Home » Limba Sarda » Truddaju Bainzu » Bainzu Truddaju: Su ballittu cadenzadu

Immagini del paese

Mulino a vento 3.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 5341095

Notizie del giorno

 
Bainzu Truddaju: Su ballittu cadenzadu PDF Stampa E-mail
Venerdì 09 Novembre 2007 05:35

La poesia che presentiamo è compresa nel volume "Rosas e ispinas de Baldedu" (edito da Ivo Melis in Cagliari), alle pagine 42 - 43 e compare nel repertorio di numerosi cori, che la eseguono sui palchi di tutto il mondo al ritmo, appunto, del ballo sardo.

Cliccando sul trangolino nero dell'icona qui sotto, è possibile ascoltare la poesia cantata dal coro Ortobene di Nuoro, con musica del Maestro del coro. Ringraziamo Francesco Brundu per averci segnalato e fornito questa versione in MP3.
{mgmediabot2}path=images/stories/media/bainzutruddaju/suballitucadenzadu_small.mp3|type=mp3|buffer=8|displayheight=0|autoplay=false|width=250|height=18{/mgmediabot2}
 

Su ballittu cadenzadu
ballade comare mia:
milli grascias dare dia
a chie l'hat inventadu.

Ischirigia! Comare,
non nde tenzedas birgonza,
ca preideru con monza
custu lu podet ballare:
no est ballu 'e m'attappare,
est ballu chena peccadu!
Santos l'han haer balladu
cando fin in custu mundu:
millu mì su ballu tundu,
su ballittu cadenzadu.

"Tundu su ballu perdeu!"
che-i s'arzola 'e su trigu:
millu mì, su ballu antigu
chi balleit giaju meu
pro render grascias a Deu
e cun giaja in cumpagnia!
Custa sì ch'est poesia
de s'antiga zente onesta!
Custa sì ch'est sarda festa,
ballade, comare mia!

Senza 'irgonza peruna
ballade, giovanas bellas!
Goi ballan sas istellas
subra s'arzola 'e sa luna,
goi ballat sa fortuna
cun coas de fantasia!
Ajò, bella, ischirighìa:
che cando fimus minores
ballemus! A sos mazores
milli grascias dare dia.

Custu motu, risu e paghe,
de s'onestade est baldoria:
goi sa zente antigoria
balleit in su nuraghe.
Custu santu faghe faghe,
pro sos fruttos de s'aradu,
pro tusorzu e porchinadu
beniat postu in parusu.
Da-e su ballu 'e su fusu
lu den haer inventadu?

Su ballittu cadenzadu
ballade, comare mia:
milli grascias dare dia
a chie l'hat inventadu.

Le foto ritraggono il gruppo "Santu Matteu de Tzaramonte" durante la manifestazione "Ajò a Chiaramonti", organizzata dalla Pro Loco, Giugno 2007

Ultimo aggiornamento Martedì 23 Dicembre 2008 23:10
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):