Home » Limba Sarda » Sale Maria » Misteriu

Immagini del paese

Immagine 022.jpg

Statistiche

Tot. visite contenuti : 5542183

Notizie del giorno

 
Misteriu PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 5
ScarsoOttimo 
Mercoledì 23 Marzo 2016 19:38

di Maria Sale


Notte muda

cun s’urulare

a tremidas de ‘entu,

e cun s’andanta rendida

‘e su tempus,

torras

pro dare issinzos

a boddire istellas.


Peri su mare

trazan sa barca

remos cun omines

giuntos umpare

e assacarrados

da-e s’unda tua.

E deo istringo

ranzas de nie

pedende a Tie

carignosu alenu.

E binco

cun s’illusione

su misteriu

de cantigos

bolados

chena tzinnu

cun boghe de terra

inciupidora.


E Tue

chi alas tintas

de consolu,

porris

a cua ‘e tottu

a mie chi pedo,

in s’isgramare tristu

‘e sa torrada,

no tramudes s’ispera

in fintos fumos,

e no mi mudes chizas

in s’approdu

inue m’as’a isvelare

sa rejone.


 

 

 

 

 

 

 

Traduzione a cura dell’autrice

 

Mistero


Notte attonita

tra l’ululare

e scuotere del vento,

con l'andatura esausta

del tempo

torni

ad insegnare

a cogliere stelle.


In mezzo al mare

tiran la barca

remi ed uomini

aggiogati insieme

e ricoperti

dalla tua onda.

Ed io stringo

granelli di neve

chiedendo a Te

carezzoso respiro.

Vado

con l’illusione

oltre il mistero

di nenie

svanite

senza cenno

con l’urlo di terra

che dissolve.


E Tu

che ali dipinte

di conforto

porgi

occultamente,

a me che chiedo,

nel triste lamento

del ritorno,

non tramutar speranze

in finti fumi,

e non mutare forme

nell’approdo

dove mi svelerai

la verità.

 

Cfr. MARIA SALE, Carignos de ‘entu, Eds Sassari 2015, pagg. 56-59

Ultimo aggiornamento Venerdì 25 Marzo 2016 10:56
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):