Home » Limba Sarda » Sale Maria » Narami, passizeri...

Immagini del paese

IMG_2877.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 5341141

Notizie del giorno

 
Narami, passizeri... PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 
Lunedì 16 Maggio 2016 00:00

di Maria Sale

- Narami, passizeri ’e attraessos

peri andalas siccas, it’est chi tenes

in sa bertuledda illizida?

Ite costois,

it’est chi cuas, it’est chi arribas

in s’afficcu ‘e intregare? -.


- Sa bertuledda mia

tenet sos pignos frundidos

da-e omines impressados,

bi los mantenet pro cando

han’a torrare.

Est piena ‘e contos de fadas

pro ch’illuder su tempus.

Est piena ‘e berritteddas

pro omines iscabiddados.

Tenet inchizolados

sos momentos inchietos

pro chi b’agatten asseliu

e si potan bogare a car’a mundu.


Sa bertuledda mia

est de pedde ‘e poscrabu

e m’assaccarrat in costas

ispinas incarridas.

M’hat inghettadu palas

chentza miminare pesu,

e as’iscunfidada pessighin

alenos chena pasu

e mi ‘arrian de piusu…


Cun manos arridas

istringo a pettorras

se bartuledda mia illizida

e sigo

a car’a bentos noòs,

chi siccan in ojos

sas movitias de piantu

e coberin su tunciu,

chi orijas anzenas

non poden serare -.


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Traduzione a cura dell’autrice


Dimmi viandante


- Dimmi viandante che vai

per aridi sentieri,

cosa contiene

la tua bisaccia consunta?

Cosa custodisci,

cosa nascondi,

cosa conservi

sperando di tramandarlo? -.


- La mia bisaccia

trattiene i pegni gettati

da uomini frettolosi,

li conserva

per quando ritorneranno.

È colma di racconti di fate

che fan da passatempo.

Contiene le berritteddas

per uomini scapellati.

Tiene accantonati

i momenti inquieti

affinché trovin fermezza

e si possan mostrare poi al mondo.


La mia bisaccia

è in pelle di cinghiale

e ricopre i miei fianchi

dove ho spine incarnite.

Mi ha corroso le spalle,

e vorrei alleggerirla

ma di soppiatto m’inseguono

voci irrequiete

che caricano ancora…


Con mani screpolate

stringo al petto

la mia bisaccia logora.

E vado ancora

e tendo il viso a nuovi venti

che seccan negli occhi

l’esordio di pianto

soffocando il lamento,

da sempre incompreso

ad orecchie straniere -.

 

 

Cfr. MARIA SALE, Carignos de ‘entu, Edes, Sassari 2015, pagg. 60-63.

Ultimo aggiornamento Sabato 14 Maggio 2016 18:12
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):