Home » Archivio - Chiaramonti Notizie » Comune » Le vie del paese: un percorso di guerra

Immagini del paese

Castello 5.JPG

Statistiche

Tot. visite contenuti : 8698098

Notizie del giorno

 
Le vie del paese: un percorso di guerra PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 14
ScarsoOttimo 
Scritto da Carlo Patatu   
Domenica 08 Marzo 2009 14:55
Si, il reticolo stradale del centro abitato è divenuto ormai un percorso di guerra. Il tempo passa e il piano viabile delle strade mostra evidenti le rughe. Tante rughe. Profonde. Che il trascorrere degli anni accentua e l’incuria degli amministratori ingigantisce.

Cemento o asfalto, poco importa. Il fatto è che il fondo stradale, in tante vie, è costellato di buche, talune delle quali profonde, che nessuno pare intenzionato a eliminare. Nemmeno ricorrendo ai consueti, collaudati e orribili rattoppi. Che, è vero, rappresentano un oltraggio all’estetica; ma che, almeno, risolvono temporaneamente il problema.

In siffatta situazione, il transito di pedoni e autoveicoli non può che essere difficoltoso. Ma anche carico di insidie e pericoli. Fatte salve le strade sistemate qualche anno fa con la posa in opera del selciato, le altre sono rimaste allo 'statu quo'. Con l’aggravante, come abbiamo detto prima, della mancanza di un qualsiasi intervento di manutenzione.

Provare per credere: le vie Raffaello Sanzio e Grazia Deledda, i larghi Azuni e Nicolò Vare, le vie Dante e del Mulino a Vento (ci limitiamo a citare queste, ma l’elenco potrebbe essere molto lungo) appaiono sfregiate da ferite recenti e remote. Che, oltre alle insidie cui abbiamo fatto cenno, non sono un bel vedere per il passante che le deve percorrere. Abituale od occasionale che sia.

E allora? Che fare? È probabile che l’amministrazione comunale abbia in animo d’intervenire per eliminare un tale sconcio; ma che ne sia frenata o impedita dalla mancanza di fondi o altro. Se così fosse, credo che sindaco e assessore competente farebbero bene a darcene notizia. E a rassicurarci che la strade del paese versano nello stato da noi descritto, non per incuria di chi deve provvedervi, ma per le cosiddette “cause di forza maggiore indipendenti dalla volontà di chi amministra”. È nostro diritto saperlo.

Dunque, perchè non ce lo dice, signor sindaco?
Ultimo aggiornamento Domenica 08 Marzo 2009 15:10
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Titolo:
Commento (è consentito l'uso di codice HTML):