non bi crese,

sa legge pubblicada in su monte

dae Deus faeddende cun Moses(e)

lea sa Fide et l’osserva in su fonte

ch’imprimit dossu rughes trese,

una in bucca, una in fronte et una in coro

inue Cristos tenet su tesoro.


(trascrizione a cura di Giorgio Falchi 1843-1922)

Nota: (*) la parola "murmurazione", risultando parzialmente incomprensibile nel manoscritto originale, è stata trascritta su indicazione di Domitilla Mannu, chiaramontese ed esperta cultrice della lingua sarda. La ringraziamo.

 

Ultimo aggiornamento Sabato 27 Febbraio 2010 13:38
 
Commenti (2)
Sos deghe cumandamentos
2 Sabato 27 Febbraio 2010 14:17
Soddu Mario
Panorama Marziano per ricevere sos deghe cumandamentos... Non sarebbe stato meglio il litorale di Muravera!! che peccato..!!!
Saludos. Mario Soddu

---

Se dobbiamo dar credito alla Bibbia, quello sarebbe il sito prescelto dal Padreterno per consegnare le tavole della Legge a Mosé. Che, occorre ricordarlo, guidava gli ebrei nell'attraversamento del deserto. Il quale, per l'appunto e fatta eccezione per qualche oasi, può presentare panorami solo lunari. Mi sfugge la ragione, ma anche il motivo di chiederselo, per cui non sia stato scelto il litorale di Muravera, di certo d'aspetto più gradevole. Forse perché non sarebbe stato possibile reperirvi alcun Mosé...? Saluti, caro Mario. (c.p.)
Sos deghe cumandamentos
1 Venerdì 26 Febbraio 2010 16:41
Domitilla Mannu
Pretzio meda chi si pubblichent custos iscritos in limba nostra. Creo chi sient una tistimonia de importu. In s'otavu cumandamentu, in su segundu versu, b'at una peràula chi non est cumprida in s'iscritura e duncas non si nde cumprendet su significu. Apo pessadu chi si tratet de su tèrmine "murmuratzione" chi cheret nàrrere in italianu "maldicenza". Chie est interessadu podet abbaidare su vocabolàriu de su canonigu Pedru Casu. Gratzias e saludos Domitilla Mannu

---

Rendimus grascias a tie pro aere apretziadu sos iscritos in sardu chi amus publicadu et pro su cunsizu. Chi sigo luego e mi permitto de curreggire sa poesia segundu su chi naras tue. Saludu meda. (c.p.)

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):