Home » Limba Sarda » Sale Maria » Sa Bibbia in sardu: Sa Sabientzia – capitulu 15

Immagini del paese

Ch 1.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 7282647

Notizie del giorno

 
Sa Bibbia in sardu: Sa Sabientzia – capitulu 15 PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 
Lunedì 06 Agosto 2018 10:39

di Maria Sale

SABIENTZIA - CAPITULU 15

Israele no est idulatriga

1) Ma tue, Deus nostru, ses bonu e fidele, ses pascienscile e totu guvernas sigundu miserigordia.

2) Fintzas si peccamus, semus tuos, connoschende sa potentzia tua, ma no amus a peccare piusu, ischende chi a tie apartenimus.

3) A ti connoschere, difatis, est giustiscia perfeta, connoschere sa potentzia tua est raighina de immortalidade.

4) Non nos at postu in arrantzia ne s’inventzione umana de un’arte malèsiga, ne s’istòiga fadiga de pintores, immazines abbutinadas de chimai colores,

5) chi a los bidere batit a sos tontos su disizu, sa bramosìa pro una fromma inanimada de un’immazine morta.

6) Amantes de su male e dignos de similes isperas sun sos chi faghen, disizan e veneran sos idolos.

Iscasciumine de sos frabicantes de idulos

7) Unu chi faghet broccas, impastende cun fadiga sa terra modde, frommat pro usu nostru ogni ispessia de pastera. Ma cun su matessi ludu modellat siat sas conzos pro usos detzentes siat cussos pro usos indetzentes, totu a sa matessi manera, calesisiat s’usu de faghere de ognunu de issos l’istabilit su chi faghet broccas e batzinos.

8) Duncas cun odiosa fadiga sagumat cun su matessi ludu unu deus vanu, issu chi, naschidu dae pagu subra sa terra, tra pagu at a torrare dae inue est bennidu, cando l’at a èssere pedidu ite usu at fatu de s’anima sua.

9) Ma issu no si leat pensamentu de su morrere ne de àere una vida curtza, antzis faghet isfida cun sos orafos e sos argentieris, copiat sos tribagliantes de su brunzu e si tenet bantu su sagumare cosas faltzas.

10) Chijina est su coro sou, s’ispera sua pius vile de sa terra, sa vida sua de isputzire pius de su ludu,

11) Pruite disconnoschet su criadore sou, su chi l’at dadu un’anima ativa e l’at intragnadu un’ispiritu biu.

12) Ma issu cunsiderat una buglia sa vida nostra, s’esistentzia unu mercadu de ‘alanzos. Isse narat: “ dae totu, fintzas dae su male, si devet àere profetu”.

13) Custu, difatis, pius de totu ischit chi est pechende, frabichende de materias de terra diligos conzos e istatuas.

Iscasciumine de sos egitzianos: s’insoro idulatrìa universale

14) Ma sun totu tontos meda e pius miserabiles de un’anima innotzente sos inimigos de su populu tou, chi l’an opprimidu.

15) Issos cunsideraian deos fintzas totu sos idolos de sos paganos, sos cales no an s’usu de sos ojos pro ‘idere, ne nare pro torrare alenu, ne orijas pro intendere, ne poddighes de sas manos pro appalpuzare, e sos pes insoro no poden caminare.

16) Un’omine los at fatos, los at sagumados unu chi at apidu s’alenu in prestidu. Como perunu omine podet pius sagumare unu deu simile a issu,

17) sende mortale, produit cun manos malignas una cosa morta. Issu est sempre mezus de sos pignos chi adorat, cunfromma a issos possedit sa vida ma cussos no l’an àere mai.

18) Veneran sos animales pius ischifosos, chi pro istupididade a paragone risultan peus de sos ateros,

19) Non sun tantu bellos de disizare, comente sutzedit pro s’aparentzia de ateros animales, e no an apidu sa lode e sa benedissione de Deus.


Testo in lingua italiana

 

Sapienza - Capitolo 15

Israele non è idolatra

[1]Ma tu, nostro Dio, sei buono e fedele, sei paziente e tutto governi secondo misericordia.

[2]Anche se pecchiamo, siamo tuoi, conoscendo la tua potenza; ma non peccheremo più, sapendo che ti apparteniamo.

[3]Conoscerti, infatti, è giustizia perfetta, conoscere la tua potenza è radice di immortalità.

[4]Non ci indusse in errore né l'invenzione umana di un'arte perversa, né la sterile fatica dei pittori, immagini deturpate di vari colori,

[5]la cui vista provoca negli stolti il desiderio, l'anelito per una forma inanimata di un'immagine morta.

[6]Amanti del male e degni di simili speranze sono coloro che fanno, desiderano e venerano gli idoli.

Follia dei fabbricanti di idoli

[7]Un vasaio, impastando con fatica la terra molle, plasma per il nostro uso ogni sorta di vasi. Ma con il medesimo fango modella e i vasi che servono per usi decenti e quelli per usi contrari, tutti allo stesso modo; quale debba essere l'uso di ognuno di essi lo stabilisce il vasaio.

[8]Quindi con odiosa fatica plasma con il medesimo fango un dio vano, egli che, nato da poco dalla terra, tra poco ritornerà là da dove fu tratto, quando gli sarà richiesto l'uso fatto dell'anima sua.

[9]Ma egli non si preoccupa di morire né di avere una vita breve; anzi gareggia con gli orafi e con gli argentieri, imita i lavoratori del bronzo e ritiene un vanto plasmare cose false.

[10]Cenere è il suo cuore, la sua speranza più vile della terra, la sua vita più spregevole del fango,

[11]perché disconosce il suo creatore, colui che gli inspirò un'anima attiva e gli infuse uno spirito vitale.

[12]Ma egli considera un trastullo la nostra vita, l'esistenza un mercato lucroso. Egli dice: «Da tutto, anche dal male, si deve trarre profitto».

[13]Costui infatti più di tutti sa di peccare, fabbricando di materia terrestre fragili vasi e statue.

Follia degli Egiziani: la loro idolatria universale

[14]Ma sono tutti stoltissimi e più miserabili di un'anima infantile i nemici del tuo popolo, che lo hanno oppresso.

[15]Essi considerarono dei anche tutti gli idoli dei pagani, i quali non hanno né l'uso degli occhi per vedere, né narici per aspirare aria, né orecchie per sentire, né dita delle mani per palpare; e i loro piedi sono incapaci di camminare.

[16]Un uomo li ha fatti, li ha plasmati uno che ha avuto il respiro in prestito. Ora nessun uomo può plasmare un dio a lui simile;

[17]essendo mortale, una cosa morta produce con empie mani. Egli è sempre migliore degli oggetti che adora, rispetto a essi possiede la vita, ma quelli giammai

[18]Venerano gli animali più ripugnanti, che per stupidità al paragone risultan peggiori degli altri;

[19]non sono tanto belli da invogliarsene, come capita per l'aspetto di altri animali, e non hanno avuto la lode e la benedizione di Dio.

 

Ultimo aggiornamento Lunedì 06 Agosto 2018 11:41
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):