Home » Limba Sarda » Cossu Salvatore - rettore di Ploaghe » Salvatore Cossu: Proemiu

Immagini del paese

Immagine 011.jpg

Statistiche

Tot. visite contenuti : 6063812

Notizie del giorno

 
Salvatore Cossu: Proemiu PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 12
ScarsoOttimo 
Venerdì 09 Luglio 2010 15:57

Pubblichiamo, per il piacere degli appassionati di lingua e poesia sarde, l’introduzione scritta in versi dal sacerdote chiaramontese Salvatore Cossu (1799-1868) rettore di Ploaghe, a corredo del libricino “Su Poeta Cristianu, o siat Sa Doctrinetta in Sonettos Logudoresos”. La pubblicazione, edita in “Tataris nel 1863 dalla Tipografia de Gavinu Bertolinis”, contiene una prima raccolta di sonetti di argomento religioso composti da Bainzu Cossiga (1809-1855), anch’esso chiaramontese e buon amico, oltre che compare, del rettore Cossu.

Su “Proemiu”, come lo intitolò l’autore, è diviso in tre sonetti. (c.p.)


I

Solene sos Poetas invocare

Sas Musas quando faghent qualqui Cantu.

Attales de los poder inspirare

In modu qui s’acquistent pius vantu.


Pro qui si dignet de mi regulare

In narrer solu su precisu, e tantu

Quantu cumbenit a totu imparare,

Eo invoco s’Ispiridu Sanctu.


Proite so Poeta Christianu,

Et canto una doctrina rivelada

Dae Deus matepsi Soberanu.


Ips’est su primu qui l’hat insinzada

A s’Hebreu, Gentile, a su Paganu

Pro la crêr et pro benner praticada.


II

Lu naro a modu de Prefatione

De custu simple Opusculeddu meu,

Q’istampo cum sa pure intentione

De fagher cosa accepta et grata a Deu;


Et senza excluder puru sa rejone

D’un innocente et honestu recreu,

Qui si podet leare ogni persone

Senza qui si li ponzat in affeu.


De sa Doctrina ogni punctu est inclusu

In battordighi versos ordinados

A Sonetto, comente portat s’usu.


Si ad memoria sunt bene imparados,

Creo qui non s’ismentighet piùsu

Quantu ad ischire sunt totu obbligados.


III

Termino cum algunas Cantoneddas

Sacradas a sa Virgine Maria,

Qui cantant sos Piseddos e Piseddas

Cum grande gustu et cum sancta allegria.


Custas sunt veramente cosigheddas

Et ‘eo puru mind’abbizaìa;

Ma s’aggradessint puru Immagineddas

Dadas cum bonu coro et cortesia.


Sas perlas veras sunu pretiosas,

Et s’istimant ancoras qui minores.

Qua intrinsecamente valorosas.


De Maria non sunt inferiores

Sas laudes qui si dant religiosas:

Gratos li sunu similes fiores.

 

Cfr. nell'opera sopra citata alle pagine 9, 10 e 11

Ultimo aggiornamento Sabato 10 Luglio 2010 00:16
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):